Livio, Ab urbe condita: Libro 27; 01 - 02

Livio, Ab urbe condita: Libro 27; 01 - 02

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 27; 01 - 02

[1] Hic status rerum in Hispania erat [1] Questa era la situazione in Spagna
In Italia consul Marcellus Salapia per proditionem recepta Marmoreas et Meles de Samnitibus ui cepit In Italia il console Marcello, dopo aver riavuto per tradimento Salapia, levò con la forza ai Sanniti le città di Marmoree e di Mele
Ad tria milia militum ibi Hannibalis, quae praesidii causa relicta erant, oppressa: preda et aliquantum eius fuit militi concessa Qui furono sconfitti circa tremila militari di Annibale, che vi erano stati lasciati come difesa: la ricca preda fu lasciata ai soldati
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 08, Parte 02

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 08, Parte 02

Tritici quoque ducenta quadraginta milia modium et centum decem milia hordei inuenta Furono trovati duecentoquarantamila moggi di grano e centodiecimila di orzo
Ceterum nequaquam inde tantum gaudium fuit quanta clades intra paucos dies accepta est haud procul Herdonea urbe Purtroppo la gioia che venne da tali espugnazioni fu abolita dalla grave perdita che di lì a pochi giorni i Romani subirono non lontano dalla città di Erdonea
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 45; 23 - 44

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 45; 23 - 44

Castra ibi Cn Fuluius proconsul habebat spe recipiendae Herdoneae, quae post Cannensem cladem ab Romanis defecerat, nec loco satis tuto posita nec praesidiis firmata Il proconsole Cn Fulvio aveva posto qui gli accampamenti nellattesa di riprendere Erdonea, che dopo la disfatta di Canne si era ribellata ai Romani; tali accampamenti, però, non erano stati messi in un luogo alquanto sicuro né erano stati muniti di una guarnigione
Neglegentiam insitam ingenio ducis augebat spes ea quod labare iis aduersus Poenum fidem senserat, postquam Salapia amissa excessisse iis locis in Bruttios Hannibalem auditum est Quel desiderio accresceva il naturale disinteresse del capo, che era convinto che la fedeltà dei cittadini di Erdonea verso Annibale potesse venir meno dopo che si era saputo che il Cartaginese, persa Salapia, aveva lasciato quei luoghi per andare nel Bruzzio
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 02; 48 - 65

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 02; 48 - 65

Ea omnia ab Herdonea per occultos nuntios delata Hannibali simul curam sociae retinendae urbis et spem fecere incautum hostem adgrediendi Tutte queste novità, riferite ad Annibale attraverso segreti messaggeri, sollevarono in lui il tormento di non perdere l'alleanza di quella città e nello stesso tempo la fiducia di poter assalire il nemico prendendolo di sorpresa
Exercitu expedito ita ut famam prope praeueniret magnis itineribus ad Herdoneam contendit et, quo plus terroris hosti obiceret, acie instructa accessit Con l'esercito alleviato dai bagagli si diresse a marce forzate verso Erdonea in modo da anticipare la notizia del suo arrivo e, per spaventarlo ancor più, si avvicinò al nemico in ordine di guerra
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 38; 41 - 45

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 38; 41 - 45

Par audacia Romanus, consilio et uiribus impar, copiis raptim eductis conflixit Il Romano, uguale in coraggio ad Annibale, ma inferiore a lui in controllo ed in energie, portando fuori in gran fretta i suoi militari, attaccò subito battaglia
Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 07, 24-26

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 07, 24-26

Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 39; 26 - 30

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 39; 26 - 30

Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 31; 23 - 26

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 31; 23 - 26

Maybe you might be interested
Livio, Ab urbe condita: Libro 31; 48 - 50

Latino: dall'autore Livio, opera Ab urbe condita parte Libro 31; 48 - 50