We use cookies to track usage and preferences

Virgilio, Eneide: Libro 04 - LA RISPOSTA DI ENEA

Virgilio, Eneide: Libro 04 - LA RISPOSTA DI ENEA

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 04 - LA RISPOSTA DI ENEA

Dixerat Aveva detto
Maybe you might be interested
ille Iovis monitis immota tenebat lumina et obnixus curam sub corde premebat Egli teneva gli occhi immobili agli ordinidi Giove e sforzandosi premeva il dolore dentro il cuore
Maybe you might be interested
tandem pauca refert: 'ego te, quae plurima fando enumerare vales, numquam, regina, negabo promeritam, nec me meminisse pigebit Elissae dum memor ipse mei, dum spiritus hos regit artus Finalmente proferisce poche cose: Io mai negherò che tu hai meriti, i maggiori che parlando sei in grado di enumerare, o regina, né mi rincrescerà ricordarmi di Elissa, fin che io stesso sia memore di me, fin che lo spirito regga queste membra
Maybe you might be interested
pro re pauca loquar Per il fatto dirò poco
Maybe you might be interested
neque ego hanc abscondere furto speravi ne finge fugam, nec coniugis umquam praetendi taedas aut haec in foedera veni Né io sperai nasconder con frodequesta fuga, non credere, né mai ho alzato fiaccole di marito o venni a tali patti
Maybe you might be interested
me si fata meis paterentur ducere vitam auspiciis et sponte mea componere curas, urbem Troianam primum dulcisque meorum reliquias colerem, Priami tecta alta manerent, et recidiua manu posuissem Pergama victis Io se i fati permettessero di condurre la vita secondo miei desideri e calmare gli affanni di mia scelta, anzitutto onorerei la città troiana ed i dolci resti dei miei, si manterrebbero le alte regge di Priamo, e con mano ostinata avrei rifatto Pergamo per i vinti
Maybe you might be interested
sed nunc Italiam magnam Gryneus Apollo, Italiam Lyciae iussere capessere sortes; hic amor, haec patria est Ma ora Apollo grineo e gli oracoli dei Licia mi han comandato di raggiungere Italia;questo il mio amore, questa è la mia patria
Maybe you might be interested
si te Karthaginis arces Phoenissam Libycaeque aspectus detinet urbis, quae tandem Ausonia Teucros considere terra invidia est Se le rocche di Cartagine e la vista d'una città libica trattiene te, Fenicia, quale invidia c'è che finalmente i Teucri si fermino su terra ausonia
Maybe you might be interested
et nos fas extera quaerere regna E' fato che anche noi cerchiamo regni stranieri
Maybe you might be interested
me patris Anchisae, quotiens umentibus umbris nox operit terras, quotiens astra ignea surgunt, admonet in somnis et turbida terret imago; me puer Ascanius capitisque iniuria cari, quem regno Hesperiae fraudo et fatalibus arvis Me terrorizza la sconvolta immagine del padre Anchise e mi ammonisce in sogno, quando, piovendo le ombre,la notte ricopre le terre, quando gli astri ignei sorgono; me, pure, i piccolo Ascanio ed il torto del caro volto che defraudo del regno d'Esperia e dei campi fatali
Maybe you might be interested
Following pages
Orazio, Satire: Libro 01, Satira 04
Orazio, Satire: Libro 01, Satira 04
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 173-188
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 173-188
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 14, Paragrafi 112-137
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 14, Paragrafi 112-137
Terenzio, Hecyra: Actus IV, 577-606
Terenzio, Hecyra: Actus IV, 577-606
Virgilio, Eneide: Libro 11 - GLI AMBASCIATORI DI PACE
Virgilio, Eneide: Libro 11 - GLI AMBASCIATORI DI PACE
Fedro, Favole: Libro 01 - Il nibbio e le colombe
Fedro, Favole: Libro 01 - Il nibbio e le colombe
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 21, Paragrafi 121-128
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 21, Paragrafi 121-128
Virgilio, Eneide: Libro 08 - L’ANTICO LAZIO
Virgilio, Eneide: Libro 08 - L’ANTICO LAZIO
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 20, Paragrafi 248-264
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 20, Paragrafi 248-264