Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XV

Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XV

#Propertius #elegiae
O me felicem O me felice
o nox mihi candida O notte luminosa per me
et o tu lectule deliciis facte beate meis E tu, piccolo letto, reso beato dalle mie gioie
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia IV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia IV

quam multa apposita narramus verba lucerna, quantaque sublato lumine rixa fuit Quante numerose parole diciamo con adatta lucerna, quanta lotta ci fu a luce spenta
nam modo nudatis mecum est luctata papillis,[5] interdum tunica duxit operta moram Infatti ora lottò con me dopo aver denudato il seno, [5] talora, ricoperta dalla tunica, frenò l'assalto
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia IX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia IX

illa meos somno lapsos patefecit ocellos ore suo et dixit 'Sicine, lente, iaces Quella dischiuse i miei occhi, stanchi per il sonno e con la sua bocca disse: "Dunque così giaci, o indolente
' quam vario amplexu mutamus bracchia " Quante volte cambiammo gli abbracci col vario amplesso
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XXI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XXI

quantum oscula sunt labris nostra morata tuis Quanti nostri baci si fermarono sulle tue labbra
[10] non iuvat in caeco Venerem corrumpere motu: si nescis, oculi sunt in amore duces [10] Non giova guastare Venere (l'amore) con cieco movimento: se non lo sai, gli occhi fanno da guida in amore
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XIII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XIII

ipse Paris nuda fertur periisse Lacaena, cum Menelaeo surgeret e thalamo; nudus et Endymion Phoebi cepisse sororem[15] dicitur et nudae concubuisse deae Si racconta che Paride venisse meno per la nuda Spartana mentre si alzava dal talamo di Menelao;e si dice che nudo Endimione abbia preso la sorella di Febo[15]e aver dormito con la dea
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XIX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XIX

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia VI

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XVII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XVII

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XIX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XIX

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XX