Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia VII, pag 3

Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia VII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia VII

nam gemina est sedes turpem sortita per amnem,[55] turbaque diuersa remigat omnis aqua Infatti c'è una duplice sede assegnata per l'infame fiume, [55] e tutta la schiera naviga su acqua diversa
una Clytaemestrae stuprum uehit altera, Cressae portat mentitae lignea monstra bouis; ecce coronato pars altera rapta phaselo, mulcet ubi Elysias aura beata rosas,[60] qua numerosa fides, quaque aera rotunda Cybebes mitratisque sonant Lydia plectra choris L'una trasporta l'adulterio di Clitennestra, l'altra porta i prodigi lignei della finta vacca di Creta, ecco l'altra parte trascinata da una barca inghirlandata, dove un'aria serena accarezza le rose degli Elisi, [60] dove l'armoniosa cetra, ogni bronzo tondo di Cibele e i plettri di Lidia per i cori mitrati risuonano
Andromedeque et Hypermestre sine fraude maritae narrant historiae tempora nota suae: haec sua maternis queritur liuere catenis[65] bracchia nec meritas frigida saxa manus; narrat Hypermestre magnum ausas esse sorores, in scelus hoc animum non ualuisse suum Andromeda e Ipermestra senza inganno del marito narrano i noti momenti della loro storia: questa lamenta che le giuste mani illividirono per le catene materne [65] e le fredde rocce illividirono le sue braccia; narra Ipermestra che le sorelle osarono molto, che il suo animo non era stato valido per questo crimine
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XXII

sic mortis lacrimis uitae sancimus amores: celo ego perfidiae crimina multa tuae Così con le lacrime della morte, saniamo gli amori della vita, nascondo le molte colpe della tua infedeltà
[70] sed tibi nunc mandata damus, si forte moueris, si te non totum Chloridos herba tenet: nutrix in tremulis ne quid desideret annis Parthenie: potuit, nec tibi auara fuit [70] Ti affido ora le volontà, se per caso ti commuoverai, se l'erba di Cloride non ti trattiene tutto: affinché la nutrice Partenie non desideri qualcosa nei tremuli anni: poté, ma non fu avara con te
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia III

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia III

deliciaeque meae Latris, cui nomen ab usu est,[75] ne speculum dominae porrigat illa nouae La mia cara Latrice, a cui il nome deriva dal compito, [75] quella non porga lo specchio alla nuova padrona, e i versi tutti quelli che hai scritto in mio onore bruciali per me: smetti di tenere le mie lodi
et quoscumque meo fecisti nomine uersus, ure mihi; laudes desine habere meas; pone hederam tumulo, mihi quae praegnante corymbo mollia contortis alligat ossa comis Metti un'edera sulla tomba, che coll'intenso corimbo e la chioma contorta mi avvolga le tenere ossa
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XXII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XXII

[80] ramosis Anio qua pomifer incubat aruis, et numquam Herculeo numine pallet ebur, hic carmen media dignum me scribe columna, sed breue, quod currens uector ab urbe legat: "hic Tiburtina iacet aurea Cynthia terra:[85] accessit ripae laus, Aniene, tuae [80] Dove l'Aniene fruttifero scorre nei folti campi, e l'avorio non scolorisce mai per il dio Ercole, scrivimi questo carme degno ma breve in mezzo alla colonna, che il viandante che corre dalla città legga: Qui nella terra Tiburtina giace l'aurea Cinzia: [85] una gloria, o Aniene, si aggiunse alla tua riva
" nec tu sperne piis uenientia somnia portis: cum pia uenerunt somnia, pondus habent E non disprezzare i sogni che vengono alle sedi beate, quando vennero i sogni pii, hanno un peso
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XIV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XIV

nocte uagae ferimur, nox clausas liberat umbras, errat et abiecta Cerberus ipse sera Giriamo errabonde di notte, la notte libera le ombre prigioniere, lo stesso Cerbero,tolte le sbarre, erra
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia V

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia V

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia IX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia IX

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXXI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XXXI

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia VI

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XXIII