Terenzio, Adelphoe: Actus V, 958-997

Terenzio, Adelphoe: Actus V, 958-997

Latino: dall'autore Terenzio, opera Adelphoe parte Actus V, 958-997

SYRVS DEMEA MICIO AESCHINVS SY factum est quod iussisti, Demea

DE frugi homo es

ergo edepol hodie mea quidem sententia iudico Syrum fieri esse aequom liberum

MI istunc liberum

[960] quodnam ob factum

DE multa

SY o noster Demea, edepol vir bonus es

ego istos vobis usque a pueris curavi ambo sedulo: docui monui bene praecepi semper quae potui omnia

DE res apparet

et quidem porro haec, opsonare cum fide, scortum adducere, adparare de die convivium: [965] non mediocris hominis haec sunt officia

SY o lepidum caput

DE postremo hodie in psaltria hac emunda hic adiutor fuit, hic curavit

prodesse aequom est: alii meliores erunt

denique hic volt fieri

MI vin tu hoc fieri

AE cupio

MI si quidem hoc voltis



SIRO DEMEA MICIONE ESCHINO SIRO Ho eseguito quanto mi avevi ordinato, Demea

DEMEA Sei un brav'uomo

(a Micione) Perciò, accidenti, se posso dire quello che penso, ritengo giusto che oggi Siro diventi un uomo libero

MICIONE Libero lui

[960] E per qual motivo

DEMEA Per molti motivi

SIRO Demea carissimo, sei davvero un brav'uomo, accidenti

Io questi due ragazzi ve li ho allevati entrambi con cura fin da bambini; li ho istruiti, ammaestrati, educati sempre meglio che ho potuto

DEMEA (con inflessione ironica) Si vede

E inoltre gli hai insegnato anche a organizzare i pranzi con cura, a tirarsi in casa le puttane e a banchettare in pieno giorno: non sono [965] mansioni di persona dappoco

SIRO Che burlone

DEMEA Oggi come ultima cosa si è adoperato per l'acquisto della suonatrice, se n'è occupato lui

E' giusto ricompensarlo

Altri saranno indotti a fare anche meglio

E poi Eschino desidera che si faccia così

MICIONE (stupefatto, rivolgendosi a Eschino) Desideri così

ESCHINO Sì

MICIONE Se è questo che desiderate

Ehi, Siro, avvicìnati
Syre, eho accede huc ad me: liber esto

SY bene facis

[970] omnibus gratiam habeo et seorsum tibi praeterea, Demea

DE gaudeo

AE et ego

SY credo

utinam hoc perpetuom fiat gaudium, Phrygiam ut uxorem meam una mecum videam liberam

DE optumam quidem mulierem

SY et quidem tuo nepoti huius filio hodie prima mammam dedit haec

DE hercle vero serio, [975] siquidem prima dedit, haud dubium est quin emitti aequom siet

MI ob eam rem

DE ob eam

postremo a me argentum quanti est sumito SY di tibi, Demea, omnes semper omnia optata offerant

MI Syre, processisti hodie pulchre

DE siquidem porro, Micio, tu tuom officium facies atque huic aliquid paullum prae manu [980] dederis, unde utatur, reddet tibi cito

MI istoc vilius

DE frugi homo est

SY reddam hercle: da modo
(ponendogli la mano sul capo) Sei libero

SIRO È un atto generoso

[970] Ringrazio tutti, ma soprattutto e in particolare te, Demea

DEMEA Sono proprio contento

ESCHINO Io pure

SIRO Lo credo

Magari, per completare questa gioia, potessi vedere libera anche Frigia, mia moglie

DEMEA Donna veramente di specchiati costumi

SIRO E poi oggi, è stata lei ad allattare per la prima volta, tuo nipote, il figlio di Eschino, qui

[975] DEMEA Accidenti, se davvero è stata lei ad allattarlo per prima, non c'è dubbio che deve essere libera

MICIONE Per il fatto che lo ha allattato

DEMEA Per l'appunto

Del resto ti indennizzerò io per quello che vale SIRO O Demea, il cielo possa esaudire sempre tutti i tuoi desideri

MICIONE Ti è andata bene oggi, Siro

DEMEA Se poi, Micione, vorrai fare la tua parte fino in fondo [980] e gli metterai in mano una sommetta (indica un numero con le dita) per le prime necessità, te la renderà presto

MICIONE Sì, però meno di così

DEMEA È un galantuomo

SIRO Te la renderò, accidenti; ora però dammela
AE age, pater

MI post consulam

DE faciet

SY o vir optume

AE o pater mi festivissume

MI quid istuc

quae res tam repente mores mutavit tuos

"quod prolubium

quae istae subita est largitas

" DE dicam tibi: [985] ut id ostenderem, quod te isti facilem et festivom putant, id non fieri ex vera vita neque adeo ex aequo et bono, sed ex adsentando indulgendo et largiendo, Micio

nunc adeo si ob eam rem vobis mea vita invisa, Aeschine, est, quia non iusta iniusa, prorsus omnia omnino obsequor, [990] missa facio: effundite, emite, facite quod vobis lubet

sed si voltis potius, quae vos propter adulescentiam minus videtis, magis inpense cupitis, consulitis parum, haec reprehendere et corrigere me et secundare in loco, ecce me qui id faciam vobis
ESCHINO Su, babbo

MICIONE Ci penserò più tardi

DEMEA (con un gesto rassicurante per Siro) Lo farà

SIRO Quanto sei buono

ESCHINO Che padre simpatico

MICIONE (a Demea) Ma cos'è successo

Che cosa ti ha fatto cambiare d'un tratto le tue abitudini

«Che capriccio è mai questo

Cos'è quest'improvvisa generosità»

[985] DEMEA Ti dirò: per dimostrarti che questi qua ti considerano generoso e simpatico non perché hanno una sana concezione della vita e meno che mai per giustizia e onestà, ma solo perché tu li lusinghi e li gratifichi, Micione

Ora però se questo è il motivo per cui odiate il mio modo di vivere, Eschino, siccome, giuste o ingiuste che [990] siano, non amo le posizioni radicali, la faccio finita: spendete, spandete, fate quel che vi pare

Se però c'è qualcosa che, siccome siete giovani, vedete meno bene, desiderate troppo, non ponderate abbastanza, se vi fa piacere che io intervenga, vi corregga o, quando è opportuno, vi assecondi, eccomi qua a vostra disposizione
Maybe you might be interested
Terenzio, Adelphoe: Actus III, 355-434

Latino: dall'autore Terenzio, opera Adelphoe parte Actus III, 355-434

AE tibi, pater, permittimus: [995] plus scis quid opus facto est

sed de fratre, quid fiet

DE sino, habeat: in istac finem faciat MI istuc recte

W

plaudite

ESCHINO Ci rimettiamo a te, padre, tu sai meglio di noi quel che [995] bisogna fare

Ma di mio fratello, che ne sarà

DEMEA D'accordo, se la tenga pure: ma che sia l'ultima

MICIONE Questo è giusto

CANTORE (agli spettatori) E voi applaudite

Maybe you might be interested
Terenzio, Adelphoe: Actus IV, 610-634

Latino: dall'autore Terenzio, opera Adelphoe parte Actus IV, 610-634