Terenzio, Heauton timorumenos : Actus II, 213-229

Terenzio, Heauton timorumenos : Actus II, 213-229

Latino: dall'autore Terenzio, opera Heauton timorumenos parte Actus II, 213-229

CLITIPHO CLITIPHO Quam iniqui sunt patres in omnis adulescentis iudices CLITIFONE CLITIFONE (tra sé) I genitori, come sono severi nel giudicare i figli
Maybe you might be interested
Qui aequom esse censent nos a pueris ilico nasci senes, neque illarum adfinis esse rerum quas fert adulescentia Pensano, loro, che sia giusto che noi, appena nati, si sia subito vecchi, senza alcun rapporto con le cose che convengono alla giovinezza
Maybe you might be interested
[215] Ex sua lubidine moderantur, nunc quae est, non quae olim fuit [215] Ci governano secondo i loro desideri, ma quelli che hanno oggi, non quelli che avevano una volta
Mihin si umquam filius erit, ne ille facili me utetur patre; nam et cognoscendi et ignoscendi dabitur peccati locus, non ut meus, qui mihi per alium ostendit suam sententiam Se avrò mai un figlio, avrà un padre tollerante, lui, perché io sarò pronto a capirle, a perdonarle, le sue scappatelle
Perii, is mi, ubi adbibit plus paullo, sua quae narrat facinora Non come il mio, che mi fa la sua predica partendo dall'esempio degli altri
[220] Nunc ait : Periclum ex aliis facito tibi quod ex usu siet: astutus Accidenti a me, se alza un poco il gomito, il vecchio, si mette a decantare le sue prodezze [220] E adesso mi fa: Impara dall'esempio degli altri ciò che può venirti di vantaggio
Ne ille haud scit quam mihi nunc surdo narret fabulam Furbo lui; mica lo sa che sta cantando la sua solfa a un sordo; il sordo sono io; però le parole della mia amica mi perforano le orecchie: Dammi qui, portami là
Mage nunc me amicae dicta stimulant : Da mihi atque adfer mihi: Quoi quod respondeam nil habeo; neque me quisquamst miserior E io cosa le rispondo
Nam hic Clinia, etsi is quoque suarum rerum satagit, attamen [225] habet bene et pudice eductam, ignaram artis meretriciae Non c'è nessuno più disgraziato di me; Clinia, invece, anche se adesso sta passando i suoi guai, ha un'amica ben [225] educata, e pudica, che non sa proprio nulla dell'arte delle puttane; la mia, be', la mia è prepotente, procace, superba, spendacciona e sontuosa
Meast potens, procax, magnifica, sumptuosa, nobilis E io che cosa posso darle
Following pages
Virgilio, Eneide: Libro 08 - IL SALUTO DI EVANDRO AL FIGLIO
Virgilio, Eneide: Libro 08 - IL SALUTO DI EVANDRO AL FIGLIO
Agostino, Le Confessioni: Libro 07
Agostino, Le Confessioni: Libro 07
Tacito, Annales: Libro 13, 01-24
Tacito, Annales: Libro 13, 01-24
Agostino, Le Confessioni: Libro 09
Agostino, Le Confessioni: Libro 09
Terenzio, Heauton timorumenos : Actus II, 241-380
Terenzio, Heauton timorumenos : Actus II, 241-380
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 05; 21-30
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 05; 21-30
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 10, Paragrafi 181-212
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 10, Paragrafi 181-212
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 31, Paragrafi 42-74
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 31, Paragrafi 42-74
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XIV
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XIV