Tre dipinti per cominciare ad innamorarsi di Norman Rockwell

tre dipinti per cominciare ad innamorarsi di Norman Rockwell

una lunga carriera in cui il pittore propone uno spaccato dell'America o quantomeno la sua visione di essa. Insieme a lui in questo viaggio, la sua immancabile pipa

#art
il triplo autoritratto di Norman Rockwell il triplo autoritratto di Norman Rockwell

Ne - Il triplo autoritratto - Rockwell si rappresenta per come è la percezione di se stesso. Il nome del quadro è autoesplicativo:

  1. Rockwell di schiena seduto su un cavalletto mentre si ritrae
  2. Rockwell riflesso nello specchio
  3. Rockwell dipinto sulla tela
a voler essere puntigliosi ce ne sono molti di più dei suoi volti, bozze preparatorie di se stesso disegnate su un pezzo di carta attaccato nella parte alta del quadro. L'autore si sporge per osservare la sua immagine riflessa nello specchio, gli attrezzi del mestiere sono in bella mostra, tavolozza dei colori e alcuni pennelli nella mano sinistra, un unico pennello  e un bastone poggiapolso nella destra e tanti altri pennelli sparsi per terra indice del fatto che l'autore non era una persona particolarmente ordinata. Il poggiapolso era molto utile quando si doveva lavorare sui dettagli e tenere la mano ferma era essenziale.

Siamo chiaramente all'inizio del suo lavoro, solo il volto è quasi ultimato. Sulla sedia che mantiene lo specchio,  si trova un libro aperto dove si possono distinguere dei segna pagina fatti da pezzetti di carta. Sopra il libro un bicchiere di vino. Rockwell non sembra preoccupato di questa posizione e non percepisce il potenziale pericolo di un rovesciamento del bicchiere. D'altronde la sua non curanza dei segnali di pericolo sono evidenti anche dal secchio alla sua destra dal quale esce una colonna di fumo.

Nella parte destra del quadro si distinguono 3 famosi autoritratti: Albrecht Durer, Rembrandt e van Gogh e fra loro una quarta immagine sembra riconducibile allo stile di Picasso

ragazza con occhio nero di Norman Rockwell ragazza con occhio nero di Norman Rockwell
Maybe you might be interested
La camera di Vincent ad Arles prospettiva da: la casa gialla. Uniamo i...

il quadro esiste in tre versioni, due di queste realizzate dal pittore quando si trovava in manicomio

L'ambiente è facilmente riconducibile all'ambito scolastico. Una ragazzina, capelli rossi e gonna scozzese, deve aver fatto a botte con qualcuno ed è in attesa di essere ricevuta dal preside, difficilmente infatti troveremmo quel sorriso un pò beffardo, a fine conversazione. Segnali evidenti di una zuffa possiamo dedurli dal fatto che:

  1. la ragazzina ha un occhio nero
  2. è scompigliata
  3. la camicia fuoriposto
  4. le calze abbassate ed escoriazioni alle ginocchia

E' seduta su una panca, sorride fissando l'osservatore e non sembra timorosa della ramanzina, o di qualche punizione più severa, che riceverà dal preside. L'uomo si vede oltre la porta che forse si è aperta in questo momento. Affianco a lui una donna, potrebbe essere la segretaria oppure l'insegnante che ha accompagnata la scolara in questa stanza di attesa.

Lo schedario che trabocca documenti e la bacheca, sul lato opposto, con appesi disegni e documenti, fanno respirare l'atmosfera della scuola riportando l'osservatore alle emozioni vissute quando era giovane

ragazza allo specchio di Norma Rockwell ragazza allo specchio di Norma Rockwell
Maybe you might be interested
I Nottambuli - dipinto di Edward Hopper

Siamo in una caffetteria aperta tutta la notte, non si vede l'ingresso e la grande vetrata attira lo sguardo. All'interno del locale tre uomini e una ...

Una ragazza viene ritratta in piena privacy nella solitudine delle sue riflessioni adolescenziali. Si confronta con se stessa riflettendosi su uno specchio appoggiato su una sedia. Si osserva, seduta su uno sgabello. Gambe unite e gomiti che poggiano sulle gambe. Per terra una bambola abbondonata e poco distante, più vicini a lei, una spazzola, un pettine e un rossetto aperto.

La ragazza si è pettinata e truccata forse prendendo a modello l'immagine di una donna che compare sulla rivista che tiene sopra le ginocchia. Forse sta cercando di assomigliarle o forse sono i primi innocenti giochi di chi sta cambiando e allontanata da se il vecchio, rappresentato da una bambola, con il nuovo a cui vuole arrivare, ambirare ... la bellezza della donna

Tre i volti simbolo della mutazione in atto:

  1. la bambola che rappresenta ormai il passato
  2. la ragazzina che si scopre cresciuta nel candore di un vestito bianco
  3. la donna come obiettivo di un fascino futuro da raggiungere

Lo sguardo che ritroviamo riflesso, tradisce la sorpresa di vedersi per la prima volta differentemente dal solito. E' l'inizio di un cambiamento

Maybe you might be interested
I mangiatori di patate "decisamente il migliore che abbia fatto"

in una lettera alla sorella Wilhelmina, Van Gogh descriverà cosi questo suo lavoro

Maybe you might be interested
La ronda di notte di Rembrandt

Il dipinto rappresenta in primo piano il capitano Frans Banning Cocq e il suo luogotenente Willem Van Den Burg vestito di giallo ed è un'istantanea d...