Il rapimento di Giulio Cesare da parte dei pirati cilici

Il rapimento di Giulio Cesare da parte dei pirati cilici

nell'inverno tra il 75 e il 74 a.C. si verificò l'episodio del rapimento, da parte di questi ultimi, del futuro Dictator Gaio Giulio Cesare, all'epoca all'incirca 24enne e alle prese con le sue prime esperienze politiche

#ancientRome

Era in viaggio verso Rodi dove si stava recando per ragioni di studio ( avrebbe dovuto frequentarvi la scuola dello stimato retore greco Apollonio Molone ), accompagnato da alcuni servitori e dal suo medico personale, quando la sua nave fu intercettata e catturata  da un gruppo di pirati cilici, avvicinatisi in modo repentino a bordo di agili e veloci imbarcazioni dalla forma allungata. Egli fu quindi fatto prigioniero e condotto sulll'isola di Farmacussa, odierna Farmaco

* il termine pirati deriva dal greco peiran "assalire"

trireme romana usata anche dai pirati cilici trireme romana usata anche dai pirati cilici

Per i pirati della Cilicia, il rapimento di personaggi di spicco non era certo raro. Al pari delle razzie, iniziative di tal genere costituivano infatti un ottima occasione per fare denaro in modo rapido, grazie alle cospicue somme chieste come riscatto. Un nobile romano, con tanto di servitori a seguito, era certamente una preda ghiotta. Per liberare il loro illustre prigioniero, i pirati chiesero 20 talenti corrispondenti a oltre mezza tonnellata d'argento.

Cesare non perse la calma assicurando un riscatto maggiore, visto che un uomo del suo rango valeva molto di più e promise una pronta vendetta. specififcando che, una volta libero, avrebbe fatto fatto uccidere tutti coloro che avevano partecipato al suo rapimento. Inviò coloro che erano al suo seguito a procurarsi denari mentre lui rimase tra quei ferocissimi cilici per 38 giorni. Si comportò comunque in modo altezzoso e ogni volta che andava a riposare, mandava loro l'ordine di tacere. Scriveva poesie e discorsi e glieli faceva ascoltare. Per oltre un mese, Giulio Cesare fu ospitato in alcune capanne insieme al suo gruppetto di servitori.

Giunti i 50 talenti pattuiti, il balzanzoso prigionero fu liberato, ma prima di riprendere la vita ordinaria si dedicò a mettere in atto i palesati propositi di vendetta, armando nel giro di pochissimo tempo una flotta per dare la caccia ai suoi rapitori

Maybe you might be interested

il brano "La Bamba" trae origine dalla razzia di Veracruz del 1683
il brano "La Bamba" trae origine dalla razzia di Veracruz del 1683

Una delle scorrerie più celebri, tra le molte compiute dai pirati dei Caraibi di tutti i tempi, fu l'attacco a Veracruz, ricchissima città situata sulla costa meridionale del golfo del Messico, nell...

Partito da Mileto, sulla costa di fronte a Farmacussa, Cesare rintracciò senza problemi i pirati incriminati, cogliendoli mentre erano impegnati a trangugiare vino per festeggiare l'ottenimento dello sbalorditivo riscatto. Dopodichè mise in fuga una parte della loro flotta, una parte l'affondò e catturò diverse navi e molti uomini. Consegnò ai suoi i prigionieri in custiodia e proseguì in Bitinia dal proconsole con l'intenzione di chiedergli di infliggere la pena di morte ai pirati che aveva catturato. Avendo quello negato che lo avrebbe fatto, ma avendo affermato che li avrebbe venduti, Cesare ritornò al mare con incredibile rapidità e lui stesso crocifisse tutti i pirati.

La versione dello storico romano Marco Velleio Patercolo, fu fornita anche da Plutarco, mentre un altro storico romano, Svetonio, puntualizzerà che i predoni vennero dapprima sgozzati e poi appesi

Maybe you might be interested

gli occhi dipinti sulla prua delle navi greche
gli occhi dipinti sulla prua delle navi greche

L'occhio apotropaico ( tenere lontano la malasorte ) era uno dei simboli più usati dai greci

Gaio Giulio Cesare: riassunto breve
Gaio Giulio Cesare: riassunto breve

Appartiene ad una famiglia nobile e una sua zia aveva sposato Gaio Mario. Cesare (100-44 a.C.), segue una brillante carriera politica anche con l'appoggio economico di Crasso, a cui poi renderà rico...

Il progetto dinastico di Augusto crolla. Tiberio è imperatore
Il progetto dinastico di Augusto crolla. Tiberio è imperatore

Ottaviano ha una figlia, Giulia, avuta da Scribonia ma lascia la moglie quando si innamora di Livia. La donna non gli da nessun figlio ma ne ha già uno, Tiberio, avuto da un precedente rapporto. Su G...

il primo incontro tra Cesare e Cleopatra
il primo incontro tra Cesare e Cleopatra

subito dopo l'assassinio di Pompeo, Cesare fermo ad Alessandria, viene coinvolto nel conflitto dinastico per il trono d'Egitto conteso tra Tolomeo XIII e sua sorella Cleopatra VII