Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 66-70

Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 66-70

Latino: dall'autore Sallustio, opera Bellum Iugurthinum parte Parte 66-70

Interim Iugurtha, postquam omissa deditione bellum incipit, cum magna cura parare omnia, festinare: cogere exercitum; civitatis, quae ab se defecerant, formidine aut ostentando praemia affectare; communire suos locos, arma tela aliaque, quae spe pacis amiserat, reficere aut commercari; servitia Romanorum allicere et eos ipsos, qui in praesidiis erant, pecunia temptare; prorsus nihil intactum neque quietum pati, cuncta agitare Nel frattempo Giugurta, da quando, abbandonata l'idea di arrendersi, aveva ripreso le ostilità, preparava tutto con gran cura e nella massima fretta; raccoglieva un nuovo esercito, con l'intimidazione o con l'offerta di ricompense cercava di far tornare a sé le città che si erano ribellate, fortificava i capisaldi, riparava o acquistava armi di difesa e di offesa e tutto l'altro materiale che la speranza della pace gli aveva fatto perdere, sobillava gli schiavi dei Romani e cercava di corrompere anche i soldati delle guarnigioni; insomma, non lasciava nulla di intentato, non dava tregua, metteva in movimento ogni cosa
Maybe you might be interested
Igitur Vagenses, quo Metellus initio Iugurtha pacificante praesidium imposuerat, fatigati regis suppliciis neque antea voluntate alienati, principes civitatis inter se coniurant A Vaga, dove Metello aveva posto un presidio all'inizio delle trattative di pace con Giugurta, i più importanti cittadini, cedendo alle suppliche del re, dal quale non si erano staccati volentieri neppure prima, ordiscono una congiura
Maybe you might be interested
Nam uulgus, uti plerumque solet et maxime Numidarum, ingenio mobili, seditiosum atque discordiosum erat, cupidum novarum rerum, quieti et otio aduersum Il popolo, come si verifica generalmente, e tanto più in Numidia, era di indole volubile, sedizioso e turbolento, desideroso di cambiamenti e nemico della tranquillità e della pace
Maybe you might be interested
Dein compositis inter se rebus in diem tertium constituunt, quod is festus celebratusque per omnem Africam ludum et lasciuiam magis quam formidinem ostentabat Accordatisi fra loro, fissarono l'esecuzione per il dopodomani, perché, essendo un giorno festivo celebrato in tutta l'Africa, faceva pensare a giochi e a piaceri più che alla paura
Maybe you might be interested
Sed ubi tempus fuit, centuriones tribunosque militaris et ipsum praefectum oppidi T Turpilium Silanum alius alium domos suas inuitant Nel tempo stabilito invitano, chi l'uno chi l'altro, i centurioni, i tribuni militari e lo stesso prefetto della città: Tito Turpilio Silano
Maybe you might be interested
Eos omnis praeter Turpilium inter epulas obtruncant, postea milites palantis inermos, quippe in tali die ac sine imperio, aggrediuntur Durante il banchetto li massacrano tutti, tranne Turpilio; Poi attaccano i soldati che vanno in giro disarmati, com'è naturale in un giorno simile e in assenza di comandanti
Maybe you might be interested
Idem plebes facit, pars edocti ab nobilitate, alii studio talium rerum incitati, quis acta consiliumque ignorantibus tumultus ipse et res novae satis placebant La plebe fa altrettanto, parte perché messa al corrente dalla nobiltà, parte perché spinta dalla naturale inclinazione per azioni di questo tipo: pur senza conoscere il piano e lo scopo, trovavano motivazioni sufficienti nel disordine per se stesso e nella novità della cosa
Maybe you might be interested
Romani milites, improuiso metu incerti ignarique, quid potissimum facerent, trepidare I soldati romani, scossi per l'improvviso pericolo e incerti sul da farsi, erano in preda allo sgomento
Maybe you might be interested
Arce oppidi, ubi signa et scuta erant, praesidium hostium, portae ante clausae fuga prohibebant; ad hoc mulieres puerique pro tectis aedificiorum saxa et alia, quae locus praebebat, certatim mittere Un presidio nemico impediva l'accesso alla rocca della città, dove si trovavano le insegne e gli scudi; le porte, chiuse prima dell'attacco, precludevano la via della fuga; In più, donne e ragazzi lanciavano a gara dai tetti delle case sassi e tutto quanto veniva loro alle mani
Maybe you might be interested
Ita neque caueri anceps malum neque a fortissimis infirmissimo generi resisti posse: iuxta boni malique, strenui et inbelles inulti obtruncari Era dunque impossibile guardarsi dal duplice pericolo e i più forti non riuscivano a opporre resistenza ai più deboli; provetti e incapaci, valorosi e vili venivano trucidati fianco a fianco senza poter reagire
Following pages
Cicerone, Filippiche: 14; 36-38
Cicerone, Filippiche: 14; 36-38
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXVIII
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXVIII
Livio, Ab urbe condita: Libro 06, 31-35
Livio, Ab urbe condita: Libro 06, 31-35
Seneca, De Constantia Sapientis: 15; 01-05
Seneca, De Constantia Sapientis: 15; 01-05
Virgilio, Eneide: Libro 01 - RISPOSTA DI DIDONE E INTERVENTO DI ENEA
Virgilio, Eneide: Libro 01 - RISPOSTA DI DIDONE E INTERVENTO DI ENEA
Catullo, Carmi: Lesbia mi
Catullo, Carmi: Lesbia mi
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 30-34
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 30-34
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 18, Paragrafi 266-271
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 18, Paragrafi 266-271
Plauto, Aulularia: Argumentum II
Plauto, Aulularia: Argumentum II