Livio, Ab urbe condita: Libro 39; 06 - 10

Livio, Ab urbe condita: Libro 39; 06 - 10

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 39; 06 - 10

#livio #abUrbeCondita
[6] Iam consularium comitiorum appetebat tempus; quibus quia M Aemilius, cuius sortis ea cura erat, occurrere non potuit, C Flaminius Romam venit

Ab eo creati consules Sp Postumius Albinus Q Marcius Philippus

Praetores inde facti T Maenius P Cornelius Sulla C Calpurnius Piso M Licinius Lucullus C Aurelius Scaurus L Quinctius Crispinus

Extremo anni, magistratibus iam creatis, ante diem tertium nonas Martias Cn Manlius Vulso de Gallis qui Asiam incolunt triumphavit

Serius ei triumphandi causa fuit, ne Q Terentio Culleone praetore causam lege Petillia diceret, et incendio alieni iudicii, quo L Scipio damnatus erat, conflagraret, eo infensioribus in se quam in illum iudicibus, quod disciplinam militarem severe ab eo conservatam successorem ipsum omni genere licentiae corrupisse fama attulerat
[6] Già si avvicinava lepoca dei comizi consolari; e poiché M Emilio, cui ne era toccata in sorte la direzione, non poté intervenirvi, venne a Roma C Flaminio

Da lui furono proclamati consoli Sp Postumio Albino e Q Marcio Filippo

Indi furono eletti pretori T Menio , P Cornelio Silla , C Calpurnio Pisone , M Licinio Lucullo, C Aurelio Scauro , L Quinzio Crispino

Solo alla fine dellanno , quando erano stati creati già i magistrati, Cn Manlio Volsone trionfò sui Galli dellAsia il cinque marzo

Lo scopo del ritardo al suo trionfo fu quello di non dover sostenere davanti al pretore Q Terenzio Colleone il processo intentato per la legge Petillia e di non essere coinvolto nellatmosfera arroventata di un processo a lui estraneo, come era quello in cui era stato condannato L Scipione, in cui i giudici erano anche più mal disposti verso di lui che verso laltro, poiché era risaputo che, il successore aveva lasciato cadere con ogni sorta di concessioni la disciplina militare che laltro aveva tenuta rigorosamente
Neque ea sola infamiae erant, quae in provincia procul ab oculis facta narrabantur, sed ea etiam magis, quae in militibus eius quotidie aspiciebantur

Luxuriae enim peregrinae origo ab exercitu Asiatico invecta in urbem est

Ii primum lectos aeratos, vestem stragulam pretiosam, plagulas et alia textilia, et quae tum magnificae supellectilis habebantur, monopodia et abacos Romam advexerunt

Tunc psaltriae sambucistriaeque et convivalia alia ludorum oblectamenta addita epulis; epulae quoque ipsae et cura et sumptu maiore apparari coeptae

Tum coquus, vilissimum antiquis mancipium et aestimatione et usu, in pretio esse, et quod ministerium fuerat, ars haberi coepta

Vix tamen illa quae tum conspiciebantur, semina erant futurae luxuriae
E non era uno scandalo soltanto quello che si diceva accaduto nella provincia senza spettatori, più ancora quello che ogni giorno si poteva osservare suoi soldati

Infatti il primo germe del lusso straniero fu introdotto a Roma dallesercito dAsia

Furono quei soldati i primi a importare letti decorati in bronzo , coperte preziose, drappeggi e altri tessuti e infine, cose ritenute allora come oggetti di una suppellettile lussuosa, tavole a un piede e àbaci

Fu allora che ai banchetti si fecero intervenire danzatrici e sonatrici di sambuca e si aggiunsero altri spettacoli a delìzia dei convitati;e i conviti stessi cominciarono a essere imbanditi con maggior cura e sontuosità

Fu allora che il cuoco, lo schiavo meno pregiato e considerato meno utile dagli antichi, cominciò ad essere ricercato, e qnello che prima era stato un mestiere diventò unarte

Ma quelli che si notavano allora erano appena i germi del lusso di poi
[7] In triumpho tulit Cn Manlius coronas aureas ducenta duodecim [pondo], argenti pondo ducenta viginti milia, auri pondo duo milia centum tria, tetrachmum Atticum centum viginti septem milia, cistophori ducenta quinquaginta, Philippeorum aureorum nummorum sedecim milia trecentos viginti; et arma spoliaque multa Gallica carpentis travecta, duces hostium duo et quinquaginta ducti ante currum

Militibus quadragenos binos denarios divisit, duplex centurioni, triplex in equites, et stipendium duplex [in pedites] dedit; multi omnium ordinum donati militaribus donis currum secuti sunt

