Elagabalo: gli eccessi dell’imperatore teenager

Elagabalo: gli eccessi dell’imperatore teenager

Il più empio, scatenato, stravagante degli imperatori romani. Morto a 18 anni come una rockstar maledetta nel 222 d.C. ucciso dai pretoriani che non ne potevano più dei suoi eccessi

le rose di Eliogabalo di Lawrence Alma Tadema, 1888 le rose di Eliogabalo di Lawrence Alma Tadema, 1888
Diventa Imperatore a 14 anni grazie ai meriti delle donne di famiglia: la nonna Mesa, la madre Giulia Soemia, la zia Giulia Mamea e la prozia Giulia Domna, con loro prende forma l'impero delle donne. La marcia di Elagabalo verso l'Impero inizia due generazioni prima di lui con l'affermarsi di una nuova dinastia africana inaugurata da Settimio Severo alla fine del secondo secolo d.C.

Si racconta che sul letto di morte, lasciando in eredità l'impero ai suoi due figli Antonino e Geta, Settimio Severo abbia detto: andate d'accordo tra voi due, arricchite i soldati e non preoccupatevi di tutti gli altri. La raccomandazione paterna non viene ascoltata, i fratelli non vanno d'accordo. Antonino, detto Caracalla per via del particolare mantello gallico che indossa, è il più grande dei due e ha un carattere violento e irascibile. Geta, il minore, è più pacifico. La madre Giulia Domna cerca di appianare i dissensi ma i fratelli sono sospettosi l'uno dell'altro.

Geta va in giro sempre con la scorta ma nel febbraio del 212 d.C., Caracalla per trovarselo di fronte indifeso usa la madre. La convince a convocare i due figli senza scorta nei suoi appartamenti per mettere pace. Giulia Domna gli crede e li convoca. Quando entrambi furono all'interno, dei Centurioni istruiti da Antonino fecero irruzione e assassinarono Geta. Lui vedendolì e colpito, corre morente dalla madre alla quale sarà proibito piangerlo in pubblico

Settimio Severo e Caracalla di Jean Baptiste Greuze, 1769 Settimio Severo e Caracalla di Jean Baptiste Greuze, 1769
Maybe you might be interested
Il progetto dinastico di Augusto crolla. Tiberio è imperatore

Ottaviano ha una figlia, Giulia, avuta da Scribonia ma lascia la moglie quando si innamora di Livia. La donna non gli da nessun figlio ma ne ha già u...

Geta muore tra le braccia della madre di Jacques Pajou, 1788 Geta muore tra le braccia della madre di Jacques Pajou, 1788
Caracalla vuole eliminare ogni memoria del fratello assassinato. In un ritratto della famiglia imperiale si vedono: Settimio Severo, Giulia Domna, Caracalla bambino e poi si nota una cancellatura, del volto di Geta. Caracalla muore vittima di una congiura ordita dal capo dei pretoriani Macrino ( che gli succederà come imperatore) nel 217 d.C. a Carrè nell'attuale Turchia. Giulia Domna isolata e senza protezione, muore lasciandosi morire di fame.

Giulia Domna aveva un sorella, Mesa ricca e risoluta che usa le figlie per tornare al potere. Ha due figlie Giulia Soemia e Giulia Mamea. Entrame hanno avuto un figlio maschio, la sorella più grande è madre di Avito Bassiano di 14 anni chiamato Elagabalo perchè sacerdote del Dio del Sole El-Gabal, mentre Giulia  Mamea è madre di Alessiano di 10 anni. Mesa sparge la voce che entrambe le figlie erano andate a letto con Caracalla e che i ragazzi siano figli dell'imperatore assassinato. Guadagna così il favore dei soldati.

Nonna Mesa fa sapere alle legioni che distribuirà le sue enormi ricchezze a chi sosterrà il nipote Elagabalo. I legionari lo riconoscono come figlio di Caracalla e lo acclamano nuovo imperatore. Lo scontro tra gli esercizi fedeli a due imperatori diversi è inevitabile, l'esito sembra scontrato dato che Macrino è più esperto ma contro i pronostici perde e muore. Elagabalo è solo un ragazzino, le vere comandanti dell'impero sono la nonna Mesa e la madre Giulia Soemia. Il nuovo imperatore è viziato e insiste nel voler praticare i riti orgiastici del suo Dio e secondo i pettegolezzi si fa possedere platealmente da uomini. Nessuno riesce a moderarlo

Maybe you might be interested
la salita al trono dell’imperatore Costantino e la svolta cristiana

l'uomo che scelse l'oriente e in quella direzione doveva guardare l'impero romano. Con lui la storia di Roma e il cristianesimo si incontrano e si met...

Tondo Severiano del 199 d.C. (rimozione del volto di Geta) Tondo Severiano del 199 d.C. (rimozione del volto di Geta)
L'orgia ritratto di Pavel Svedomsky, 1883 L’orgia ritratto di Pavel Svedomsky, 1883
Il primo atto a Roma è la costruzione di un tempio sul Palatino per stabilire la supremazia del nuovo Dio orientale sui simboli più sacri di Roma e su tutte le religioni dell'impero. Eccessi e capricci sessuali si susseguono. Si dice che nel palazzo abbia allestito una stanza in cui lui se ne sta nudo sul letto a disposizione di chiunque passi di lì e che faccia dei veri propri casting per scegliere gli amanti più dotati e ancora, che raduni gruppi di ragazzi e di ragazze che si prostituiscono e che si unisca a  loro a seconda dell'umore del giorno vestito da maschio o da femmina.

Intanto ogni decisione di governo passa dall'approvazione della madre Giulia Soemia a cui spetta anche il privilegio, inaudito ai tempi per una donna, di partecipare alle riunioni del Senato, ma casse vuote, barbari ai confini e senatori e militari scontenti, precipitano gli eventi. Nonna Mesa vorrebbe far salire al trono Alessiano, l'altro nipote, figlio di Giulia Mamea che è stato cresciuto con una educazione romana ed è ben voluto. Elagabalo annuncia il cugino come erede che si farà chiamare Severo Alessandro ma sia lui che la madre Giulia Soemia lo vedono come una minaccia. Provano a farlo fuori ma Alessiano ( Severo Alessandro ) viene difeso dai pretoriani che uccidono e poi decapitano Elagabalo e la madre. Anche Severo Alessandro è troppo giovane per governare e si farà guidare da nonna Mesa e dalla madre Giulia Mamea ... la storia si ripete

il trionfo di Eliogabalo di Auguste Leroux, 1902 il trionfo di Eliogabalo di Auguste Leroux, 1902