Orafi al lavoro. Frammento di pittura parietale

Orafi al lavoro. Frammento di pittura parietale

La XVIII dinastia dell'Antico Egitto - che insieme alla XIX e alla XX costituisce il cosiddetto Nuovo Regno - fu un'epoca di notevole fioritura artistica. "Orafi al lavoro" provenie dalle tombe di Ipuki e Nebamun, due artigiani e scultori che lavorarono alla necropoli reale di Tebe durante il regno di Amenhotep II e parteciparono ai numerosi progetti edili del sovrano durante il nuovo Regno

nonostante il rango di Nebamun non fosse apparentemente tra i più elevati, egli preparò il proprio sepolcro ad arte. Questo doveva essere condiviso da Ipuki, con il quale Nebamun unì le forze e le competenze per realizzare una tomba raffinata e preziosa quanto quella dei nobili che sorgevano in quella zona. 

L'oro veniva utilizzato per decorare i templi dedicati al faraone ed è collocato accanto al sovrano nella tomba affinché costui se ne potesse servire durante il viaggio nell'aldilà. Almeno una parete di queste camere funerarie era riservata alla celebrazione del lavoro del defunto: Orafi al lavoro ritrae infatti 11 artigiani occupati in varie attività - dalla pesatura iniziale dell'oro alla creazione di oggetti preziosi - e, oltre a costituire un elegante ritratto del mestiere, con molte mani animate in diverse azioni, fornisce importanti informazioni storiche sulle botteghe artigiane dell'antico Egitto e sull'alto grado di specializzazione richiesta agli orafi. Ipuki e Nebamun, che probabilmente erano fratelli o comunque imparentati, ci hanno voluto lasciare una chiara immagine della loro vocazione professionale 

Maybe you might be interested

statua di Amenhotep I, da Tebe, XVIII dinastia
statua di Amenhotep I, da Tebe, XVIII dinastia

lo stato di conservazione dei colori della statua è sorprendente, in particolare nel contrasto cromatico giocato dal tra il candore della pelle del sovrano e l'alternarsi delle bande color oro e nero...

come è stato danneggiato il volto della Sfinge

la galleria dei Re nota come: la casa di milioni di anni

Il Cristianesimo sancisce la fine della civiltà egizia

soffitto astronomico nella sala del sarcofago di Sethy I

l’identità svelata della mummia urlante conduce all’omicidio di Ramses III

Sarcofago di Nespaurshef, scriba del tempio di Amon-Ra, e le divinità cosmiche Geb, Nut e Shu, XXI dinastia