Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VII

Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia VII

#Propertius #elegiae
Ergo sollicitae tu causa, pecunia, vitae Dunque tu, denaro la causa della vita inquieta
per te immaturum mortis adimus iter; tu vitiis hominum crudelia pabula praebes; semina curarum de capite orta tuo Per te intraprendiamo un prematuro cammino di morte; tu offri crudeli esche ai vizi degli uomini; dal tuo capo nacquero i semi degli affanni
tu Paetum ad Pharios tendentem lintea portus obruis insano terque quaterque mari Tu trascini tre o quattro volte nel mare agitato,Peto che tende le vele verso il porto di Paro

Maybe you might be interested

Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVII
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XVII

[5] nam dum te sequitur, primo miser excidit aevo et nova longinquis piscibus esca natat [5] Infatti mentre ti segue, il misero muore nella prima età e galleggia come nuova esca per i pesci lontani
quod si contentus patrio bove verteret agros, verbaque duxisset pondus habere mea,[10] viveret ante suos dulcis conviva Penates, pauper, at in terra nil nisi fleret opes Che se contento avesse arato i campi con i buoi del padre,e avesse cominciato a tenere in conto le mie parole, [10] vivrebbe gioioso i convivi davanti ai suoi Penati, povero, ma non rimpiangerebbe niente sulla terra se non le ricchezze

Maybe you might be interested

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia III
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia III

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia III

noluit hoc Paetus, stridorem audire procellae et duro teneras laedere fune manus, sed thyio thalamo aut Oricia terebintho[15] effultum pluma versicolore caput Peto non volle ciò, ascoltare lo stridore della tempesta e ferire con la rigida fune le tenere mani, ma in un talamo di cedro o di terebinto di Orizia [15] poggiato il capo su cuscini variopinti
hunc parvo ferri vidit nox improba ligno, et miser invisam traxit hiatus aquam; huic fluctus vivo radicitus abstulit ungues: Paetus ut occideret, tot coiere mala La notte funesta lo vide essere portato via da una piccola barca, e misero bevve l'acqua indesiderata dell'abisso; a costui vivo, il flutto strappò le unghie dalle radici: affinché Peto morisse, si unirono molti mali

Maybe you might be interested

Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia III
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia III

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia III

[20] flens tamen extremis dedit haec mandata querelis cum moribunda niger clauderet ora liquor: 'di maris Aegaei quos sunt penes aequora, venti, et quaecumque meum degravat unda caput, quo rapitis miseros primae lanuginis annos [20] Tuttavia piangendo affidò agli ultimi lamenti queste parole mentre la nera acqua chiudeva la bocca moribonda: "Dei del mare Egeo, i venti che sono presso le acque,e qualunque onda pesi sul mio capo, dove rapite i miseri anni della prima barba
[25] attulimus longas in freta vestra manus [25] Tendemmo lunghe le mani verso le vostre onde

Maybe you might be interested

Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 02
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 02

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 02

ah miser alcyonum scopulis affligar acutis Ah, misero mi abbatterò sugli scogli aguzzi dell'alcione

Maybe you might be interested

Properzio, Elegie: Libro III, Elegia IX
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia IX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia IX

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XII
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XII

Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VIII
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia VIII

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VI
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia VI

Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VI
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia VI