Donne di Algeri nei loro appartamenti - Eugène Delacroix

Donne di Algeri nei loro appartamenti - Eugène Delacroix

Dopo la colonizzazione di Algeri da parte dei francesi, Delacroix parte per un viaggio alla scoperta di usi e costumi di una nuova civiltà. Il pittore esplora la vita quotidiana così come la vede, un Oriente, sublime, vivace, sorprendente. Un viaggio che lo invanghisce dei posti visitati e dalla vivacità dei colori

L'artista ritrae l'interno di una casa nella dimensione intima delle donne orientali che vi abitano. Donne di tale bellezza, fino a quel momento solo immaginate, vengono ora riportate su tela. L'harem è uno spazio chiuso agli stranieri. La legge islamica proibiva l'accesso diretto in quanto luogo di intimità e segretezza, ma Delacroix, grazie a dei contatti locali e potenti, ottiene il permesso. A lui non interessano regole, convenzioni e consuetudini dei precetti morali. Stufo di pale d'altare o della pittura sacra o mitologica, si concentra sul presente e sul tema della sessualità e delle sostanze stupefacenti

L'ambiente è ricco di stimoli visivi:

  • uno specchio veneziano con cornice d'oro
  • del vasellame e bicchieri in vetro
  • le ciabatte abbandonate su preziosi tappeti persiani
  • un mobile incassato nel muro con due ante di cui una semiaperta
  • pavimento decorato da piastrelle
  • una tenda al centro scoperta lascia intravedere la camera da letto - boudoir

Le donne di cultura musulmana, rilassate e scalze, si presentano in tutta la loro folgorante bellezza. La loro sensualità esotica e sapientemente espressa. Cercano una posa naturale e si concedono al pennello dell'artista nei loro sguardi languidi. Una luce esterna proveniente da sinistra, le illumina. Inondante da colori ed effetti cromatici, sono raffigurate in tono caldi e vivi. Indossano abiti da camera riccamente decorati e accessori che ne esaltano la femminilità come collane, perle, anelli e preziose stoffe. Solitamente la loro vita si svolgeva nel tessere, danzare e aspettare l'uomo, recluse nei loro appartamenti.

  1. Sulla destra una donna di colore, probabilmente una serva, indossa un vistoso turbante ed è in piedi in movimento. Sembra stia per uscire dalla scena mentre osserva le altre donne
  2. Una donna è adagiata su di un cuscino più distante dalle altre, ha le gambe scoperte sotto il ginocchio così come le altre. Intorno al collo diversi giri di perle con le dita della mano sinistra, pieni di anelli
  3. segue una seconda donna con le gambe raccolte. Nel collo una sciarpa gialla, nella caviglia sinistra un gioiello e lo sguardo rivolto verso la terza presenza femminile
  4. la terza rivolge lo sguardo verso il basso. Ha una veste bianca, che alla luce, la risalta più delle altre, la mano sinistra ornata di gioielli ed è intenta a fumare hashish da un narghilè. La sua acconciatura è decorata da una rosa e indossa orecchini con un motivo floreale

Nel quadro, acquistato dal re francese Luigi Filippo, l'attenzione si sposta da una figura all'altra, e ovunque simboli di una cultura lontana anni luce da quella europea

Maybe you might be interested

giovane donna detta la Schiava turca - Parmigianino
giovane donna detta la Schiava turca - Parmigianino

la titolazione schiava turca negli inventari si deve certamente al copricapo che ricorda un turbante e alle catenelle dorate che appaiono negli sbuffi delle maniche

Madame Clémentine Stora (l’Algérienne), 1870
Madame Clémentine Stora (l’Algérienne), 1870

Posò una ricca signora nordafricana, moglie di un mercante di tappeti che poi, giudicando orribile Il quadro, vollè rivenderlo quasi subito per 300 franchi. E’ un ritratto insolito, esuberante in ...

Tempesta sedata - Eugene Delacroix
Tempesta sedata - Eugene Delacroix

una burrasca si scatena nel mare di Galilea - narrato nel Vangelo di Marco - e provoca agitazione in buona parte dei personaggi a bordo. Un onda si avvicina velocemente e sembra sul punto di travolger...

regole e vita sociale all’interno di un harem
regole e vita sociale all’interno di un harem

L'attività sessuale del sultano non era cosa privata ma un affare di Stato. Lo scopo era produrre eredi e le donne venivano selezionate, preparate per questo

l’amore di Selim e Zuleika in: La Sposa di Abido di Eugène Delacroix
l’amore di Selim e Zuleika in: La Sposa di Abido di Eugène Delacroix

l'artista prese spunto da un opera di Byron che narra di una donna che vuole sfuggire ad un matrimonio organizzato dal pascià per unirsi al suo amore, il pirata Selim. Nella notte fugge dalla torre d...

La grande odalisca - Jean-Auguste-Dominique Ingres
La grande odalisca - Jean-Auguste-Dominique Ingres

l'impulso iniziale del medio Oriente fu innescato dalle campagne di Napoleone in Egitto i cui corpi di spedizione furono affiancati da studiosi archeologi. Al loro ritorno in Francia le osservazioni d...

Buon samaritano - Eugene Delacroix

morte di Sardanapalo - Eugène Delacroix

Episodi dei massacri di Scio: famiglie greche attendono la morte o la schiavitù - Eugene Delacroix, 1824

La Grecia spirante sulle rovine di Missolungi - Eugene Delacroix, 1826

La Marianne che guida il popolo