Terenzio, Adelphoe: Actus I, 26-80

Terenzio, Adelphoe: Actus I, 26-80

Latino: dall'autore Terenzio, opera Adelphoe parte Actus I, 26-80

Micio MICIO Storax MICIONE MICIONE (esce di casa gridando verso l'interno) Storace
Maybe you might be interested
- non rediit hac nocte a cena Aeschinus neque servolorum quisquam qui advorsum ierant Eschino stanotte non è ancora rientrato da cena, come pure nessuno degli schiavetti che gli erano andati incontro; è proprio vero quel che dicono: sei andato da qualche parte, hai fatto tardi
profecto hoc vere dicunt: si absis uspiam aut ibi si cesses, evenire ea satius est quae in te uxor dicit et quae in animo cogitat [30] irata quam illa quae parentes propitii Allora è meglio che ti capiti quel che ti augura o che pensa in cuor suo tua moglie quando [30] ce l'ha con te, piuttosto che quello che temono i genitori che ti vogliono bene
uxor, si cesses, aut te amare cogitat aut tete amari aut potare atque animo obsequi et tibi bene esse soli, quom sibi sit male Tua moglie, se fai tardi, pensa che sei innamorato, o che qualcuna è innamorata di te, o che stai sbevazzando e ti fai i fatti tuoi e pensi a spassartela da solo, mentre lei sta male
ego quia non rediit filius quae cogito et [35] quibus nunc sollicitor rebus Ma a me, siccome è mio figlio che non torna, che razza di pensieri [35] vengono, e che paure
ne aut ille alserit aut uspiam ceciderit aut praefregerit aliquid Che abbia preso freddo, o che sia caduto da qualche parte, o che si sia spaccato qualcosa
vah, quemquamne hominem in animo instituere aut parare quod sit carius quam ipse est sibi Guarda se si deve far posto nel proprio cuore o andarsi a cercare qualcuno da amare più di se stessi
atque ex me hic natus non est sed ex fratre Che poi non è figlio mio, ma di mio fratello, il quale fin da ragazzo aveva un'indole del tutto diversa dalla mia
is adeo [40] dissimili studio est iam inde ab adulescentia: ego hanc clementem vitam urbanam atque otium secutus sum et, quod fortunatum isti putant, uxorem numquam habui [40] Io ho condotto una tranquilla e agiata vita cittadina e non ho mai preso moglie, cosa che la gente reputa una fortuna
ille contra haec omnia: ruri agere vitam; semper parce ac duriter [45] se habere; uxorem duxit; nati filii duo; inde ego hunc maiorem adoptavi mihi; eduxi a parvolo; habui, amavi pro meo; in eo me oblecto, solum id est carum mihi Lui tutto al contrario: vita in campagna, [45] economia attenta e rigorosa, matrimonio, due figli: io ho adottato il maggiore, l'ho allevato fin da bambino, l'ho considerato e amato come se fosse mio, è tutta la mia gioia e consolazione
Following pages
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 03; 24-33
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 03; 24-33
Cicerone, Filippiche: 07; 01-16
Cicerone, Filippiche: 07; 01-16
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXIV
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXIV
Svetonio, Vite dei dodici cesari: Libro 03, Par 61 - 76
Svetonio, Vite dei dodici cesari: Libro 03, Par 61 - 76
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XXII
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XXII
Plauto, Aulularia: Actus V, 809-833
Plauto, Aulularia: Actus V, 809-833
Cicerone, De Oratore: Libro 02; 71-75
Cicerone, De Oratore: Libro 02; 71-75
Gellio, Notti attiche: Liber 11, 14-16
Gellio, Notti attiche: Liber 11, 14-16
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 17, Paragrafi 11-76
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 17, Paragrafi 11-76