La ghigliottina di Johann Reichhart

la ghigliottina di Johann Reichhart

ultimo grande boia dell'era moderna, la famiglia aveva una lunga tradizione di carnefici professionisti. Si dice abbia ucciso piu di 3000 persone con la ghigliottina

#nazism

Adolph Hitler lo adorava per la sua efficienza. La ghigliottina tedesca era veloce e facile da spostare per il paese. Più piccola di quella francese e con una lama più pesante. I  nazisti la usavano contro:

  1. dissidenti politici
  2. persone contrarie alla guerra
  3. chi parlava male del governo alla radio

Reichhart viaggiava per la nazione portando con se la ghigliottina e indossando abiti formali. Giustiziava i nemici del regime e questo lo faceva sentire nel giusto. Era un uomo austero che raramente sorrideva.

ghigliottina dell'epoca nazista ghigliottina dell’epoca nazista

La lama veniva sollevata fino in cima pronta all'uso, il condannato veniva trascinato da due aiutanti è legato sull'abaco. Veniva piegato in avanti e fatto scivolare fino a quando non gli veniva bloccato il capo. Per Reichhart non era ancora abbastanza veloce, rimuove la bascula e niente più fibbie. Due aiutanti l'avrebbero tenuto fermo, non c'era tempo da perdere, erano troppe le esecuzioni da affrontare. In un attimo la  testa cadeva, un imbuto speciale raccoglieva il sangue che veniva assorbito dalla segatura. Ogni meccanismo era studiato per uccidere più persone nel minor tempo possibile. Ogni esecuzione doveva essere eseguita dal suono di una campana così che i prigionieri sentendola, capissero quello che stava succedendo. Quando la campana si fermava l'esecuzione era terminata. Reichhart riesce a decapitare 168 persone in una sola notte.

Hilter si convinse che la ghigliottina doveva diventare il principale strumento di esecuzione della Germania nazista. Ne vengono costruiti 20 e fatti consegnare alle prigioni del  reich.

Maybe you might be interested

la ragionevole certezza che Hitler non si è suicidato
la ragionevole certezza che Hitler non si è suicidato

nel 2014 per ordine del presidente degli stati uniti sono state desecretate oltre 700 pagine di documenti del FBI le cui informazioni contrastano con il presunto suicidio

SOPHIE SCHOLL

Il 22 febbraio 1943 tra le vittime di Reichhart finisce anche Sophie Scholl. Il suo crimine era stato quello di essere uno dei leader del movimento della rosa bianca che si opponeva in modo non violento al regime scrivendo e distribuendo volantini agli studenti universitari di Monaco.

Si stima che i nazisti uccisero con lo strumento della ghigliottina circa 16.500 persone. Il mestiere del boia era un lavoro che rendeva molto ricchi. Reichhart riceveva uno stipendio di 3.000 marchi a cui si doveva aggiungere un bonus di 75 marchi per ogni esecuzione. Aveva accumulato una fortuna di oltre 200 mila marchi l'equivalente di oltre un milione di sterline attuali.

Il regime pretese che i parenti dovessero accollarsi la spesa per le carte burocratiche e di esecuzione.  Da questa somma veniva presa la paga di Reichhart, quindi i parenti pagavano per l'uccisione del caro defunto.

Quando si intravede la fine della guerra, Berlino viene costantemente bombardata dagli aerei degli alleati ma  Reichhart non si ferma e gira il paese per rispettare la sua tabella delle esecuzioni. Verrà infine catturato e per non passare il resto della vita in carcere, accetta la proposta dei nemici. Doveva uccidere per impiccagione e decapitazione gli ufficiali e soldati tedeschi imprigionati. Sarebbe stato il famoso boia nazista ad ucciderli, in una sorta di vendetta psicologica

Maybe you might be interested

la sfrenata ambizione di Hermann Goering
la sfrenata ambizione di Hermann Goering

Tossicodipendente e numero due del terzo reich descritto come amorale, disonesto, ladro, assassino, spaccone, spietato ed ambizioso. Viveva nello sfarzo di opere saccheggiate nei territori conquistati...

I misteri della villa di Gustav Winter
I misteri della villa di Gustav Winter

Risulta essersi trasferito nelle Canarie nel 1930. Gustav Winter era presente nel database del FBI come personaggio nazista sgradito e qui aveva una villa che si trovava in mezzo al nulla, isolata, pe...

Hitler destituisce Heinrich Himmler
Hitler destituisce Heinrich Himmler

In patria Himmler recita il ruolo di ufficiale ligio al suo dovere, di patriota, di uomo fedele al fuhrer mentre in segreto cerca di stabilire contatti con gli alleati. Vuole discutere i termini della...

l’architetto Albert Speer alla corte di Hitler
l’architetto Albert Speer alla corte di Hitler

veniva da una famiglia borghese e scopre casualmente la figura di Adolph Hilter durante una manifestazione del partito nazista. Tenterà di rimodellare la sua figura di "nazista buono" all'uscita dal ...

ufficiale tedeschi cospirano contro Hitler
ufficiale tedeschi cospirano contro Hitler

Nel 1940 Hitler conquista la Francia e il suo potere è all'apice. In Germania un opposizione politica non riesce a formarsi ma molti cominciano a capire la follia del fuhrer e vogliono fermarlo. Vari...

Il generale Heinz Guderian incontra un Hitler invecchiato
Il generale Heinz Guderian incontra un Hitler invecchiato

la Germania è attaccata dall'alto. Gli alleati bombardano ininterrottamente e fine luglio 1943 attaccano Amburgo

come nasce l’idea della sedia elettrica
come nasce l’idea della sedia elettrica

Nel 1885 George Smith, impiegato della Brush Eletric Light, decise di vendicarsi per il licenziamento, causa ubriachezza molesta, sabotando una centralina elettrica dello stabilimento di Buffalo, Stat...

il muro di Berlino come soluzione al richiamo allettante del piano Marshall
il muro di Berlino come soluzione al richiamo allettante del piano Marshall

lungo 155 km, simbolo della contrapposizione tra comunisto e capitalismo, in una città divisa tra 4 vincitori, era la disperata soluzione russa per bloccare l'esodo di massa

"per un uomo di Stato ballare è un’attività indegna"
"per un uomo di Stato ballare è un’attività indegna"

Hitler detestava ballare e gli sforzi che furono fatti per fargli prendere lezioni di danza privata furono vani. Diceva categoricamente di no