Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 09

Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 09

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 09

Dicebam tibi venturos, irrisor, amores Nec tibi perpetuo libera verba fore: Ecce iaces supplexque venis ad iura puellae, Et tibi nunc quaevis imperat empta modo Te lo dicevo, beffardo, che l'amore sarebbe venuto e che non per sempre ci sarebbero state parole libere: ecco giaci e vai supplice ai giuramenti di una donna, e ti comanda una qualunque comprata da poco
Non me Chaoniae vincant in amore columbae [5] Dicere, quos iuvenes qua eque puella domet Le colombe Caonie non mi vincerebbero in amore [5] a dire quali giovani ciascuna fanciulla domi
Me dolor et lacrimae merito fecere peritum: Atque utinam posito dicar amore rudis Il dolore e le lacrime mi resero giustamente esperto: e possa libero dall'amore essere detto novizio
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XVII

Quid tibi nunc misero prodest grave dicere carmen Aut Amphioniae moenia flere lyrae Che ti giova ora, misero, comporre un triste poema o piangere le mura della lira di Anfione
[10] Plus in amore valet Mimnermi versus Homero: Carmina mansuetus lenia quaerit Amor I quaeso et tristis istos compone libellos, Et cane quod quaevis nosse puella velit [10] Vale più in amore un verso di Mimnermo che Omero: Amore mansueto ricerca dolci carmi, Va, ti prego e componi questi tristi libri, e canta ciò che qualunque fanciulla vorrebbe ascoltare
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia IV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia IV

Quid si non esset facilis tibi copia  Che se non ti fosse facile l'abbondanza
nunc tu [15] Insanus medio flumine quaeris aquam Ora tu, [15] folle, cerchi l'acqua in mezzo al fiume
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia II

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia II

Necdum etiam palles, vero nec tangeris igni: Haec est venturi prima favilla mali E non ancora sei pallido, né in verità ti accosterai al fuoco: questa è la prima scintilla di un male futuro
Tum magis Armenias cupies accedere tigres Et magis infernae vincula nosse rotae, [20] Quam pueri totiens arcum sentire medullis Et nihil iratae posse negare tuae Allora vorrai piuttosto avvicinare le tigri armene, e conoscere le catene della ruota infernale [20] che sentire tante volte l'arco del fanciullo nel midollo e non poter negare nulla alla tua donna adirata
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia VII

Nullus Amor cuiquam faciles ita praebuit alas, Ut non alterna presserit ille manu Mai Amore a nessuno offrì ali così lievi che quello non sentisse alternativamente il peso della mano
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia VIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia VIII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia I

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia I

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia VII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia VII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XVIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XVIII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XX