Virgilio, Eneide: Libro 01 - GLI ENEADI SULLE COSTE DELLA LIBIA

Virgilio, Eneide: Libro 01 - GLI ENEADI SULLE COSTE DELLA LIBIA

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 01 - GLI ENEADI SULLE COSTE DELLA LIBIA

Defessi Aeneadae quae proxima litora cursu contendunt petere, et Libyae vertuntur ad oras Stanchi gli Eneadi cercan di raggiungere a garai lidi vicini e si volgono alle spiage di Libia
Maybe you might be interested
Est in secessu longo locus: insula portum efficit obiectu laterum, quibus omnis ab alto frangitur inque sinus scindit sese unda reductos C'è un luogo in profonda insenatura: l'isola creaun porto con la barriera dei fianch su cui ogni ondadall'alto si grange e si scinde in seni appartati
hinc atque hinc vastae rupes geminique minantur in caelum scopul quorum sub vertice late aequora tuta silent; tum silvis scaena coruscis desuper, horrentique atrum nemus imminet umbra Di qua e di là vaste rupi e scogli gemelli minacciano al cielo, e sotto la loro cima attornole acque taccion tranquile; poi sopra una scena di selvebrillant ed un nero bosco sovrasta con ombra terrificante
Maybe you might be interested
fronte sub adversa scopulis pendentibus antrum; intus aquae dulces vivoque sedilia saxo, Nympharum domus su fronte opposto una grotta con scogli incombenti;dentro acque dolci e sedili di vivo sasso,una casa di Ninfe
Maybe you might be interested
hic fessas non vincula navis ulla tenent, unco non alligat ancora morsu Qui nessun cordame trattienele stanche navi non le lega un'ancora con l'attacco adunco
Maybe you might be interested
huc septem Aeneas collectis navibus omni ex numero subit, ac magno telluris amore egressi optata potiuntur Troes harena et sale tabentis artus in litore ponunt Qui entra Enea raccolte navi da tutto il numero, ed usciti col grande amore di terrai Troiani s'impossessano della sabbia bramatae adagiano sul lido le membra grondanti di sale
Maybe you might be interested
ac primum silici scintillam excudit Achates succepitque ignem foliis atque arida circum nutrimenta dedit rapuitque in fomite flammam Ma dapprima Acate cavò la scintilla dalla selcesuscitò il fuoco con foglie e diede attornosecchi alimenti e dallo stimolo ghermì la fiamma
Maybe you might be interested
tum Cererem corruptam undis Cerealiaque arma expediunt fessi rerum, frugesque receptas et torrere parant flammis et frangere saxo Poi preparano Cerere (grano) rovinato dalle onde e le armi di Cerere stanchi dei mal si accingono ad asciugare col fuoco i frutti raccolti e macinarli col sasso
Aeneas scopulum interea conscendit, et omnem prospectum late pelago petit, Anthea si quem iactatum vento videat Phrygiasque biremis aut Capyn aut celsis in puppibus arma Caici Enea intanto ascende lo scoglio, e scruta tuttala vista attorno nel mare, se mai vedesse qualcuno,Anteo sbattuto dal vento e le frige biremio Capi o le insegne di Caico sulle alte poppe
Maybe you might be interested
navem in conspectu nullam, tris litore cervos prospicit errantis; hos tota armenta sequuntur a tergo et longum per vallis pascitur agmen Nessuna nave in vista, intravede sul lido trecervi erranti; tutte le mandrie li seguonoalle spalle e la lunga schiera pascola per le valli
Following pages
Livio, Ab urbe condita: Libro 02 ;  11 - 24
Livio, Ab urbe condita: Libro 02 ; 11 - 24
Orazio, Epistole: Libro 01 - A Vinnio Asina
Orazio, Epistole: Libro 01 - A Vinnio Asina
Livio, Ab urbe condita: Libro 27; 13 -14
Livio, Ab urbe condita: Libro 27; 13 -14
Livio, Ab urbe condita: Libro 39; 06 - 10
Livio, Ab urbe condita: Libro 39; 06 - 10
Virgilio, Eneide: Libro 12 - LA REGINA AMATA E TURNO
Virgilio, Eneide: Libro 12 - LA REGINA AMATA E TURNO
Livio, Ab urbe condita: Libro 38; 11 - 16
Livio, Ab urbe condita: Libro 38; 11 - 16
Livio, Ab urbe condita: Libro 04, 32-37
Livio, Ab urbe condita: Libro 04, 32-37
Catullo, Carmi: Ni te plus
Catullo, Carmi: Ni te plus
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 02; 176-220
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 02; 176-220