Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 04

Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 04

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 04

Quid mihi tam multas laudando, Basse, puellas Mutatum domina cogis abire mea Perché, Basso, lodandomi tante fanciulle mi costringi a cambiare sentimento e a lasciare la mia donna
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia II

Score 55.1%

Quid me non pateris vitae quodcumque sequetur Hoc magis assueto ducere servitio Perché non mi permetti di passare piuttosto il resto della vita in questa schiavitù a cui sono abituato
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXXI

Score 12.5%

Tu licet Antiopae formam Nycteidos et tu [5] Spartanae referas laudibus Hermionae, Et quascumque tulit formosi temporis aetas : Cynthia non illas nomen habere sinat, Nedum, si levibus fuerit collata figuris, Inferior duro iudice turpis eat Ricorda pure con lodi la bellezza di Antiope, figlia di Nitteo [5] e della spartana Ermione e di quante produsse la splendida età degli eroi; Cinzia non permetterà che quelle conservino la fama, tanto meno paragonata a bellezze comuni, la vergogna si presenterebbe inferiore davanti a un severo giudice
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia VIII

Score 38.1%

[10] Haec sed forma mei pars est extrema furoris: Sunr maiora, quibus, Basse, perire iuvat, Ingenuus color et multis decus arti bus et quae Gaudia sub tacita ducere veste libet : Quo magis et nostros contendis solvere amores,[15] Hoc magis accepta fallit uterque fide [10] Ma questa bellezza è l'ultima causa della mia sfrenata passione: ce ne sono di maggiori, o Basso, a cui mi piace soccombere, un colorito naturale, lo splendore di molte attività artistiche e quei piaceri che le piace prolungare sotto la silenziosa coperta: quanto più ti adoperi per dissolvere il nostro amore, [15] tanto più ti deludiamo rinnovando la reciproca promessa di fedeltà
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XXI

Score 8.1%

Non inpune feres : sciet haec insana puella Et tibi non tacitis vocibus hostis erit: Nec tibi me post haec committet Cynthia nec te Quaeret : erit tanti criminis illa memor,[20] Et te circum omnes alias irata puellas Differet : heu nullo limine carus eris Non te ne andrai impunito: la mia donna innamorata saprà ciò e ti sarà nemica con tacite parole: e Cinzia non mi affiderà più a te, né ti cercherà: sarà memore di tanta colpa, [20] e adirata ti diffamerà intorno a tutte le altre fanciulle: ahimè in nessuna casa sarai caro
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVIII

Score 44.4%

Nullas illa suis contemnet fletibus aras, Et quicumque sacer, qualis ubique, lapis Non trascurerà di bagnare con le sue lacrime gli altari, e qualunque sacra pietra, qualunque e dovunque
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 07

Score 17.3%

Non ullo gravius temptatur Cynthia damno,[25] Quam sibi cum rapto cessat amore deus, Praecipue nostri Cinzia non sia colpita da nessun danno più grave, [25] di quando il dio, rapitole l'amante, specialmente me, resti inoperoso
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXX

Score 12.3%

Maneat sic semper, adoro, Nec quicquam ex illa quod querar inveniam Rimanga così sempre, io prego, e non troverò nulla che io mi lamenti di lei
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXVIII

Score 8.1%

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XVII

Score 11.0%