Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXXI

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXXI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XXXI

QVAERIS, cur veniam tibi tardior Mi chiedi perché vengo più tardi da te
Maybe you might be interested
aurea Phoebi porticus a magno Caesare aperta fuit Fu aperto dal grande Cesare l'aureo portico di Febo
Maybe you might be interested
tanta erat in speciem Poenis digesta columnis, inter quas Danai femina turba senis Tanto bello alla vista, eretto su colonne puniche tra cui ( era) la schiera delle figlie del vecchio Danao
Maybe you might be interested
hic equidem Phoebo visus mihi pulchrior[5] ipso marmoreus tacita carmen hiare lyra; atque aram circum steterant armenta Myronis, quattuor artificis, vivida signa, boves Qui poi più bella dello stesso Febo mi sembrò[5] la statua di marmo intonare il canto con la lira silenziosa; e intorno all'ara stavano gli armenti di Mirone, quattro artistici buoi, statue viventi
Maybe you might be interested
tum medium claro surgebat marmore templum, et patria Phoebo carius Ortygia:[10] in quo Solis erat supra fastigia currus; et valvae, Libyci nobile dentis opus, altera deiectos Parnasi vertice Gallos, altera maerebat funera Tantalidos Poi sorgeva in mezzo il tempio di marmo bianco, più caro a Febo della patria Ortigia:[10] su questo sopra il fastigio c'era il carro del Sole; e i battenti, nobile lavoro di avorio libico, su un vertice i Galli cacciati dal Parnaso,sull'altra si lamentava il funerale dei Tantalidi
Maybe you might be interested
deinde inter matrem deus ipse interque sororem[15] Pythius in longa carmina veste sonat Poi lo stesso dio Pizio tra la madre e la sorella [15] intona carmi in una lunga veste
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Following pages
Cicerone, In Verrem: 02; 56-61
Cicerone, In Verrem: 02; 56-61
Cicerone, De Finibus: Libro 04; 11-15
Cicerone, De Finibus: Libro 04; 11-15
Livio, Ab urbe condita: Libro 28; 20 - 22
Livio, Ab urbe condita: Libro 28; 20 - 22
Igino, Fabulae: Fabula 108 - Il cavallo di Troia
Igino, Fabulae: Fabula 108 - Il cavallo di Troia
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 12, Paragrafi 73-106
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 12, Paragrafi 73-106
Cicerone, De Finibus: Libro 02; 31-35
Cicerone, De Finibus: Libro 02; 31-35
Cicerone, In Verrem: 02; 02-36-40
Cicerone, In Verrem: 02; 02-36-40
Gellio, Notti attiche: Liber 16, 18-19
Gellio, Notti attiche: Liber 16, 18-19
Vitruvio, De Architectura: Libro 08, 06, 1.15
Vitruvio, De Architectura: Libro 08, 06, 1.15