We use cookies to track usage and preferences

Cicerone, In Verrem: 02; 31-35

Cicerone, In Verrem: 02; 31-35

Latino: dall'autore Cicerone, opera In Verrem parte 02; 31-35

[XXXI, 78] Tantaene tuae, Verres, libidines erunt ut eas capere ac sustinere non provinciae populi Romani, non nationes exterae possint

Tune quod videris, quod audieris, quod concupieris, quod cogitaris, nisi id ad nutum tuum praesto fuerit, nisi libidini tuae cupiditatique paruerit, immittentur homines, expugnabuntur domus, civitates non modo pacatae, verum etiam sociorum atque amicorum ad vim atque ad arma confugient, ut ab se atque a liberis suis legati populi Romani scelus ac libidinem propulsare possint

Nam quaero abs te circumsessusne sis Lampsaci, coeperime domum in qua deversabare illa multitudo incendere, voluerintne legatum populi Romani comburere vivum Lampsaceni

Negare non potes; habeo enim testimonium tuum quod apud Neronem dixisti, habeo quas ad eundem litteras misisti
[XXXI, 78] E allora, Verre, le tue passioni saranno così smisurate che né le province del popolo romano né le nazioni straniere riusciranno a contenerle e a sostenerne il peso

Se dunque non sarà a tua disposizione, al primo cenno che farai, e non si piegherà alle tue brame lascive tutto ciò che avrai visto, ciò che avrai sentito, ciò che avrai desiderato e pensato, si invieranno uomini allattacco, si espugneranno case, città non solo pacifiche ma pure di amici e alleati faranno ricorso alla forza delle armi per poter allontanare da sé e dai loro figli la scellerata libidine di un legato del popolo romano

Infatti, ti domando sei stato assediato a Lampsaco, quella popolazione sè messa in massa ad appiccare il fuoco alla casa dove alloggiavi, gli abitanti di Lampsaco avevano lintenzione di bruciare vivo un legato del popolo romano

Non ti è possibile negarlo; è in mie mani, infatti, la deposizione che hai fatta tu davanti a Nerone insieme con la relazione da te inviata allo stesso magistrato
Maybe you might be interested
[79] Recita hunc ipsum locum de testimonio

TESTIMONIUM C VERRIS IN ARTEMIDORUM NON MULTO POST IN DOMUM

Bellumne populo Romano Lampsacena civitas facere conabatur

Deficere ab imperio ac nomine nostro volebat

Video enim et ex iis quae legi et audivi intellego, in qua civitate non modo legatus populi Romani circumsessus, non modo igni, ferro, manu, copiis oppugnatus, sed aliqua ex parte violatus sit, nisi publice satis factum sit, ei civitati bellum indici atque inferri solere

[80] Quae fuit igitur causa cur cuncta civitas Lampsacenorum de contione, quem ad modum tute scribis, domum tuam concurreret

Tu enim neque in litteris quas Neroni mittis, neque in testimonio causam tanti tumultus ostendis ullam
[79] Leggi proprio questo passo concernente la deposizione

DEPOSIZIONE DI C VERRE CONTRO ARTEMIDORO NON MOLTO DOPO CONTRO LA CASA

La città di Larnpsaco azzardava una guerra contro il popolo romano

Aveva lintenzione di ribellarsi allautorità del nostro impero

Comprendo bene, infatti, rifacendomi alla tradizione sia scritta che orale, che di solito si dichiara e si porta guerra, a meno che non sia stata data pubblica soddisfazione, a quella città nella quale un legato del popolo romano sia stato non dico assediato, non dico assalito con il fuoco il ferro e la violenza di uomini armati, ma anche soltanto offeso in qualche modo

[80] Quale motivo, dunque, spinse tutta la popolazione di Lampsaco a correre in massa, come proprio tu scrivi, dal luogo dellassemblea alla tua casa

Infatti nella relazione da te inviata a Nerone e nella tua deposizione non dai nessuna spiegazione di un sì grave tumulto
Maybe you might be interested
Obsessum te dicis, ignem adlatum, sarmenta circumdata lictorem tuum occisum esse dicis, prodeundi tibi in publicum potestatem factam negas

Causam huius tanti tertoris occultas

Nam si quam Rubrius iniuriam suo nomine ac non impulsu tuo et tua cupiditate fecisset, de tui comitis iniuria questum ad te potius quam te oppugnatum venirent

Cum igitur quae causa illius tumultus fuerit testes a nobis producti dixerint, ipse celarit, nonne causam hanc quam nos proposuimus cum illorum testimonia tum istius taciturnitas perpetua confirmat