Carminaque a militibus ea in imperatorem dicta, ut facile appareret in ducem indulgentem ambitiosumque ea dici, triumphum esse militari magis favore quam populari celebrem
[7] Cn Manlio portò nel suo trionfo corone doro per duecentododici libbre, duecentoventimila libbre dargento, duemilacentotrè doro, centoventisettemila tetradacmi attici, duecentocinquantamila cistofori, sedicimilatrecentoventi filippi doro; anche molte armi e spoglie galliche furono recate sui carri; davanti al cocchio furono condotti cinquantadue condottieri nemici

Fra i soldati, il trionfatore distribuì quarantadue denari a testa, il doppio ai centurionì, il triplo ai cavalieri, e dette loro stipendio doppio; molti di ogni grado, che erano stati compensati con doni militari, seguirono il carro

Dai soldati erano cantati allindirizzo del generale versi tali che si capiva facilmente come fossero rivolti a un duce indulgente e desideroso di popolarità, e che quel trionfo era circondato piuttosto dalla simpatia dei soldati che da quella della popolazione
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 22; 01-10

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 22; 01-10

Sed ad populi quoque gratiam conciliandam amici Manlii valuerunt; quibus adnitentibus senatus consultum factum est, ut ex pecunia quae in triumpho translata esset, stipendium collatum a populo in publicum, quod eius solutum antea non esset, solveretur

Vicenos quinos et semisses in milia aeris quaestores urbani cum fide et cura solverunt

Per idem tempus tribuni militum duo ex duabus Hispaniis cum litteris C Atinii et L Manlii, qui eas provincias obtinebant, venerunt

Ex iis litteris cognitum est Celtiberos Lusitanosque in armis esse et sociorum agros populari

De ea re consultationem integram senatus ad novos magistratus reiecit

Ludis Romanis eo anno, quos P Cornelius Cethegus A Postumius Albinus faciebant, malus in circo instabilis in signum Pollentiae procidit atque id deicit
Ma, per ottenergli anche il favore popolare seppero adoprarsi gli amici di Manlio, perché per le pressioni loro fu emesso un senatoconsulto per cui dal denaro recato nel trionfo si rimborsava il prestito sottoscritto dal popolo, per la parte che non era stata prima rimborsata

I questori urbani puntualmente e scrupolosamente pagarono il venticinque e mezzo per mille

Dalle due Spagne vennero contemporaneamente due tribuni militari con lettere di C Atinio e di L Manlio, che governavano quelle province

Da quelle lettere si seppe che i Celtiberi e i Lusitani erano in armi e devastavano il territorio degli alleati

Su questo fatto il senato rimise ogni discussione impregiudicata ai nuovi magistrati

Nei Ludi romani di quellanno, celebrati da P Cornelio Cetego e A Postumio Albino , un palo poco stabile che era nel circo cadde sulla statua della dea Pollenza e la gettò a terra
Ea religione moti patres et diem unum adiciendum ludorum censuerunt, et signa duo pro uno reponenda, et novum auratum faciendum

Et plebeii ludi ab aedilibus C Sempronio Blaeso et M Furio Lusco diem unum instaurati sunt

[8] Insequens annus Sp Postumium Albinum et Q Marcium Philippum consules ab exercitu bellorumque et provinciarum cura ad intestinae coniurationis vindictam avertit

Praetores provincias sortiti sunt, T Maenius urbanam, M Licinius Lucullus inter cives et peregrinos, C Aurelius Scaurus Sardiniam, P Cornelius Sulla Siciliam, L Quinctius Crispinus Hispaniam citeriorem, C Calpurnius Piso Hispaniam ulteriorem

Consulibus ambobus quaestio de clandestinis coniurationibus decreta est
I senatori allora, per scrupolo religioso, fecero aggiungere un giorno ai ludi e ricollocare due statue invece di una, e unaltra nuova fecero fare dorata

Anche i ludi plebei furono indetti di nuovo per un giorno dagli edili C Sempronio Bleso e M Furie Lusco

[8] Lanno seguentetenne lontani i due consoli Sp Postuniio Albino e Q Marcio Filippo dal comando degli eserciti e dalla direzione delle guerre e delle province, e li volse alla repressione di una congiura interna

I pretori si divisero a sorte le competenze: T Menio la pretura urbana, M Licinio Lucullo la giurisdizione tra cittadini e stranieri, C Aurelio Scauro il governo della Sardegna; P Cornelio Silla la Sicilia, L Quinzio Crispino la Spagna Citeriore, C Calpumio Pisone la Spagna Ulteriore

