Virgilio, Eneide: Libro 02 - CREUSA SCOMPARE

Virgilio, Eneide: Libro 02 - CREUSA SCOMPARE

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 02 - CREUSA SCOMPARE

iamque propinquabam portis omnemque videbar evasisse viam, subito cum creber ad auris visus adesse pedum sonitus, genitorque per umbram prospiciens 'nate,' exclamat, 'fuge, nate; propinquant Ed ormai m'avvicinavo alle porte e mi sembrava d'aver superato ogni via, quando d'improvviso sembrò presentarsi aglle orecchie un fitto rumore di piedi ed il padre scrutando per il buio esclama: Figlio, fuggi, figlio; s'avvicinano
ardentis clipeos atque aera micantia cerno Scorgo fiammeggianti scudi e bronzi brillanti
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 03 - ANDROMACA ED ELENO

' hic mihi nescio quod trepido male numen amicum confusam eripuit mentem Allora non so che divinità malvagiamente amica strappò la mente confusa a me trepidante
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 07 - LA VERGINE CAMILLA

namque avia cursu dum sequor et nota excedo regione viarum, heu misero coniunx fatone erepta Creusa substitit, erravitne via seu lapsa resedit, incertum; nec post oculis est reddita nostris E mentre di corsa seguo luoghi impervi ed esco dalla posizione nota delle vie, ahimè la sposa Creusa forse strappata da misera sorte si fermò, forse deviò dalla via o caduta si fermò, è (cosa) incerta; nè poi fu restituita ai nostri occhi
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 03 - L’ORACOLO DI APOLLO

nec prius amissam respexi animumve reflexi quam tumulum antiquae Cereris sedemque sacratam venimus: hic demum collectis omnibus una defuit, et comites natumque virumque fefellit nè perdutala la osservai o feci attenzione prima che giungessimo all'altura ed alla sede santa dell'antica Cerere: qui finalmentte, raccolti tutti, le sola mancò e deluse i compagni ed il figlio ed il marito
quem non incusavi amens hominumque deorumque, aut quid in eversa uidi crudelius urbe Chi non accusai, pazzo, degli dei e degli uomini, o cosa vidi di più crudele in una città distrutta
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 04 - ORDINI DI GIOVE AD ENEA

Ascanium Anchisenque patrem Teucrosque penatis commendo sociis et curva valle recondo; ipse urbem repeto et cingor fulgentibus armis Ascanio ed il padre Anchise ed i penati teucri li affido ai compagni e li nascondo nella valle profonda; io ritorno in città e son cinto di splendenti armi
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 01 - LA COSTRUZIONE DI CARTAGINE

stat casus renovare omnis omnemque reverti per Troiam et rursus caput obiectare periclis E' deciso di rinnovare ogni vicenda e ritornare per tutta Troia ed offrire di nuovo la vita ai pericoli
principio muros obscuraque limina portae, qua gressum extuleram, repeto et vestigia retro observata sequor per noctem et lumine lustro: horror ubique animo, simul ipsa silentia terrent Al principio ripercorro le mura e le oscure soglie della porta donde avevo preso il camminoe seguo a ritroso le orme percorse nella notte e scruto con la luce (della note): ovunque spavento pel cuore, insieme gli stessi silenzi atterriscono
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 04 - LA CACCIA INSIDIOSA

inde domum, si forte pedem, si forte tulisset, me refero: inruerant Danai et tectum omne tenebant Poi mi riporto a casa, se mai vi avesse rivolto, se mai, il passo: v'eran penetrati i Danai e tenevan tutta la casa