We use cookies to track usage and preferences

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XIII

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XIII

NON tot Achaemeniis armantur etrusca sagittis spicula quot nostro pectore fixit Amor Non sono armati di tante frecce achemenidi, quanti dardi Amore conficcò nel mio petto
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
hic me tam gracilis vetuit contemnere Musas, iussit et Ascraeum sic habitare nemus, non ut Pieriae quercus mea verba sequantur,[5] aut possim Ismaria ducere valle feras, sed magis ut nostro stupefiat Cynthia versu: tunc ego sim Inachio notior arte Lino Questo mi vietò di disprezzare le tanto gracili Muse, e ordinò perciò di abitare nella selva Ascrea, non perché le querce della Pieria seguano le mie parole,[5] o io possa condurre le belve nella valle di Ismaro, ma affinché Cinzia si stupisca del nostro verso: allora io sarei più famoso in arte dell'Inachio Lino
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
non ego sum formae tantum mirator honestae, nec si qua illustris femina iactat avos:[10] me iuvet in gremio doctae legisse puellae, auribus et puris scripta probasse mea Io non sono tanto ammiratore della bellezza onesta, né se qualche donna illustre vanta gli antenati:[10] mi giovi aver letto versi in grembo alla dotta fanciulla, e aver approvato i miei scritta con le orecchie virtuose
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
haec ubi contigerint, populi confusa valeto fabula: nam domina iudice tutus ero Quando questa cose saranno accadute, addio confuse favole per la gente: infatti sarò sicuro, essendo giudice la mia signora
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
quae si forte bonas ad pacem verterit auris,[15] possum inimicitias tunc ego ferre Iovis La quale se per caso volgerà le valide orecchie alla pace,[15] allora posso io portare inimicizia a Giove
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Following pages
Cicerone, Paradoxa Stoicorum: 04; 27;32
Cicerone, Paradoxa Stoicorum: 04; 27;32
Seneca, Naturales Quaestiones: Libro 01; 08-14
Seneca, Naturales Quaestiones: Libro 01; 08-14
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 08, Paragrafi 43 - 48
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 08, Paragrafi 43 - 48
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 12, Paragrafi 124-132
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 12, Paragrafi 124-132
Agostino, Le Confessioni: Libro 12, 1-16
Agostino, Le Confessioni: Libro 12, 1-16
Agostino, Le Confessioni: Libro 02; 01-05
Agostino, Le Confessioni: Libro 02; 01-05
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XVII
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XVII
Quintiliano, Institutio oratoria: Liber 1, capitoli 10-12
Quintiliano, Institutio oratoria: Liber 1, capitoli 10-12
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia II
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia II