Plauto, Miles Gloriosus: Actus II, 272-353

Plauto, Miles Gloriosus: Actus II, 272-353

Latino: dall'autore Plauto, opera Miles Gloriosus parte Actus II, 272-353

Sceledrus Palaestrio SCELEDRUS Nisi quidem ego hodie ambulavi dormiens in tegulis, certo edepol scio me vidisse hic proxumae viciniae Philocomasium erilem amicam sibi malam rem quaerere

PALAESTRIO Hic illam vidit osculantem, quantum hunc audivi loqui

[275] SCELEDRUS Quis hic est

PALAESTRIO Tuos conservos

quid agis, Sceledre

SCELEDRUS Te, Palaestrio, volup est convenisse

PALAESTRIO Quid iam

aut quid negotist

fac sciam

SCELEDRUS Metuo--PALAESTRIO Quid metuis

SCELEDRUS Ne hercle hodie, quantum hic familiariumst, maxumum in malum cruciatumque insuliamus

PALAESTRIO Tu sali solus, nam ego istam insulturam et desulturam nil moror

[280] SCELEDRUS Nescis tu fortasse, apud nos facinus quod natumst novom

PALAESTRIO Quod id est facinus

SCELEDRUS Impudicum

PALAESTRIO Tute scias soli tibi, mihi ne dixis, scire nolo

SCELEDRUS Non enim faciam quin scias

simiam hodie sum sectatus nostram in horum tegulis
SCELEDRO PALESTRIONE SCELEDRO (tra sé) Se non stavo dormendo, io, mentre mi aggiravo sui tetti, allora l'ho vista, certo che l'ho vista, la bella del padrone che cercava guai nella casa del vicino

PALESTRIONE (tra sé) Ho capito bene

Allora è lui che l'ha veduta mentre dava baci [275] SCELEDRO Chi c'è qui

PALESTRIONE Il tuo compagno, c'è

Come ti va, Sceledro

SCELEDRO Oh, Palestrione

Sono felice di incontrarti

PALESTRIONE E perché, cos'è successo

Dimmi tutto

SCELEDRO Ho paura PALESTRIONE Paura di che

SCELEDRO Per Ercole

Possiamo cascare, noi tutti della casa, in bocca agli strumenti di tortura

PALESTRIONE Cascaci tu, da solo, mica ci tengo a fare questi tuffi [280] SCELEDRO Ma tu non sai che fattaccio ci è nato in casa

PALESTRIONE Che fattaccio

SCELEDRO Uno scandalo

PALESTRIONE Tientelo per te

Non parlarmene, non voglio sapere nulla

SCELEDRO Ma io devo proprio dirtelo
PALAESTRIO Edepol, Sceledre, homo sectatu's nihili nequam bestiam

[285] SCELEDRUS Di te perdant

PALAESTRIO Te istuc aequom--quoniam occepisti, eloqui

SCELEDRUS Forte fortuna per impluvium huc despexi in proxumum, atque ego illi aspicio osculantem Philocomasium cum altero nescio quo adulescente

PALAESTRIO Quod ego, Sceledre, scelus ex te audio

SCELEDRUS Profecto vidi

PALAESTRIO Tutin

SCELEDRUS Egomet duobus his oculis [290] meis

PALAESTRIO Abi, non verisimile dicis, neque vidisti

SCELEDRUS Num tibi lippus videor

PALAESTRIO Medicum istuc tibi meliust percontarier

verum enim tu istam, si te di ament, temere hau tollas fabulam: tuis nunc cruribus capitique fraudem capitalem hinc creas

nam tibi iam ut pereas paratum est dupliciter, nisi supprimis [295] tuom stultiloquium

SCELEDRUS Qui vero dupliciter
Una scimmia, sui tetti, io oggi stavo inseguendola PALESTRIONE O Sceledro

Un uomo da nulla inseguiva una bestia da nulla [285] SCELEDRO Gli dèi ti fulminino