A entrambi i consoli fu assegnata la procedura contro le sette segrete
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 38; 36 - 40

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 38; 36 - 40

Graecus ignobilis in Etruriam primum venit nulla cum arte earum, quas multas ad animorum corporumque cultum nobis eruditissima omnium gens invexit, sacrificulus et vates; nec is qui aperta religione, propalam et quaestum et disciplinam profitendo, animos errore imbueret, sed occultorum et nocturnorum antistes sacrorum

Initia erant, quae primo paucis tradita sunt, deinde vulgari coepta sunt per uiros mulieresque

Additae voluptates religioni vini et epularum, quo plurium animi illicerentur

Cum vinum animos , et nox et mixti feminis mares, aetatis tenerae maioribus, discrimen omne pudoris exstinxissent, corruptelae primum omnis generis fieri coeptae, cum ad id quisque, quo natura pronioris libidinis esset, paratam voluptatem haberet
La cosa partì da un Greco sconosciuto che venne in Etruria non già recando qualcuna di quelle arti che quel popolo maestro fra tutti diffuse fra noi a delizia dello spirito e del corpo; era un praticante di riti e un indovino ,e non già uno che insinuasse lerrore nelle menti con pubblici riti professando apertamente una sua arte a scopo di lucro , ma un sacerdote di riti segreti e notturni

Misteri quelli, a cui pochi in origine furono iniziati e che poi cominciarono adiffondersi senza distinzione fra uomini e donne

Al rito si aggiunsero le delizie del vino e dei banchetti, perché fossero di più le menti attratte nellerrore

Quando il vino incendiava gli animi, la notte e il trovarsi confusi maschi e femmine, fanciulli e adulti ebbero cancellato ogni limite posto dal pudore , cominciarono a commettersi depravazioni di ogni genere, poiché ognuno vi trovava pronto sodisfacimento per quello a cui eran più portate dallistinto le sue voglie
Nec unum genus noxae, stupra promiscua ingenuorum feminarumque erant, sed falsi testes, falsa signa testamentaque et indicia ex eadem officina exibant: venena indidem intestinaeque caedes, ita ut ne corpora quidem interdum ad sepulturam exstarent

Multa dolo, pleraque per vim audebantur

Occulebat vim quod prae ululatibus tympanorumque et cymbalorum strepitu nulla vox quiritantium inter stupra et caedes exaudiri poterat

[9] Huius mali labes ex Etruria Romam veluti contagione morbi penetravit

Primo urbis magnitudo capacior patientiorque talium malorum ea celavit: tandem indicium hoc maxime modo ad Postumium consulem pervenit
E non ci si limitò a un solo genere di malefici come violenze indiscriminate su uomini liberi e su donne, ma anche false testimonianze , falsificazione di suggelli nei testamenti e delazioni uscivano da una stessa fucina, e sempre di là azioni di magia e delitti familiari, al punto che a volte non restavano neppure i corpi da seppellire

Molto si osava con linsidia, ma di più con la violenza

A nascondere la violenza valeva il fatto che per le grida e il fragore dei timpani e dei cembali non si poteva udire la voce di quelli che gridavano aiuto fra gli stupri e le uccisioni

[9] Questo flagello dallEtruria si propagò a Roma come in unepidemia

Prima lo tenne celato la vastità dellurbe, più atta ad accogliere e lasciar passare simili malanni; finché una denuncia al console Postnmio arrivò più o meno nel modo che segue
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 45; 23 - 44

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 45; 23 - 44

P Aebutius, cuius pater publico equo stipendia fecerat, pupillus relictus, mortuis deinde tutoribus sub tutela Duroniae matris et vitrici T Sempronii Rutili educatus fuerat

Et mater dedita viro erat, et vitricus, quia tutelam ita gesserat, ut rationem reddere non posset, aut tolli pupillum aut obnoxium sibi vinculo aliquo fieri cupiebat

Via una corruptelae Bacchanalia erant

Mater adulescentem appellat: se pro aegro eo vovisse, ubi primum convaluisset, Bacchis eum se initiaturam; damnatam voti benignitate deum exsolvere id velle

Decem dierum castimonia opus esse: decimo die cenatum, deinde pure lautum in sacrarium deducturam
P Ebuzio, il cui padre aveva servito come cavaliere spesato dallerario, era rimasto orfano in etàminore, poi, morti anche i primi tutori , era stato educato sotto la tutela della madre Duronia e del patrigno T Sempronio Rutilo

