Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXV

Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XXV

Risus eram positis inter convivia mensis et de me poterat quilibet esse loquax Ero oggetto di riso nelle tavole imbandite tra i conviti e il pettegolo poteva dire di me ciò che voleva
quinque tibi potui servire fideliter annos: ungue meam morso saepe querere fidem Per cinque anni potei servirti fedelmente: spesso rimpiangerai la mia fedeltà mordendoti le unghie
nil moveor lacrimis: ista sum captus ab arte;[5] semper ab insidiis, Cynthia, flere soles Non mi commuovo per niente alle lacrime: fui catturato da questa arte; [5] sei solita, Cinzia, piangere sempre per inganno
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 01

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 01

flebo ego discedens, sed fletum iniuria vincit: tu bene conveniens non sinis ire iugum Io piangerò allontanandomi, ma l'offesa supera il pianto: tu non permetti di procedere col giogo che si addice
limina iam nostris valeant lacrimantia verbis, nec tamen irata ianua fracta manu Già le soglie che lacrimano danno l'addio alle nostre parole, né tuttavia la porta fu colpita dalla mano irata
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia VIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia VIII

[10] at te celatis aetas gravis urgeat annis, et veniat formae ruga sinistra tuae [10] L'età incomba grave su di te con gli anni nascosti, e una ruga funesta venga alla tua bellezza
vellere tum cupias albos a stirpe capillos, iam speculo rugas increpitante tibi, exclusa inque vicem fastus patiare superbos,[15] et quae fecisti facta queraris anus Allora voglia tu strappare i capelli bianchi dalla radice, ormai con lo specchio implacabile, rughe per te, e respinta soffra in cambio gli orgogliosi disdegni, [15] e da vecchia lamenti le cose che facesti
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia IX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia IX

has tibi fatalis cecinit mea pagina diras: eventum formae disce timere tuae La mia pagina cantò per te queste fatali imprecazioni: impara a temere la fine della tua bellezza
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia VIII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XXX

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia IV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia IV

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XIII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XVIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XVIII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XX