La crocifissione nella Gerusalemme romana

la crocifissione nella Gerusalemme romana

Chiunque fosse cresciuto nella Palestina del I secolo conosceva l'orrore di questa punizione, per esperienza e osservazione diretta. Le sventurate vittime, lasciate sulle croci per giorni, anche dopo la morte, erano una visione abituale per la popolazione
Giuseppe Flavio riferisce che durante l'assedio romano di Gerusalemme, nell'Estate del 70 d.C. il numero dei prigionieri crocifissi fu mediamente di cinquecento al giorno. Erano così tanti che non era rimasta più legna nell'area, perché tutti gli alberi erano stati tagliati per farne le croci.

Conosciamo qualcosa sui metodi impiegati dai romani nel crocifiggere le loro vittime. Non disponiamo solo di fonti letterarie. Nel 1968 fu scoperto lo scheletro di un giustiziato in quel modo in una tomba proprio a nord di Gerusalemme, non lontano dalla strada che conduce a Nablus. Era stato ucciso a 20 anni, il suo nome: Elioenai, era scritto nell'urna. I suoi resti ci consentono uno sguardo sorprendente su come era praticata la crocifissione nella Gerusalemme romana del I secolo

Sappiamo che i chiodi venivano conficcati non nelle mani, ma nell'osso lungo dell'avambraccio. In quel modo le braccia erano fermamente attaccate al patibulum. Le ossa radiali di Elioenai erano state segnate dalla frizione del chiodo con l'osso. I fisiologi hanno dimostrato che i chiodi conficcati nelle mani non bastano a sostenere il peso del corpo, e i chiodi ai polsi avrebbero rotto i vasi sanguigni. La "scienza" della crocifissione richiedeva che i chiodi fossero applicati in modo da non provocare il dissanguamento, altrimenti la vittima avrebbe perso i sensi rapidamente e sarebbe morta nel giro di pochi minuti, soffrendo meno.

I piedi erano inchiodati all'osso del calcagno. E' l'osso più grande del piede. Come avviene per l'avambraccio, perforare quest'osso non causa un dissanguamento diffuso. Nel caso di Elioenai il chiodo è rimasto ancora intatto all'interno del calcagno. Quando il suo corpo fu staccato dalla croce, il chiodo si era curvato nel legno, in una sorta di nodo. Chi lo rimosse, trovò più comodo spezzare il legno, lasciandone un tassello con chiodo ancora attaccato al piede

osso del calagno con chiodo della crocifissione e modello ricostruito osso del calagno con chiodo della crocifissione e modello ricostruito

Maybe you might be interested

Longino e la lancia che trafisse il costato di Gesù
Longino e la lancia che trafisse il costato di Gesù

La lancia apparteneva ad un centurione romano di nome Longino. A causa delle cataratte di cui soffriva, divenne quasi ceco e Ponzio Pilato decise di esentarlo dal servizio militare attivo

La morte per crocifissione era un processo lento; poteva richiedere anche due o tre giorni. Le vittime venivano denudate ed esposte al bruciante Sole del Mediterraneo. La morte era il risultato do una combinazione:

  • inevitabile shock
  • sfinimento
  • crampi muscolari
  • disidratazione
  • perdita di sangue
  • soffocamento o infarto cardiaco

A seconda dell'angolazione con la quale le braccia e i piedi venivano inchiodati, la morte poteva essere resa più rapida oppure più lenta a venire. Il corpo era sostenuto da un pezzo di legno chiamato sedecula. A mano a mano che scorrevano i minuti, quando lo sfinimento prendeva il sopravvento, respirare diventava sempre più difficile. Se c'era in qualche motivo per affrontare la morte, le gambe della vittima potevano essere spezzate. Quest'ultima efferatezza provocava il cedimento del corpo e in pochi minuti il respiro diventava impossibile

Maybe you might be interested

Deposizione - Michelangelo Merisi detto il Caravaggio
Deposizione - Michelangelo Merisi detto il Caravaggio

Due uomini stanno adagiando il corpo cadaverico di Gesù per terra, sono il discepolo Giovanni e il fariseo Nicodemo che tiene le braccia sotto le gambe di Gesù per avere una presa salda. Nicodemo er...

la storia di Gesù cancellata dalla memoria del Cristianesimo
la storia di Gesù cancellata dalla memoria del Cristianesimo

Gesù fu il primogenito di una famiglia reale, discendente di David: re dell'antico Israele. Instaurò una dinastia reale guidata dai suoi fratelli e dai suoi parenti più stretti. Prima di morire ist...

Il Vangelo della moglie di Gesù - analisi
Il Vangelo della moglie di Gesù - analisi

Il ritrovamento è in lingua copta, antica forma egizia di scrittura, e il frammento contiene 33 parole. La lingua copta era l'ultima forma di lingua egizia e discendeva dai geroglifici. Il copto era ...

Deposizione, dipinto di Raffaello
Deposizione, dipinto di Raffaello

La commissione dell'opera arrivò dopo un fatto di cronaca nera realmente accaduto. Un esponente di una importante casata di Perugia uccise, una notte, tutti i parenti che potevano pretendere alla suc...

Flavius Scorpus: l’auriga più famoso della storia di Roma

i dipinti più famosi di Jacques-Louis David

vittoria di Costantino su Massenzio al ponte Milvio - Piero della Francesca

Tre donne al potere nella dinastia dei Severi

Caius Appuleius Diocles: l’auriga che guadagnò 36 milioni di sesterzi

sogno di Costantino - Piero della Francesca