Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVIII

Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XVIII

Haec certe deserta loca et taciturna querenti, Et vacuum Zephyri possidet aura namus: Hic licet occultos proferre inpune dolores, Si modo sola queant saxa tenere fidem Questi luoghi davvero deserti e silenziosi per chi si lamenta, e l'aria dello Zefiro domina il bosco vuoto: qui è permesso manifestare impunemente i dolori, nascosti purché i sassi solitari sappiano mantenere il segreto
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XIX

Score 5.4%

Unde tuos primum repetam, mea Cynthia,fastus Da dove, mia Cinzia, comincerò a ricordare il tuo orgoglio
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VII

Score 46.9%

[5] Quod mihi das flendi, Cynthia, principium [5] Quale inizio per piangere mi dai, o Cinzia
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXVI

Score 40.9%

Qui modo felices inter numerabar amantes, Nunc in amore tuo cogor habere notam; quid tantum merui Io che poco fa mi annoveravo tra gli amanti felici, ora sono costretto ad avere l'offesa nell'amore tuo: perché meritai tanto
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia XI

Score 40.9%

Quae te mihi crimina mutant Quali colpe ti mutano verso me
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 14

Score 19.2%

An nova tristitiae causa puella tuae Forse una nuova amante la causa della tua tristezza
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XII

Score 14.3%

[10] Sic mihi te referas levis, ut non altera nostro Limine formosos intulit ulla pedes [10] Così dolce possa tornare a me, come nessun'altra portò i bei piedi nella mia soglia
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia V

Score 20.3%

Quamvis multa tibi dolor hic meus aspera debet, Non ita saeva tamen venerit ira mea, Ut tibi sim merito semper furor et tua flendo [15] Lumina deiectis turpia sint lacrimis Sebbene questo mio dolore ti procurerà molte difficoltà, tuttavia non così crudele sarà sopraggiunta la mia ira, che sia meritevole sempre del tuo furore e che piangendo [15] i tuoi occhi siano rovinati dalle lacrime sparse
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XXII

Score 17.9%

An quia parva damus mutato signa colore, Et non ulla meo clamat in ore fides Forse perché diamo un piccolo segno col cambiare colore, e nessuna fedeltà grida sul mio viso
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXV

Score 4.7%

Vos eritis testes, si quos habet arbor amores, Fagus et Arcadio pinus amica deo Voi sarete testimoni, se l'albero prova qualche sentimento, Faggio e Pino amici al dio Arcadio