Terenzio, Hecyra: Actus II, 198-242

Terenzio, Hecyra: Actus II, 198-242

Latino: dall'autore Terenzio, opera Hecyra parte Actus II, 198-242

Laches Sostrata LACHES Pro deum atque hominum fidem, quod hoc genus est, quae haec est coniuratio LACHETE SOSTRATA LACHETE Per l'amore di dio e degli uomini, che razza di genia
utin omnes mulieres eadem aeque studeant nolintque omnia neque declinatam quicquam ab aliarum ingenio ullam reperias Che razza di congiura
[200] itaque adeo uno animo omnes socrus oderunt nurus Tutte uguali, le donne, voglion le stesse cose, tutte, non le vogliono, tutte, e tu non ne trovi una, dico una, che sia un filo diversa dalle [200] altre: tutte le suocere, puoi giurarlo, odiano le nuore; e i mariti
Maybe you might be interested
viris esse advorsas aeque studiumst, simili' pertinaciast, in eodemque omnes mihi videntur ludo doctae ad malitiam; et ei ludo, si ullus est, magistram hanc esse sati' certo scio Addosso, dargli addosso, per le mogli, è un'arte, una vocazione
SOSTRATA me miseram, quae nunc quam ob rem accuser nescio Tutte quante sembra quasi che siano andate alla stessa scuola di malizia: be', se questa scuola esiste, io dico che la maestra è mia moglie SOSTRATA O povera me, che neanche so perché ce l'abbia con me
Maybe you might be interested
LACHES hem [205] tu nescis [205] LACHETE Come, non lo sai
SOSTRATA non, ita me di bene ament, mi Lache, itaque una inter nos agere aetatem liceat SOSTRATA No, Lachete mio, che gli dèi mi aiutino, e che ci lascino vivere insieme, noi due, la nostra vita LACHETE Che gli dèi me ne scampino
LACHES di mala prohibeant SOSTRATA Finirai per capirlo, ne sono convinta, che mi accusi senza ragione
SOSTRATA meque abs te inmerito esse accusatam post modo rescisces LACHETE Senza ragione
LACHES scio, te inmerito Te