We use cookies to track usage and preferences

Virgilio, Eneide: Libro 04 - DIDONE E LA CARA SORELLA ANNA

Virgilio, Eneide: Libro 04 - DIDONE E LA CARA SORELLA ANNA

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 04 - DIDONE E LA CARA SORELLA ANNA

At regina gravi iamdudum saucia cura vulnus alit venis et caeco carpitur igni Ma la regina ormai ferita da grave affanno alimenta nelle vene la ferita ed è rosa da cieco fuoco
Maybe you might be interested
multa viri virtus animo multusque recursat gentis honos; haerent infixi pectore vultus verbaque nec placidam membris dat cura quietem Ricorre nel cuore il forte eroismo dell'eroe ed il forteonore della stirpe; s'attaccan fisse alla mente le fattezze e le parole nè l'affanno dà alle membra placida quiete
Maybe you might be interested
postera Phoebea lustrabat lampade terras umentemque Aurora polo dimoverat umbram, cum sic unanimam adloquitur male sana sororem: 'Anna soror, quae me suspensam insomnia terrent L'aurora seguente colla lampada febea illuminava le terre e dal cielo aveva cacciato l'umida ombra, quando impazzita così parrla alla sorella amatissima: Anna, sorella, che incubi mi atterriscono ansiosa
Maybe you might be interested
quis novus hic nostris successit sedibus hospes, quem sese ore ferens, quam forti pectore et armis Che ospite strano, questo, (che) è giunto alla nostra casa, presentandosì come d'aspetto, di così forte petto e di armi
Maybe you might be interested
credo equidem, nec vana fides, genus esse deorum Lo credo davvero, non è vana certezza che è stirpe di dei
degeneres animos timor arguit La paura rivela i cuori vili
heu, quibus ille iactatus fatis Ah, da quali fati egli è sbattuto
Maybe you might be interested
quae bella exhausta canebat Che guerre compiute raccontava
Maybe you might be interested
si mihi non animo fixum immotumque sederet ne cui me vinclo vellem sociare iugali, postquam primus amor deceptam morte fefellit; si non pertaesum thalami taedaeque fuisset, huic uni forsan potui succumbere culpae Se non mi stesse fisso ed immobile in cuore di non volermi unire a nessuno col vincolo cinuigale, dopo che il primo amore mi lasciò tradita con la morte; se non avessi disgusto per il rito di nozze, forse avrei potuto cedere a quest'unica colpa
Anna fatebor enim miseri post fata Sychaei coniugis et sparsos fraterna caede penatis solus hic inflexit sensus animumque labantem impulit Anna, lo confesserò, dopo i destini del povero marito Sicheo ed i penati dispersi dalla strage del fratello solo costui piegò i sentimenti e scosse il cuore che vacilla
Maybe you might be interested
Following pages
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 22, Paragrafi 111-115
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 22, Paragrafi 111-115
Fedro, Favole: Libro 04 - La formica e la mosca
Fedro, Favole: Libro 04 - La formica e la mosca
Igino, Fabulae: Nesso
Igino, Fabulae: Nesso
Livio, Ab urbe condita: Libro 41; 01 - 05
Livio, Ab urbe condita: Libro 41; 01 - 05
Gellio, Notti attiche: Liber 5, 13-14
Gellio, Notti attiche: Liber 5, 13-14
Virgilio, Eneide: Libro 01 - LA FESTA NOTTURNA NELLA REGGIA
Virgilio, Eneide: Libro 01 - LA FESTA NOTTURNA NELLA REGGIA
Cicerone, In Verrem: 02; 02-16-20
Cicerone, In Verrem: 02; 02-16-20
Seneca, Edipo: 01 - 25
Seneca, Edipo: 01 - 25
Fedro, Favole: Libro 04 - Montagna che partorisce
Fedro, Favole: Libro 04 - Montagna che partorisce