PALESTRIONE Te, invece, be', parla, già che hai cominciato

SCELEDRO Per puro caso, attraverso l'impluvio, guardo giù, nella casa del vicino, e che vedo

Filocomasio che sta baciando un giovane nonsochì PALESTRIONE Ma perché, Sceledro, debbo ascoltare le tue boiate

SCELEDRO L'ho vista, garantito PALESTRIONE Tu

SCELEDRO Io, proprio io, con questi occhi

[290] PALESTRIONE Ma va', quel che dici è inverosimile, tu non hai visto nulla

SCELEDRO Mi hai preso per orbo

PALESTRIONE Orbo

È meglio che tu lo chieda a un medico; però, una storia come questa - che gli dèi ti salvino - non dovresti lasciartela scappare così alla leggera: stai creando un pericolo mortale per le tue gambe, la testa

In ogni caso ti stai preparando una brutta fine, se non la pianti di sputar scemenze

[295] SCELEDRO In ogni caso

E perché
PALAESTRIO Dicam tibi

primumdum, si falso insimulas Philocomasium, hoc perieris; iterum, si id verumst, tu ei custos additus perieris

SCELEDRUS Quid fuat me, nescio: haec me vidisse ego certo scio

PALAESTRIO Pergin, infelix

SCELEDRUS Quid tibi vis dicam nisi quod viderim

[300] quin etiam nunc intus hic in proxumost

PALAESTRIO Eho an non domist

SCELEDRUS Vise, abi intro tute, nam ego mi iam nil credi postulo

PALAESTRIO Certum est facere

--SCELEDRUS Hic te opperiar; eadem illi insidias dabo, quam mox horsum ad stabulum iuuenix recipiat se pabulo

quid ego nunc faciam

custodem me illi miles addidit: [305] nunc si indicium facio, interii; si taceo, tamen, si hoc palam fuerit

quid peius muliere aut audacius

dum ego in tegulis sum, illaec sese ex hospitio edit foras; edepol facinus fecit audax
PALESTRIONE Ti spiego; punto primo: se accusi a torto la ragazza, sei spacciato

Punto secondo: se l'accusi a ragione, sei spacciato lo stesso, perché tu sei il suo guardiano SCELEDRO Che ne sarà di me

Non lo so; però so che l'ho veduta

PALESTRIONE O infelice, insisti

SCELEDRO Che vuoi che ti dica, se non quello che ho visto

[300] Guarda che lei è ancora lì, nella casa del vicino

PALESTRIONE Ah sì, non è in casa nostra

SCELEDRO Va' dentro, vacci, se ne hai voglia, perché io non pretendo che mi si dia retta

PALESTRIONE È proprio quello che farò (Entra in casa del soldato) SCELEDRO E io starò qui ad aspettarlo, e intanto aspetterò al varco la giovenca, quando dal pascolo farà ritorno alla stalla

Mo' che faccio

Il soldato mi ha comandato di farle la guardia

[305] E ora, se la denuncio, sono fottuto; se sto zitto, è lo stesso, nel caso che l'affare venga fuori

Chi c'è di peggio e di più sfacciato di una donna

Mentre io me ne stavo sul tetto, lei ha tagliato la corda
Maybe you might be interested
hocine si miles sciat, credo hercle has sustollat aedis totas atque hunc in crucem

[310] hercle quidquid est, mussitabo potius quam inteream male; non ego possum quae ipsa sese venditat tutarier

PALAESTRIO Sceledre, Sceledre, quis homo in terra te alter est audacior

quis magis dis inimicis natus quam tu atque iratis

SCELEDRUS Quid est

PALAESTRIO Iuben tibi oculos exfodiri, quibus id quod nusquam est vides

[315] SCELEDRUS Quid, nusquam

PALAESTRIO Non ego tuam empsim vitam vitiosa nuce

SCELEDRUS Quid negotist

PALAESTRIO Quid negoti sit rogas

SCELEDRUS Cur non rogem

PALAESTRIO Non tu tibi istam praetruncari linguam largiloquam iubes

SCELEDRUS Quam ob rem iubeam

PALAESTRIO Philocomasium eccam domi, quam in proxumo vidisse aibas te osculantem atque amplexantem cum altero
Che grinta, accidenti, che coraggio

Se il soldato mangia la foglia, sono convinto che mette in croce tutta la casa, me compreso; e allora, comunque sia, è meglio che io faccia zitto e mosca, piuttosto che finir male; [310] mica posso tenerla a bada, una donna che si mette in vendita

PALESTRIONE (uscendo di casa) Sceledro, Sceledro, dove lo trovo, su questa terra, uno più avventato di te

Chi più di te è nato in odio e ira agli dèi

SCELEDRO Che ti prende

PALESTRIONE Perché non te li fai strappare dalle orbite quegli occhi con cui vedi ciò che non esiste

[315] SCELEDRO Non esiste cosa

PALESTRIONE La tua vita, io non la comprerei nemmeno per una noce secca

SCELEDRO Ma di cosa parli

PALESTRIONE Di cosa parlo

E me lo chiedi

SCELEDRO E perché no

PALESTRIONE Perché non te la fai tagliare questa tua linguaccia spudorata

SCELEDRO Tagliarla, e perché
[320] SCELEDRUS Mirumst lolio victitare te tam vili tritico

PALAESTRIO Quid iam

SCELEDRUS Quia luscitiosu's

PALAESTRIO Verbero, edepol tu quidem caecus, non luscitiosu's

nam illa quidem * domi

SCELEDRUS Quid, domi

PALAESTRIO Domi hercle vero

SCELEDRUS Abi, ludis me, Palaestrio

PALAESTRIO Tum mihi sunt manus inquinatae

SCELEDRUS Qui dum

PALAESTRIO Quia ludo luto

[325] SCELEDRUS Vae capiti tuo

PALAESTRIO istuc, Sceledre, promitto fore, nisi oculos orationemque aliam commutas tibi

sed fores concrepuerunt nostrae

SCELEDRUS At ego ilico observo foris; nam nihil est qua hinc huc transire ea possit nisi recto ostio

PALAESTRIO Quin domi eccam

nescio quae te, Sceledre, scelera suscitant
PALESTRIONE Perché Filocomasio è in casa nostra, altro che baciarsi e strofinarsi con un altro in casa del vicino, come dicevi tu di averla vista [320] SCELEDRO Che strano, tu mangi loglio invece che frumento, che costa così poco

PALESTRIONE Che c'entra

SCELEDRO Il loglio rovina la vista

PALESTRIONE Pelle da bastonate, tu ce l'hai rovinata, la vista, anzi sei tutto cieco

Perché la donna se ne sta a casa nostra

SCELEDRO Ma come, a casa

PALESTRIONE A casa, sicuro

SCELEDRO Vattene, Palestrione, tu stai giocando con me

PALESTRIONE Ma allora ci ho le mani sozze

SCELEDRO Perché

PALESTRIONE Perché sto giocando con un sacco di merda

[325] SCELEDRO Crepa

PALESTRIONE Crepa tu, Sceledro, e certo sarà così se non ti sbrighi a cambiarti gli occhi e la lingua; ma la nostra porta sta cigolando

SCELEDRO E io sto di guardia a quest'altra

Mica ce l'ha un'altra via per ritornare, la ragazza

PALESTRIONE Ma è da noi

Non so proprio, Sceledro, quali scelleraggini ti scervellino
Maybe you might be interested
[330] SCELEDRUS Mihi ego video, mihi ego sapio, ego credo plurumum: me homo nemo deterrebit, quin ea sit in his aedibus

hic obsistam, ne imprudenti huc ea se subrepsit mihi

PALAESTRIO Meus illic homo est, deturbabo iam ego illum de pugnaculis

vin iam faciam, ut stultividum fateare

SCELEDRUS Age face

[335] PALAESTRIO Neque te quicquam sapere corde neque oculis uti

SCELEDRUS Volo

PALAESTRIO Nempe tu istic ais esse erilem concubinam

SCELEDRUS Atque arguo eam me vidisse osculantem hic intus cum alieno viro

PALAESTRIO Scin tu nullum commeatum hinc esse a nobis

SCELEDRUS Scio

PALAESTRIO Neque solarium neque hortum, nisi per impluvium

SCELEDRUS Scio

[340] PALAESTRIO Quid nunc

si ea domist, si facio, ut eam exire hinc videas domo, dignun es verberibus multis

SCELEDRUS Dignus
[330] SCELEDRO Vedo con i miei occhi, penso con la mia testa, mi fido di me più che d'ogni altro; non c'è uomo al mondo che possa convincermi che la ragazza non è in questa casa (indica la casa di Periplecomeno)

Qui resterò, io, che quella non mi sgusci via sotto il naso

PALESTRIONE (tra sé) È mio, quest'uomo

E adesso lo stano dal suo buco

(Forte) Vuoi che ti convinca a confessare che hai le traveggole

[335] SCELEDRO Provaci

PALESTRIONE E che non hai sale in zucca

E che non sai servirti degli occhi

SCELEDRO Avanti

PALESTRIONE È vero o non è vero che tu dici che la concubina del padrone è là

SCELEDRO È vero, e dichiaro che l'ho veduta là dentro mentre baciava uno straniero

PALESTRIONE E lo sai che non c'è alcun passaggio da quella casa alla nostra

SCELEDRO Certo che lo so

[340] PALESTRIONE Niente terrazza, niente giardino, si passa soltanto per l'impluvio, no

SCELEDRO Lo so

PALESTRIONE E allora
PALAESTRIO Serva istas fores, ne tibi clam se subterducat istinc atque huc transeat

SCELEDRUS Consilium est ita facere

PALAESTRIO Pede ego iam illam huc tibi sistam in viam

-- SCELEDRUS Agedum ergo face

volo scire, utrum egon id quod vidi viderim [345] an illic faciat, quod facturum dicit, ut ea sit domi

nam ego quidem meos oculos habeo nec rogo utendos foris

sed hic illi subparasitatur semper, hic eae proxumust, primus ad cibum vocatur, primo pulmentum datur; nam illic noster est fortasse circiter triennium, [350] neque cuiquam quam illi in nostra meliust famulo familia

sed ego hoc quod ago, id me agere oportet, hoc observare ostium

sic obsistam

hac quidem pol certo verba mihi numquam dabunt

Se lei è in casa nostra, se te la faccio vedere mentre esce da qui, te lo meriti o no un sacco di legnate

SCELEDRO Me lo merito PALESTRIONE Sta di guardia a questa porta, che non ti sgusci di nascosto e s'infili di qua SCELEDRO È proprio la mia idea

PALESTRIONE Te la farò comparire qui, su questa strada, con i suoi piedini

SCELEDRO E fallo

(Palestrione entra nella casa del soldato) Voglio proprio sapere se ho visto quello che ho visto [345] o se lui riuscirà a fare quel che promette, e cioè provare che la ragazza è in casa

Ce li ho, gli occhi, io, mica debbo chiederli in prestito; ma quello si arruffiana sempre alla ragazza, le sta sempre intorno; a tavola lo invitano per primo, per primo lo servono pure

E pensare che è da noi sì e no da tre mesi, [350] ma fra tutti i servi non c'è nessuno che sia trattato meglio

Ma io ora faccio ciò che debbo fare: la guardia alla porta

Starò attento, io

Perbacco, non mi prenderanno per il naso

Maybe you might be interested