Ora, da una parte la madre era sottomessa al marito, dallaltra il patrigno, che aveva amministrato la tutela in modo da non poterne rendere conto, cercava un modo di disfarsi del pupillo ovvero di averlo alla sua mercé con qualche possibilità di ricatto

Lunica via di comprometterlo erano i Baccanali

Ecco che la madre si rivolge al giovane, per dirgli che, in occasione di una sua malattia, ella aveva fatto voto di iniziazione, appena fosse guarito, ai Baccanali, e ora, vincolata al voto dalla bontà degli dei, voleva soddisfarlo

Si richiedevano dieci giorni di castità; nel decimo giorno, dopo che avesse cenato e preso il bagno con acqua pura, ella lo avrebbe accompagnato nel sacrario
Scortum nobile libertina Hispala Faecenia, non digna quaestu, cui ancillula adsuerat, etiam postquam manumissa erat, eodem se genere tuebatur

Huic consuetudo iuxta vicinitatem cum Aebutio fuit, minime adulescentis aut rei aut famae damnosa: ultro enim amatus appetitusque erat, et maligne omnia praebentibus suis meretriculae munificentia sustinebatur

Quin eo processerat consuetudine capta, ut post patroni mortem, quia in nullius manu erat, tutore ab tribunis et praetore petito, cum testamentum faceret, unum Aebutium institueret heredem

[10] Haec amoris pignora cum essent, nec quicquam secretum alter ab altero haberent, per iocum adulescens vetat eam mirari, si per aliquot noctes secubuisset: religionis se causa, ut voto pro valetudine sua facto liberetur, Bacchis initiari velle
Una meretrice famosa, la liberta Ispala Fecennia, non degna veramente del mestiere cui si era abituata da schiava, anche dopo liberata continuava nella stessa vita

Costei ebbe con Ebuzio una relazione nata dalla vicinanza, senza portar danno alcuno alle finanze o alla riputazione del giovane; ché egli aveva trovato in lei amore e affetto disinteressato e anzi, mentre i suoi lo tenevano a stecchetto di tutto, era aiutato dalla generosità di quella povera sgualdrina

E tutta presa da questa relazione era arrivata al punto che, mortole il patrono, e non essendo sotto tutela di nessuno, chiese ai tribuni e al pretore un tutore e nominò Ebuzio unico erede

[10]Quando già erano corsi questi pegni di affetto e ormai ltino non aveva segreti per laltro, ecco che il giovane le dice tra lo scherzo di non meravigliarsi se avesse fatto astinenza per qualche notte; per una ragione religiosa, cioè per sciogliere un voto fatto per la sua guarigione, voleva essere iniziato ai Baccanali
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 21; 41-50

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 21; 41-50

Id ubi mulier audivit, perturbata 'dii meliora

' Inquit: mori et sibi et illi satius esse quam id faceret; et in caput eorum detestari minas periculaque, qui id suasissent

Admiratus cum verba tum perturbationem tantam adulescens parcere exsecrationibus iubet: matrem id sibi adsentiente vitrico imperasse

'Vitricus ergo' inquit 'tuusmatrem enim insimulare forsitan fas non sitpudicitiam famam spem uitamque tuam perditum ire hoc facto properat

' Eo magis mirabundo quaerentique, quid rei esset, pacem veniamque precata deorum dearumque, si coacta caritate eius silenda enuntiasset, ancillam se ait dominae comitem id sacrarium intrasse, liberam numquam eo accessisse
Quando la donna sentì questo: Per caritàesclamò tutta sconvolta

E lì a dire che era meglio per lei e per lui morire piuttosto che egli facesse una cosa simile; e che il male e il malanno ricadessero sul capo di chi laveva consigliato

Il giovane, sorpreso dalle parole e da tanta disperazione, la prega di lasciar da parte le imprecazioni: era stata sua madre a voler così, daccordo col patrigno

Ah, è dunque il tuo patrigno , ribatté lei (forse non sarà lecito accusare tua madre) che ha fretta di compromettere così il tuo onore, il tuo nome, il tuo avvenire, la tua vita

Quello, più che mai meravigliato, chiedeva che volesse dir ciò: Ispala, invocato il perdono e lassenso degli dei e delle dee se per amore di lui rivelava dei misteri, gli racconta come fosse entrata, quando era schiava, in quel sacrario per accompagnarvi la sua padrona ;da libera non ci si era più accostata
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 26; 31-40

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 26; 31-40

Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 41; 26 - 28

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 41; 26 - 28

Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 02; 25 - 38

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 02; 25 - 38

Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 29; 16 - 17

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 29; 16 - 17

Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 31; 48 - 50

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 31; 48 - 50