Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia IV, pag 2

Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia IV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia IV

#Propertius #elegiae
Romani montes, et montibus addita Roma,[35] et valeat probro Vesta pudenda meo: ille equus, ille meos in castra reponet amores, cui Tatius dextras collocat ipse iubas O monti romani, e Roma innalzata sui monti,[35] addio e Vesta che deve vergognarsi della mia infamia: quel cavallo, riporterà negli accampamenti i miei affetti, quello a cui Tazio stesso mette a destra la criniera
quid mirum in patrios Scyllam saevisse capillos, candidaque in saevos inguina versa canis Quale stupore che Scilla abbia infierito sui capelli del padre, e i candidi fianchi tramutati in cani rabbiosi
[40] prodita quid mirum fraterni cornua monstri, cum patuit lecto stamine torta via [40] Quale stupore le corna tradite del mostro fraterno, quando il tortuoso cammino si aprì col filo arrotolato
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia VI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia VI

quantum ego sum Ausoniis crimen factura puellis, improba virgineo lecta ministra foco Quanta infamia sarò per le fanciulle Ausonie, indegna, ministra scelta per il fuoco virginale
Pallados exstinctos si quis mirabitur ignis,[45] ignoscat: lacrimis spargitur ara meis; cras, ut rumor ait, tota potabitur urbe: tu cape spinosi rorida terga iugi; lubrica tota via est et perfida: quippe tacentis fallaci celat limite semper aquas Se qualcuno guarderà stupito i fuochi spenti di Pallade,[45] perdoni: l'altare è cosparso delle mie lacrime
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XI

[50] o utinam magicae nossem cantamina Musae Domani, come dice la voce, si berrà in tutta la città:tu prendi le umide vie posteriori del colle pieno di spine, tutta la strada è scivolosa e pericolosa: certo nel sentiero ingannevole nasconde sempre acqua silenziosa [50] O conoscessi gli incantesimi della magica Musa
haec quoque formoso lingua tulisset opem Anche queste parole avrebbero dato aiuto al bello
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia I

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia I

te toga picta decet, non quem sine matris honore nutrit inhumanae dura papilla lupae Ti si addice la toga ricamata, non a chi senza onore di madre si nutrì dalla dura mammella della lupa selvaggia
hic, hospes, patria metuar regina sub aula Qui, straniera, come regina temerò nella corte patria
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XVI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XVI

[55] dos tibi non humilis prodita Roma venit [55] Per te arriva una dote non piccola, Roma tradita
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XXII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XXII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 02

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 02

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia IV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia IV

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXVIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XXVIII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XX