Scilla colei che dilania e Cariddi colei che risucchia

Scilla colei che dilania e Cariddi colei che risucchia

la leggenda sullo stretto di Messina, nasce dalla difficoltà nel navigarlo causa le forti correnti che, a volte, generavano enormi vortici

Scilla significava colei che dilania. Descritta con un corpo di donna e con 6 teste di cane al posto delle gambe, in origine era una ninfa trasformata poi in mostro per gelosia dalla maga Circe.

Cariddi significa colei che risucchia. Era una ladra che rubò dei buoi all'eroe Eracle ( Ercole ) per questo Zeus la trasformò in un gigantesco mostro che risucchiava l'acqua del mare creando enormi vortici

la rappresentazione di Scilla nell'odissea la rappresentazione di Scilla nell’odissea
il mostro di Cariddi nella mitologia il mostro di Cariddi nella mitologia
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested:
Cerbero, nella mitologia greca