Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 14-29

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 14-29

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 02, Paragrafi 14-29

[14] Quapropter effigiem dei formamque quaerere inbecillitatis humanae reor [14] Pertanto considero (tipico) della fragilità umana cercare l'immagine e la forma di un dio
quisquis est deus, si modo est alius, et quacumque in parte, totus est sensus, totus visus, totus auditus, totus animae, totus animi, totus sui Chiunque sia il dio, se comunque è altro, e in qualunque parte, è tutto sensazione, tutto vista, tutto udito, tutto anima, tutto spirito, tutto se stesso
innumeros quidem credere atque etiam ex vitiis hominum, ut Pudicitiam, Concordiam, Mentem, Spem, Honorem, Clementiam, Fidem, aut, ut Democrito placuit, duos omnino, Poenam et Beneficium, maiorem ad socordiam accedit Certo crederli innumerevoli e anche in base alle debolezze degli uomini, come Pudicizia, Concordia, Intelligenza, Speranza, Onore, Clemenza, Fedeltà, o come piacque a Democrito, soltanto due, Castigo e Beneficio, porta ad una stupidità maggiore
[15] fragilis et laboriosa mortalitas in partes ita digessit infirmitatis suae memor, ut portionibus coleret quisque quo maxime indigeret [15] Fragile e travagliata l'umanità memore della sua debolezza ha distinto in parti, affinché ciascuno coltivasse nelle suddivisioni ciò di cui soprattutto aveva bisogno
itaque nomina alia aliis gentibus et numina in iisdem innumerabilia invenimus, inferis quoque in genera discriptis morbisque et multis etiam pestibus, dum esse placatas trepido metu cupimus Perciò troviamo altri nomi fra altre genti e innumerevoli divinità fra gli stessi, divisi in categorie gli inferi e le malattie e anche molti flagelli, mentre con trepidante timore li desideriamo placati
[16] ideoque etiam publice Febris fanum in Palatio dicatum est, Orbonae ad aedem Larum, ara et Malae Fortunae Esquiliis [16] Perciò anche fu dedicato ufficialmente un tempio alla Febbre sul Palatino, ad Orbona presso la sede dei Lari, un altare anche alla Cattiva Sorte sull'Esquilino
quam ob rem maior caelitum populus etiam quam hominum intellegi potest, cum singuli quoque ex semet ipsis totidem deos faciant Iunones Geniosque adoptando sibi, gentes vero quaedam animalia et aliqua etiam obscena pro dis habeant ac multa dictu magis pudenda, per fetidos cibos, alia et similia, iurantes Pertanto si può pensare la popolazione del cielo maggiore di quella degli uomini, poiché anche gli individui ricavano da se stessi altrettanti dei adottandosi le Giunoni e i Geni, in verità alcuni popoli hanno per divinità animali e alcuni anche immondi e molte cose ancora più vergognose a dirsi, giurando su cibi puzzolenti, aglio e simili
[17] matrimonia quidem inter deos credi tantoque aevo ex iis neminem nasci et alios esse grandaevos semper canosque, alios iuvenes atque pueros, atri coloris, aligeros, claudos, ovo editos et alternis diebus viventes morientesque, puerilium prope deliramentorum est, sed super omnem inpudentiam, adulteria inter ipsos fingi, mox iurgia et odia, atque etiam furtorum esse et scelerum numina [17] Credere poi ai matrimoni fra gli dei e che in così lungo tempo da loro non sia nato nessuno e che alcuni siano sempre anziani e canuti, altri giovani e fanciulli, di colore nero, alati, zoppi, generati da un uovo e a giorni alterni viventi e morenti, è quasi come delle fantasie infantili, ma oltre ogni sfacciataggine, che proprio tra loro siano immaginati gli adulteri, poi liti ed inimicizie, e che ci sono anche divinità dei furti e del delitto
[18] deus est mortali iuvare mortalem, et haec ad aeternam gloriam via [18] Dio significa per un mortale aiutare un mortale, e questa la via per la gloria eterna
hac proceres iere Romani, hac nunc caelesti passu cum liberis suis vadit maximus omnis aevi rector Vespasianus Augustus fessis rebus subveniens Per questa via andarono gli antichi Romani, per questa ora con passo divino va con i suoi figli il massimo reggitore di ogni epoca Vespasiano Augusto venendo in aiuto alle situazioni critiche
Following pages
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 07, Paragrafi 102 - 115
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 07, Paragrafi 102 - 115
Cicerone, Cicerone ad Attico: 01,02
Cicerone, Cicerone ad Attico: 01,02
Livio, Ab urbe condita: Libro 23; 41-49
Livio, Ab urbe condita: Libro 23; 41-49
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 91-95
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 91-95
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 18, Paragrafi 353-365
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 18, Paragrafi 353-365
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 13, Paragrafi 51-71
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 13, Paragrafi 51-71
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 07, Paragrafi 173 - 184
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 07, Paragrafi 173 - 184
Catullo, Carmi: Credis
Catullo, Carmi: Credis
Cicerone, Pro Murena: 01; 86-90
Cicerone, Pro Murena: 01; 86-90