[XXXII, 81] Huic homini parcetis igitur, iudices, cuius tanta peccata sunt ut ii quibus iniurias fecerit neque legitimum tempus exspectare ad ulciscendum neque vim tantam doloris in posterum differre potuerint

Circumsessus es

A quibus
Parli dellassedio da te subito, dellincendio appiccato, delle fascine sparse allintorno, delluccisione del tuo littore, dellimpedimento a uscire fuori

La causa di questa situazione così tremenda la taci

Se Rubrio, infatti, avesse commesso qualche prepotenza a suo titolo personale e non già indotto dai tuoi appetiti sensuali, sarebbero venuti da te a presentare le loro lagnanze per loffesa ricevuta da un membro del tuo seguito, non già ad assediarti

Poiché dunque i testi da noi prodotti ci hanno riferito la causa di quel tumulto mentre proprio lui lha taciuta, tanto le deposizioni dei nostri testi quanto lininterrotto silenzio dellimputato non sono la conferma della veridicità del motivo che noi abbiamo esposto

[XXXII, 81] questo dunque, signori giudici, luomo che voi risparmierete, un uomo colpevole di crimini così gravi che la parte lesa non ce lha fatta né ad attendere il tempo fissato dalla legge i per esigerne la punizione, né a rimandare a più tardi uno sfogo così violento del suo dolore

Sei stato assediato

Da chi
Maybe you might be interested
A Lampsacenis

Barbaris hominibus, credo, aut iis qui populi Romani nomen contemnerent

Immo vero ab hominibus et natura et consuetudine et disciplina lenissimis, porro autem populi Romani condicione sociis, fortuna servis, voluntate supplicibus: ut perspicuum sit omnibus, nisi tanta acerbitas iniuriae, tanta vis sceleris fuisset ut Lampsaceni moriendum sibi potius quam perpetiendum putarent, numquam illos in eum locum progressuros fuisse ut vehementius odio libidinis tuae quam legationis metu moverentur

[82] Nolite, per deos immortalis, cogere socios atque exteras nationes hoc uti perfugio, quo, nisi vos vindicatis, utentur necessario
Dagli abitanti di Lampsaco

Da barbari, penso, o da ribelli allimpero del popolo romano

Anzi,in verità, da persone straordinariamente miti per carattere, costumi ed educazione addirittura da persone nella condizione di alleati, per sorte schiavi per volontà supplici del popolo romano: è di conseguenza ben evidente che, se loltraggio non fosse stato così grave e la scelleratezza così atroce che gli abitanti di Lampsaco preferirono affrontare la morte piuttosto che subire passivamente, giammai essi sarebbero giunti al punto di sentirsi spinti ad agire più dallodio per la tua libidine che dalla paura della tua carica di legato

[82] In nome degli dei immortali, non costringete gli alleati e i popoli stranieri a fare ricorso a questo mezzo estremo, al quale dovranno inevitabilmente ricorrere se voi adesso non comminate la giusta punizione
Maybe you might be interested
Lampsacenos in istum numquam ulla res mitigasset nisi eum poenas Romae daturum credidissent: etsi talem acceperant iniuriam, quam nulla lege satis digne persequi possent, tamen incommoda sua nostris committere legibus et iudiciis quam dolori suo permittere maluerunt Nulla avrebbe mai potuto mitigare lira degli abitanti di Lampsaco contro costui, se non avessero avuto fiducia nella giusta punizione che lo avrebbe colpito qui a Roma: anche se avevano subito un oltraggio tale che nessuna punizione contemplata dalla legge riuscirebbe a soddisfarli, tuttavia hanno preferito affidare alle nostre leggi e ai nostri tribunali piuttosto che alla propria collera il compito di porre riparo alle loro disgrazie
Maybe you might be interested
Tu mihi, cum circumsessus a tam inlustri civitate sis propter tuum scelus atque flagitium, cum coegeris homines miseros et calamitosos quasi desperatis nostris legibus et iudiciis ad vim, ad manus, ad arma confugere, cum te in oppidis et civitatibus amicorum non legatum populi Romani, sed tyrannum libidinosum crudelemque praebueris, cum apud exteras nationes imperi nominisque nostri famam tuis probris flagitiisque violaris, cum te ex ferro amicorum populi Romani eripueris atque ex flamma sociorum evolaris, hic tibi perfugium speras futurum

Erras: ut huc incideres, non ut hic conquiesceres, illi te vivum exire passi sunt

