We use cookies to track usage and preferences

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 09, Paragrafi 171 - 175, pag 2

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 09, Paragrafi 171 - 175

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 09, Paragrafi 171 - 175

[175] Piscium genera etiamnum a Theophrasto mira produntur [175] Strani tipi di pesci sono trattati anche da Teofrasto
circa Babylonis rigua decedentibus fluviis in cavernis aquas habentibus remanere quosdam, inde exire ad pabula pinnulis gradientes crebro caudae motu, contraque venantes refugere in suas cavernas et in his obversos stare; capita eorum esse ranae marinae similia, reliquas partes gobionum, branchias ut ceteris piscibus Intorno alle terre irrigue di Babilonia, ritirandosi i fiumi, nei buchi che contengono acque restare alcuni, di lì uscire per il cibo avanzando con le pinne col movimento veloce della coda, e al contrario sfuggire i cacciatori nello loro caverne e in queste pronte ad andare contro; le loro teste essere simili alla rana marina, le altre parti (a quelle) dei ghiozzi, le branchie come per gli altri pesci
Following pages
Livio, Ab urbe condita: Libro 04, 43-47
Livio, Ab urbe condita: Libro 04, 43-47
Livio, Ab urbe condita: Libro 23; 21-30
Livio, Ab urbe condita: Libro 23; 21-30
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 07-08 Parte 01
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 07-08 Parte 01
Quintiliano, Institutio oratoria: Liber 1, 4, 1-15
Quintiliano, Institutio oratoria: Liber 1, 4, 1-15
Tacito, Annales: Libro 04, 25-50
Tacito, Annales: Libro 04, 25-50
Plauto, Miles Gloriosus: Actus II, 272-353
Plauto, Miles Gloriosus: Actus II, 272-353
Cicerone, Cicerone ad Attico: 03,07
Cicerone, Cicerone ad Attico: 03,07
Orazio, Satire: Libro 02, Satira 02
Orazio, Satire: Libro 02, Satira 02
Livio, Ab urbe condita: Libro 24; 41-49
Livio, Ab urbe condita: Libro 24; 41-49