We use cookies to track usage and preferences

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VI

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia VI

NON ita complebant Ephyraeae Laidos aedis, ad cuius iacuit Graecia toea fores; turba Menandreae fuerat nec Thaidos olim tanta, in qua populus lusit Erichthonius; nec quae deletas potuit componere Thebas,[5] Phryne tam multis facta beata viris Non così si riempivano le stanze di Laide ad Efira, alle cui porte si slanciò la Grecia intera; né era stata tanta la folla un tempo per la Menandrea Taide, con la quale si divertì il popolo Erittonio ( di Atene); né quella Frine che poté ricostruire Tebe, [5] fu resa felice da così tanti uomini
Maybe you might be interested
quin etiam falsos fingis tibi saepe propinquos, oscula nec desunt qui tibi iure ferant Anzi ti inventi spesso falsi parenti, né mancano quelli che ti danno baci con diritto
Maybe you might be interested
me iuvenum pictae facies, me nomina laedunt, me tener in cunis et sine voce puer;[10] me laedet, si multa tibi dabit oscula mater, me soror et cum quae dormit amica simul: omnia me laedent: timidus sum (ignosce timori) et miser in tunica suspicor esse virum Mi feriscono i ritratti dei giovani, i nomi, un tenero bambino nella culla e ancora senza la parola; [10] mi ferisce la madre, se ti darà molti baci, la sorella e l'amica che dorme insieme: tutto mi ferisce: sono timoroso ( perdona la paura) e infelice sospetto che ci sia un uomo sotto la veste femminile
Maybe you might be interested
his olim, ut fama est, vitiis ad proelia ventum est,[15] his Troiana vides funera principiis; aspera Centauros eadem dementia iussit frangere in adversum pocula Pirithoum Per queste colpe un tempo, com'è fama, si giunse alla guerra, [15] da questi inizi, scorgi i lutti troiani; La stessa feroce follia spinse i Centauri a rompere le coppe contro Piritoo
Maybe you might be interested
cur exempla petam Graium Perché cercherò esempi greci
Maybe you might be interested
tu criminis auctor nutritus duro, Romule, lacte lupae:[20] tu rapere intactas docuisti impune Sabinas: per te nunc Romae quidlibet audet Amor Tu, Romolo, autore del crimine, nutrito dall'aspro latte della lupa: [20] tu insegnasti a rapire impunemente le vergini Sabine: per causa tua ora Amore osa a Roma qualsiasi cosa
Maybe you might be interested
felix Admeti coniunx et lectus Vlixis, et quaecumque viri femina limen amat Felice la sposa di Admeto e il talamo di Ulisse, e ogni donna che ama la casa del marito
Maybe you might be interested
templa Pudicitiae quid opus statuisse puellis,[25] si cuivis nuptae quidlibet esse licet Quale vantaggio aver innalzato templi alla Pudicizia per le fanciulle, [25] se a chiunque sposata è permesso stare con chi vuole
Maybe you might be interested
quae manus obscenas depinxit prima tabellas et posuit casta turpia visa domo, illa puellarum ingenuos corrupit ocellos nequitiaeque suae noluit esse rudis La mano che per prima dipinse pitture oscene e mise in una casa onesta immagini vergognose, quella corruppe gli occhi ingenui delle fanciulle e non volle essere imperfetta della sua dissolutezza
Maybe you might be interested
[30] a gemat, in terris, ista qui protulit arte turpia sub tacita condita laetitia [30] Ah, gema sulla terra, chi con quest'arte produsse cose turpi nascoste sotto una tacita felicità
Following pages
Livio, Ab urbe condita: Libro 45; 23 - 44
Livio, Ab urbe condita: Libro 45; 23 - 44
Plauto, Aulularia: Actus II, 326-349
Plauto, Aulularia: Actus II, 326-349
Gellio, Notti attiche: Liber 2, 7-8
Gellio, Notti attiche: Liber 2, 7-8
Cicerone, Filippiche: 03; 31-35
Cicerone, Filippiche: 03; 31-35
Vitruvio, De Architectura: Libro 05, 07
Vitruvio, De Architectura: Libro 05, 07
Cicerone, De Finibus: Libro 01; 04-06
Cicerone, De Finibus: Libro 01; 04-06
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 35, Paragrafi 105-153
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 35, Paragrafi 105-153
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 03 - Parte 01
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 03 - Parte 01
Quintiliano, Institutio oratoria: Liber 1, 8, 1-12
Quintiliano, Institutio oratoria: Liber 1, 8, 1-12