[XXXIII, 83] Et ais iudicium esse factum te iniuria circumsessum esse Lampsaci, quod Philodamus cum filio condemnatus sit
Dimmi, essendo stato tu assediato in casa dagli abitanti di una così nobile città a causa della tua turpe scelleratezza, avendo tu costretto dei miseri e degli sventurati a fare ricorso alla violenza impugnando le armi, come se non avessero più niente da sperare nelle nostre leggi e nei nostri tribunali, essendoti tu comportato in città e stati amici non già come un legato del popolo romano, ma come un tiranno lascivo e crudele, avendo tu macchiato in terra straniera con i tuoi turpi misfatti la buona reputazione del nostro impero e del nostro popolo, essendo tu scampato al ferro di amici del popolo romano e sottratto velocissimamente alle fiamme appiccate da alleati, speri forse che questo tribunale sarà pet te un rifugio

Ti sbagli: thanno lasciato uscire vivo dalla loro città perché cadessi qui nelle maglie della giustizia, non perché vi trovassi un tranquillo riposo

[XXXIII, 83] Tu affermi, poi, lilliceità dellassedio da te subito a Lampsaco, sanzionato dalla sentenza di condanna di Filodamo e del figlio
Maybe you might be interested
Quid, si doceo, si planum facio teste homine nequam, verum ad hanc rem tamen idoneo te ipso, inquam, teste docebo te huius circumsessionis tuae causam et culpam in alios transtulisse, neque in eos, quos tu insimularas, esse animadversum

Iam nihil te iudicium Neronis adiuvat

Recita quas ad Neronem litteras misit

EPISTULA C VERRIS AD NERONEM

THEMISTAGORAS ET THESSALUS

Themistagoram et Thessalum scribis populum concitasse

Quem populum

Qui te circumsedit, qui te vivum comburere conatus est

Ubi hos persequeris, ubi accusas, ubi defendis ius nomenque legati

In Philodami iudicio dices id actum

[84] Cedo mihi ipsius Verris testimonium: videamus quid idem iste iuratus dixerit

Recita
Ma quale sarà la tua risposta se dimostro, se provo con tutta evidenza sulla base della deposizione di un vero furfante, ma che è tuttavia ben adatto a questa bisogna, lo ripeto, proprio in base alla tua deposizione dimostrerò che tu hai fatto ricadere su altri la causa e la colpa di questassedio, e che la condanna non ha colpito coloro che tu avevi accusato del fatto

La sentenza di Nerone non ti porta più nessun aiuto

Leggi il rapporto inviato a Nerone

LETTERA DI C VERRE A NERONE

TEMISTAGORA E TESSALO

Tu scrivi che furono Temistagora e Tessalo ad aizzare il popolo

Quale popolo

Quello che tha assediato tentando di bruciarti vivo

E dovè che tu chiami in giudizio costoro, dovè che li accusi, dovè che difendi i diritti e il titolo di legato

Sosterrai che si tratta di questioni esaminate durante il processo contro Filodamo

[84] Mostrami la testimonianza dello stesso Verre; vediamo cosha detto, sempre lui, sotto il vincolo del giuramento

Leggi
Maybe you might be interested
AB ACCUSATORE ROGATUS RESPONDIT IN HOC IUDICIO NON PERSEQUI: SIBI IN ANIMO ESSE ALIO TEMPORE PERSEQUI

Quid igitur te iuvat Neronis iudicium, quid Philodami damnatio

Legatus cum esses circumsessus, cumque, quem ad modum tute ad Neronem scripsisti, populo Romano communique causae legatorum facta esset insignis iniuria, non es persecutus: dicis tibi in animo esse alio tempore persequi

Quod fuit id tempus

Quando es persecutus

Cur imminuisti ius legationis, cur causam populi Romani deseruisti ac prodidisti, cur iniurias tuas coniunctas cum publicis reliquisti

Non te ad senatum causam deferre, non de tam atrocibus iniuriis conqueri, non eos homines qui populum concitarant consulum litteris evocandos curare oportuit
A DOMANDA DELLACCUSATORE RISPOSE CHE IN QUESTO PROCESSO NON PERSEGUIVA GIUDIZIALMENTE NESSUNO AVENDO INTENZIONE DI FARLO IN UN ALTRO MOMENTO

Quale appoggio ti dà dunque la sentenza di Nerone e quale la condanna di Filodamo

Tu, per quanto fossi stato assediato mentre eri legato e per quanto un grave oltraggio fosse stato fatto, come tu stesso hai scritto a Nerone, al popolo romano e allonore di tutti i legati, non hai perseguito in giudizio colpevoli: esprimi lintenzione di farlo in un altro momento

E qual è stato questo momento

Quandè che hai intentato causa

Perché hai sminuito i diritti connessi con la funzione di legato, perché hai abbandonato e tradito la difesa degli interessi del popolo romano, perché hai lasciato impunite le offese fatte a te e insieme alla repubblica

