L’amore fra Alma Mahler ed Oskar Kokoschka

l’amore fra Alma Mahler ed Oskar Kokoschka

Qualcuno si chiede se Alma abbia davvero amato qualcuno oltre se stessa. La relazione con Kokoschka durò fino al 1915. Lei disse: i tre anni con lui sono stati un'unica, ininterrotta battaglia d'amore. prima non avevo mai pagato con tanti spasmi, tanto inferno e tanto Paradiso
Quando i due si conobbero, lui era da tempo l'enfant terrible della scena artistica viennese. Lei aveva 32 anni lui 25. Il loro fu un amore folle, e un intenso legame sessuale.  Oskar, le riservò moltissimi disegni e dipinti, quasi un'ossessione. Per il pittore, l'amore divenne presto sottomissione, il desiderio quasi una forma di possessione. Il quadro di loro due insieme, si chiama la sposa del vento, Windsbraut del 1913, ed è il simbolo di questo periodo. Quando Nel 1915 Alma restò incinta di Oskar, volle abortire. Per lui fu un colpo dal quale non si riprese mai.

La bella austriaca, nel corso della sua vita, era riuscita a far innamorare di se alcuni dei maggiori geni tra il XIX e il XX secolo:

  • Gustav Klimt. Lei aveva 17 anni quando si innamorò di Klimt. Lui aveva 36 anni, una gran quantità di amanti, come concubina una sarta che gli cuciva quelle strambe tuniche con cui andava in giro
  • il compositore Gustav Mahler, primo marito, conosciuto nel 1902. C'erano 20 anni di differenza tra i due. Lui era mezzo impotente. Dopo la sua morte, Alma lascerà intendere che in dieci anni di matrimonio lui l'aveva toccata poco o niente, e male. Ebbero sempre camere separate, e Gustav non la raggiunse mai senza essere sicuro che fosse già addormentata. Alla fine doveva accadere l'inevitabile. Nell'estate 1910, Alma incontrò un bel prussiano biondo di 27 anni, Walter Gropius, architetto, diventarono amanti
  • il pittore espressionista Oskar Kokoschka
  • Walter Gropius
  • lo scrittore, poeta e drammaturgo Franz Werfel, ultimo marito

Alma e Oskar si erano conosciuti nel 1912. Alma aveva 33 anni, i capelli biondi e gli occhi azzurrissimi, la più bella ragazza di Vienna. Riusciva a trasmettere agli altri l'idea di una creatura superiore, rara, preziosa. Le si riconosceva un solo difetto, lasciatole da una malattia infantile: era sorda da un orecchio. Era figlia del pittore Schindler.. 

Alma appariva sensuale e romantica, intelligente e colta, eccezionale, magnetica, una bella voce da mezzosoprano. Conosceva tutto Wagner a memoria. 

Con l'eredità di Mahler, era diventata ricca e libera. Aveva quasi 32 anni ed era ancora alla ragazza più bella di Vienna. Nell'aprile 1912 incontra Oscar Kokoschka 24 anni allievo di Klimt. Alto, occhi con un po' strabici, orecchie a sventola, mani arrossate con le punte delle dita addirittura paonazze, testa rasata come quella di un ergastolano, il giovane pittore aveva già fatto parlare di sé, era violento, ribelle, povero

niente sa più di buono dello sperma di un genio

frase attribuita ad Alma Mahler

Maybe you might be interested

Courmayeur e la Dent di Géant - Oskar Kokoschka
Courmayeur e la Dent di Géant - Oskar Kokoschka

nel 1910 l'artista era ormai uno dei massimi esponenti dell'espressionismo a Berlino, dove i suoi ritratti dalla profonda carica emotiva erano accolti molto favorevolmente. Nel 1927 intraprese uno dei...

Alma promise a Kokoschka, che continuava a scalpitare, di sposarlo solo quando avrebbe dipinto un vero capolavoro. La donna dovette posare per lui sul letto, nuda e sdraiata. Accanto avrebbe ritratto se stesso. Il quadro era quasi ultimato, erano sdraiati il pittore e la sua musa, nudi. Alma con i capelli sciolti, il capo abbandonato sulla spalla dell'amante, dormiva un sonno placido e profondo. Oscar, alla sua sinistra, aveva gli occhi sbarrati. Intorno ai due amanti infuriava la tempesta, ogni colpo di pennello era uno schiaffo di onde; una risacca. 

Oskar era incerto se intitolare la tela Tristano e Isotta, il ricordo del primo incontro con Alma. Una notte mentre stava dando gli ultimi ritocchi al quadro, ricevette la visita di Georg Trakl. Il poeta si sedette in un angolo a guardare il pittore che attingeva i colori dal palmo della mano, in bocca la sigaretta sempre accesa, lo sguardo perso nei suoi deliri sull'infedeltà di Alma. Poi Trackl osservando la tela, cominciò a comporre lentamente ad alta voce dei versi e alla frase l'ardente sposa del vento, Kokoschka cambiò il titolo in La sposa del vento. Alma vide il dipinto e lo giudicò grandioso, riconobbe il capolavoro ma non mantenne La promessa del matrimonio e scomparve

Windsbraut (la sposa del vento) Oskar Kokoschka Windsbraut (la sposa del vento) Oskar Kokoschka

Maybe you might be interested

LA SPOSA DEL VENTO, WINDSBRAUT - ritratto di Alma Mahler ed Oskar Kokoschka

è un opera quasi barocca con i due amanti trascinati dal vento in un imbarcazione persa in una sorta di oceano cosmico, circondati da grandi onde bianche, riboccante di vita e di incubi notturni. A 70 anni Kokoschka avrebbe definito Alma Mahler una creatura selvaggia: non riusciva a smettere di amarla nonostante fosse poi rimasto accanto alla moglie per più di 40 anni. Diceva: nella mia Windsbraut siamo uniti per sempre.

Il pittore dipinse quest'opera, considerato un capolavoro dell' espressionismo austriaco, a 28 anni. Fu una svolta artistica, il blu è qui il colore del sentimento, dello spazio senza confini, nel sogno, della fedeltà e dell'amore romantico, ma anche del freddo, della distanza. Alma Mahler ma era tutto questo: follia d'amore, paura di perderla, inferno, il paradiso

Tags: #lovers
les amoureux sont toujours heureux


la poesia novecentesca di Anna Achmatova

Eva Gonzales ed Edouard Manet, e la gelosia di Berthe Morisot

Lise Tréhot - la musa di Auguste Renoir

l’amore conteso tra Anna Magnani e Ingrid Bergman

Berthe Morisot con cappellino nero e mazzolino di violette - Edouard Manet, 1872