We use cookies to track usage and preferences

Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 04

Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 04

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 04

Quid mihi tam multas laudando, Basse, puellas Mutatum domina cogis abire mea Perché, Basso, lodandomi tante fanciulle mi costringi a cambiare sentimento e a lasciare la mia donna
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Quid me non pateris vitae quodcumque sequetur Hoc magis assueto ducere servitio Perché non mi permetti di passare piuttosto il resto della vita in questa schiavitù a cui sono abituato
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Tu licet Antiopae formam Nycteidos et tu [5] Spartanae referas laudibus Hermionae, Et quascumque tulit formosi temporis aetas : Cynthia non illas nomen habere sinat, Nedum, si levibus fuerit collata figuris, Inferior duro iudice turpis eat Ricorda pure con lodi la bellezza di Antiope, figlia di Nitteo [5] e della spartana Ermione e di quante produsse la splendida età degli eroi; Cinzia non permetterà che quelle conservino la fama, tanto meno paragonata a bellezze comuni, la vergogna si presenterebbe inferiore davanti a un severo giudice
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
[10] Haec sed forma mei pars est extrema furoris: Sunr maiora, quibus, Basse, perire iuvat, Ingenuus color et multis decus arti bus et quae Gaudia sub tacita ducere veste libet : Quo magis et nostros contendis solvere amores,[15] Hoc magis accepta fallit uterque fide [10] Ma questa bellezza è l'ultima causa della mia sfrenata passione: ce ne sono di maggiori, o Basso, a cui mi piace soccombere, un colorito naturale, lo splendore di molte attività artistiche e quei piaceri che le piace prolungare sotto la silenziosa coperta: quanto più ti adoperi per dissolvere il nostro amore, [15] tanto più ti deludiamo rinnovando la reciproca promessa di fedeltà
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Non inpune feres : sciet haec insana puella Et tibi non tacitis vocibus hostis erit: Nec tibi me post haec committet Cynthia nec te Quaeret : erit tanti criminis illa memor,[20] Et te circum omnes alias irata puellas Differet : heu nullo limine carus eris Non te ne andrai impunito: la mia donna innamorata saprà ciò e ti sarà nemica con tacite parole: e Cinzia non mi affiderà più a te, né ti cercherà: sarà memore di tanta colpa, [20] e adirata ti diffamerà intorno a tutte le altre fanciulle: ahimè in nessuna casa sarai caro
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
Nullas illa suis contemnet fletibus aras, Et quicumque sacer, qualis ubique, lapis Non trascurerà di bagnare con le sue lacrime gli altari, e qualunque sacra pietra, qualunque e dovunque
Non ullo gravius temptatur Cynthia damno,[25] Quam sibi cum rapto cessat amore deus, Praecipue nostri Cinzia non sia colpita da nessun danno più grave, [25] di quando il dio, rapitole l'amante, specialmente me, resti inoperoso
Maneat sic semper, adoro, Nec quicquam ex illa quod querar inveniam Rimanga così sempre, io prego, e non troverò nulla che io mi lamenti di lei
Following pages
Vitruvio, De Architectura: Libro 05, 09, 1.9
Vitruvio, De Architectura: Libro 05, 09, 1.9
Cicerone, De Finibus: Libro 03; 11-15
Cicerone, De Finibus: Libro 03; 11-15
Cicerone, De Finibus: Libro 05; 11-15
Cicerone, De Finibus: Libro 05; 11-15
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVIII
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVIII
Gellio, Notti attiche: Liber 3, 1-3
Gellio, Notti attiche: Liber 3, 1-3
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 01; 230-273
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 01; 230-273
Livio, Ab urbe condita: Libro 40; 06 - 10
Livio, Ab urbe condita: Libro 40; 06 - 10
Virgilio, Eneide: Libro 01 - NETTUNO DIO DEL MARE, INTERVIENE
Virgilio, Eneide: Libro 01 - NETTUNO DIO DEL MARE, INTERVIENE
Vitruvio, De Architectura: Libro 08, 1.4
Vitruvio, De Architectura: Libro 08, 1.4