Non dovevi forse rimettere lesame della questione al senato, fare le tue lagnanze per sì atroci oltraggi, far emettere dai consoli un mandato di comparizione per i sobillatori del popolo
Maybe you might be interested
[85] Nuper M Aurelio Scauro postulante, quod is Ephesi se quaestorem vi prohibitum esse dicebat quo minus e fano Dianae servum suum, qui in illud asylum confugisset, abduceret, Pericles Ephesius, homo nobilissimus, Romam evocatus est, quod auctor illius iniuriae fuisse arguebatur: tu, si te legatum ita Lampsaci tractatum esse senatum docuisses ut tui comites vulnerarentur, lictor occideretur, ipse circumsessus paene incenderere, eius autem rei duces et auctores et principes fuisse, quos scribis, Themistagoram et Thessalum, quis non commoveretur, quis non ex iniuria quae tibi esset facta sibi provideret, quis non in ea re causam tuam, periculum commune agi arbitraretur

Etenim nomen legati eius modi esse debet quod non modo inter sociorum iura, sed etiam inter hostium tela incolume versetur
[85] Recentemente, su richiesta di M Aurelio Scauro , che dichiarava che a Efeso si era fatto ricorso alla forza per impedire a lui questore di condurre via dal tempio di Diana un suo schiavo che vi aveva cercato asilo, fu citato a comparire a Roma, in quanto accusato di essere il responsabile di quelloltraggio, un nobilissimo cittadino di Efeso, Pericle: e se tu avessi informato il senato del trattamento fatto a te legato a Lampsaco -ferimento del tuo seguito, uccisione di un tuo littore, assedio in casa per te quasi morto bruciato e sui capi e ispiratori principali del tumulto, Temistagora e Tessalo, che tu nomini nella tua lettera, chi non avrebbe provato una profonda emozione, chi in seguito alloltraggio fatto a te non avrebbe provveduto alla propria sicurezza, chi non avrebbe a tal proposito ritenuto sì tua la causa, ma e comune a tutti il pericolo

Ché il titolo di legato deve essere tale da rimanere inviolato non soltanto in mezzo ai diritti degli alleati, ma addirittura tra le armi dei nemici
[XXXIV, 86] Magnum hoc Lampsacenum crimen est libidinis atque improbissimae cupiditatis: accipite nunc avaritiae prope modum in suo genere non levius

Milesios navem poposcit, quae eum praesidi causa Myndum prosequeretur: illi statim myoparonem egregium de sua classe ornatum atque armatum dederunt

Hoc praesidio Myndum profectus est

Nam quid a Milesiis lanae publice abstulerit, item de sumptu in adventum, de contumeliis et iniuriis in magistratum Milesium tametsi dici cum vere tum graviter et vehementer potest, tamen dicere praetermittam eaque omnia testibus integra reservabo: illud, quod neque taceri ullo modo neque dici pro dignitate potest, cognoscite
[XXXIV, 86] Questa di Lampsaco è una grave colpa imputabile alla sua libidine e alla sua brama; state adesso a sentirne unaltra dovuta alla sua avidità, che suppergiù non è nel suo genere meno grave

Chiese ai Milesii una nave che lo scortasse fino a Mindo; immediatamente gli venne dato un bel brigantino preso dalla loro flotta, ben equipaggiato e armato

Con questa scorta partì per Mindo

Ché della quantità di lana che tolse ai Milesii in nome dello stato, delle spese che fece fare per il suo arrivo, delle offese e degli oltraggi alla più alta autorità locale, per quanto potrei parlare non solo con esattezza ma pure in termini severi e forti, per ora tuttavia lascerò correre riserbando integralmente questi fatti alle deposizioni testimoniali; state a sentire invece un fatto che non potrebbe in nessun modo né essere taciuto né essere esposto come meriterebbe
Following pages
Cicerone, Filippiche: 14; 01-05
Cicerone, Filippiche: 14; 01-05
Vitruvio, De Architectura: Libro 06, 06, 1.7
Vitruvio, De Architectura: Libro 06, 06, 1.7
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 35, Paragrafi 01-71
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 35, Paragrafi 01-71
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 25, Paragrafi 91-100
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 25, Paragrafi 91-100
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VI
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VI
Livio, Ab urbe condita: Libro 45; 23 - 44
Livio, Ab urbe condita: Libro 45; 23 - 44
Plauto, Aulularia: Actus II, 326-349
Plauto, Aulularia: Actus II, 326-349
Gellio, Notti attiche: Liber 2, 7-8
Gellio, Notti attiche: Liber 2, 7-8
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXIII
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXIII