Terenzio, Hecyra: Actus II, 274-280

Terenzio, Hecyra: Actus II, 274-280

Latino: dall'autore Terenzio, opera Hecyra parte Actus II, 274-280

Sostrata SOSTRATA Edepol ne nos sumus inique aeque omnes invisae viris propter paucas, quae omnes faciunt dignae ut videamur malo SOSTRATA SOSTRATA Dio, com'è ingiusto, com'è ingiusto che noi tutte siamo del pari odiose ai nostri sposi per colpa di quelle poche che ci fan sembrare degne di castigo tutte
[275] nam ita me di ament, quod me accusat nunc vir, sum extra noxiam Sì, [275] di quel che mio marito mi rinfaccia, io sono innocente, che gli dèi mi proteggano: ma non è facile difendersi, non è, tanto sono convinti, loro, che ogni suocera sia un mostro; ma io non sono un mostro: l'ho tenuta, mia nuora, come se fosse uscita dal mio grembo, e non riesco a capire perché mi stia capitando tutto questo
sed non facile est expurgatu: ita animum induxerunt socrus omnis esse iniquas: haud pol mequidem; nam numquam secus habui illam ac si ex me esset gnata, nec qui hoc mi eveniat scio; nisi pol filium multimodis iam exspecto ut redeat domum Eh sì, non vedo l'ora che mio figlio faccia ritorno a casa
Maybe you might be interested
Terenzio, Hecyra: Prologus II

Latino: dall'autore Terenzio, opera Hecyra parte Prologus II

[280] [280]
Maybe you might be interested
Terenzio, Hecyra: Actus V, 816-840

Latino: dall'autore Terenzio, opera Hecyra parte Actus V, 816-840