Élisabeth Vigée Le Brun spazientita per il ritratto di Caroline Murat

Élisabeth Vigée Le Brun spazientita per il ritratto di Caroline Murat

La pittrice si trovava a Londra soffrendo il dolore profondo per la lontananza di sua figlia e quando viene a sapere del ritorno a Parigi di lei, l'amore materno vince su tutto e decide di anticipare il suo rientro in Francia. In questo periodo, la famiglia Bonaparte le commissiona il ritratto della sorella dell'imperatore, Caroline Murat

Sarebbe impossibile descrivere tutte le contrarietà e tutti i tormenti che dovetti sopportare per quel ritratto. Innanzitutto, alla prima seduta, vidi arrivare Madame Murat con due cameriere che dovevano pettinarla mentre io l'avrei dipinta. Quando le feci osservare che mi sarebbe stato impossibile cogliere i suoi lineamenti in condizioni simili, accettò di mandar via le due cameriere [...].

Spesso l'aspettavo invano, il che mi spazientiva da non dire, e l'intervallo tra le sedute era così lungo che le capitò di cambiare pettinatura. I primi giorni, ad esempio, portava riccioli che le ricadevano sulle gote, e così la ritrassi, ma poi quella acconciatura passò di moda, e a una seduta successiva si presentò pettinata in modo completamente diverso, per cui fui costretta a cancellare i riccioli che avevo dipinto sulla fronte e sostituire le perle, che formavano un bandeau, con dei cammei 

Nel giugno 1841, Elizabeth viene colpita da un ictus durante un soggiorno a ovest di Parigi. Si riprende e in autunno torna a Parigi, dove muore il 31 marzo 1842. Sulla sua lapide, nel cimitero del borgo, compare un tondo che contiene una tavolozza e un pennello. Sotto, la scritta Ici, enfin, je repose (Qui, finalmente, io riposo)

la fuga di Élisabeth Vigée Le Brun da Parigi

l’artista donna più cara al mondo nella categoria: Grandi Maestri

ritratto di Elisabeth Philippine Marie Hélène de France - Elisabeth Louise Vigée Le Brun, 1782

ritratto di fanciulla eseguito dalla propria madre

un dipinto di Rubens segna la svolta artistica di Élisabeth Vigée Le Brun

Maria Antonietta immortalata con una rosa