Virgilio, Eneide: Libro 11 - IL LAMENTO DI EVANDRO

Virgilio, Eneide: Libro 11 - IL LAMENTO DI EVANDRO

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 11 - IL LAMENTO DI EVANDRO

Et iam Fama volans, tanti praenuntia luctus, Evandrum Evandrique domos et moenia replet, polipt, quae modo victorem Latio Pallanta ferebat E già la Fama volando, annunciatrice di così grave lutto, riempie Evandro, le mura e le case di Evandro, quella che or ora raccontava al Lazio Pallante vincitore
Maybe you might be interested
Arcades ad portas ruere et de more vetusto funereas rapuere faces; lucet via longo ordine flammarum et late discriminat agros Gli Arcadi corsero alle porte e secondo l'antico costume strapparono torce funeree; la via splende per il lungo corteo di fiamme ed tutt'intorno disegna i campi
Maybe you might be interested
contra turba Phrygum veniens plangentia iungit agmina La folla dei Frigi venendo incondo congiunge le schiere piangenti
Maybe you might be interested
quae postquam matres succedere tectis viderunt, maestam incendunt clamoribus urbem Ma dopo che lemadri le videro avvicinarsi alle case, accendono l'angosciata città di grida
Maybe you might be interested
at non Evandrum potis est vis ulla tenere, sed venit in medios Ma nessuna forza è capace di tenere Evandro, e venne in mezzo
Maybe you might be interested
feretro Pallante reposto procubuit super atque haeret lacrimansque gemensque, et via vix tandem voci laxata dolore est: 'non haec, o Palla, dederas promissa parenti, cautius ut saevo velles te credere Marti Si gettò su Pallante deposto nel feretro e si attacca piangendo e gemendo ed a stento la via per la voce fu aperta dal dolore: Non avevi, Pallante, date queste promesse al padre, di volerti affidare più cautamente al crudele Marte
Maybe you might be interested
haud ignarus eram quantum nova gloria in armis et praedulce decus primo certamine posset Non ero ignaro quanto potesse la nuova gloria nelle armi e dolcissimo l'onore nel primo duello
Maybe you might be interested
primitiae iuvenis miserae bellique propinqui dura rudimenta, et nulli exaudita deorum vota precesque meae Misere primizie d'un giovane e duri rudimenti d'una guerra vicina, e da nessunodegli dei esauditi i miei voti e le mie preghiere
Maybe you might be interested
tuque, o sanctissima coniunx, felix morte tua neque in hunc servata dolorem Tu, o veneratissa consorte, fortunata per la morte enon conservata per questo dolore
Maybe you might be interested
contra ego vivendo vici mea fata, superstes restarem ut genitor Io invece vivendo ho vinto i miei fati, da restare un padre superstite
Following pages
Seneca, Naturales Quaestiones: Libro 02; 56-59
Seneca, Naturales Quaestiones: Libro 02; 56-59
Cicerone, De officiis: Libro 01 - Parte 05
Cicerone, De officiis: Libro 01 - Parte 05
Virgilio, Eneide: Libro 03 - COMMIATO E PARTENZA
Virgilio, Eneide: Libro 03 - COMMIATO E PARTENZA
Igino, Fabulae: Pitone
Igino, Fabulae: Pitone
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XIX
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XIX
Plauto, Amphitruo: Actus II, 633-674
Plauto, Amphitruo: Actus II, 633-674
Plauto, Miles Gloriosus: Argumentum II
Plauto, Miles Gloriosus: Argumentum II
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 21-28
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 21-28
Igino, Fabulae: Fabula 144 - Prometeo
Igino, Fabulae: Fabula 144 - Prometeo