Virgilio, Eneide: Libro 04 - DISPERAZIONE DI DIDONE

Virgilio, Eneide: Libro 04 - DISPERAZIONE DI DIDONE

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 04 - DISPERAZIONE DI DIDONE

Talia dicentem iamdudum aversa tuetur huc illuc volvens oculos totumque pererrat luminibus tacitis et sic accensa profatur: 'nec tibi diua parens generis nec Dardanus auctor, perfide, sed duris genuit te cautibus horrens Caucasus Hyrcanaeque admorunt ubera tigres Girata ormai lo guarda dir tali cose girando qua e là con gli occhi e tutto lo squadra con sguardi muti e così accesa prorompe: Né una dea ti fu genitrice né Dardano capostipite, perfido, ma ti generò da duri macigni l'orrendo Caucaso e tigri ircane offriron le mammelle
nam quid dissimulo aut quae me ad maiora reservo Ma che dissimulo o a quali cose maggiori mi riservo
num fletu ingemuit nostro Forse che gemette al nostro pianto
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 07 - LE MENSE DIVORATE

num lumina flexit Forse chinò gli sguardi
num lacrimas victus dedit aut miseratus amantem est Forse, vinto, versò lacrime o commiserò l'amante
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 04 - DIDONE E LA CARA SORELLA ANNA

quae quibus anteferam Cosa opporrò a cosa
iam iam nec maxima Iuno nec Saturnius haec oculis pater aspicit aequis Ormai neppure la massima Giunone né il padre saturnio guarda questo con occhi giusti
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 04 - RITI SEGRETI E MAGIA

nusquam tuta fides In nessun luogo lealtà sicura
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 04 - PRESAGI FUNESTI PER DIDONE

eiectum litore, egentem excepi et regni demens in parte locavi L'ho accolto buttato sul lido, bisognoso ed io pazza lo misi a parte del regno
Maybe you might be interested
Virgilio, Eneide: Libro 02 - BATTAGLIA CON ANDROGEO

amissam classem, socios a morte reduxi heu furiis incensa feror: nunc augur Apollo, nunc Lyciae sortes, nunc et Iove missus ab ipso interpres divum fert horrida iussa per auras Riportai la flotta perduta ed i compagni da morte; ahi, incendiata dalle furie son portata: ora Apollo augure, ora i responsi di Licia, ora anche l'interprete degli dei mandato dallo stesso Giove porta per i cieli i comandi