Il bacio dipinto di Francesco Hayez

Il bacio dipinto di Francesco Hayez

Il pittore italiano realizza un manifesto dell'arte romantica italiana mostrando due giovani innamorati che si baciano con ardore. Racconta un amore grande e passionale ma c'è molto di più

Il luogo è indefinito ma grazie al codice dell'abbigliamento possiamo collocare il contesto temporale nel Medioevo. Per molti questo attimo fuggente rappresenta un addio. L'amore travolgente giovanile si manifesta nell'ardore di quel bacio. Lei si abbandona tra le braccia di lui, spera di rivederlo ma non sa se è l'ultima volta. Lui ha una gamba sul primo dei tre scalini, indicando ad un movimento, ad un dover andar via. Nel baciare con trasporto la sua donna, intravediamo un pugnale che porta sotto il lungo mantello.

A lato, contro un muro, il riflesso di un ombra. Di chi è? Non è dato saperlo con certezza, forse un compagno di viaggio dell'uomo che in disparte attende con rispetto il consumarsi di quello che potrebbe essere un addio. Forse una spia, un nemico. La partenza è vicina si, ma qual'è la destinazione? Per rispondere a questa domanda dobbiamo prima capire il periodo in cui visse il pittore

il bacio di Francesco Hayez si trova alla pinacoteca di Brera il bacio di Francesco Hayez si trova alla pinacoteca di Brera

L'italia era divisa in piccoli Stati perché si voleva impedire il progredire sociale politico. Vigeva la censura austriaca, non erano consentiti dissensi, per questo nascevano società segrete come la Carboneria o La giovane Italia, composta da sognatori che volevano l'indipendenza. La volontà pubblica di un nuovo ideale di libertà ardeva e cresceva. C'erano moti di ribellione.

C'è la rivoluzione in Italia, desideri di liberarsi dagli stranieri. Desideri di essere uniti. La patria chiama. Questi pensieri non possono dichiararsi apertamente. Hayez ha bisogno di aggirare la censura e poter mostrare un significato sottinteso senza per questo essere arrestato. Ed ecco che l'uomo nel dipinto è un patriota pronto a morire per il sogno di una Italia unificata. Quel pugnale vuole essere una sfida contro l'invasore asburgico. I giovani sono artefici del loro futuro. La rivoluzione non aspetta, bisogna agire.

Il quadro fu realizzato nel 1859, anno in cui Vittorio Emanuele II fa il suo ingresso a Milano nella seconda guerra d'indipendenza. Per difendere i propri affetti, se vuole avere un futuro felice con la sua donna, il patriota dovrà combattere contro l'oppressore anche se questo potrebbe voler dire: la morte. Hayez realizzò altre varianti de il bacio come quella del 1861, anno della proclamazione del regno d'Italia in cui la veste della fanciulla venne colorato di bianco come omaggio all'unificazione

Maybe you might be interested
Il Viandante sul mare di nebbia di Caspar David Friedrich

Il quadro divenne simbolo del romanticismo tedesco. Un uomo di spalle ammira un paesaggio di montagna. L'esploratore, un viaggiatore solitario, è ves...

Il bacio, variante 1861. La fanciulla indossa un abito bianco, omaggio alla proclamazione del regno d'Italia Il bacio, variante 1861. La fanciulla indossa un abito bianco, omaggio alla proclamazione del regno d’Italia

Da romantico, Hayez ricasca nel bacio anche in un altro suo celebre dipinto: ultimo bacio tra Romeo e Giulietta. I protagonisti si scambiano un bacio. Lei si lascia trasportare dal sentimento, mentre Romeo distratto dal pensiero di scappare dal balcone per non essere catturato

Maybe you might be interested
prima, seconda e terza guerra d’indipendenza in breve

nella prima guerra usciamo sconfitti, nella seconda conquistiamo la Lombardia, nella terza il Veneto

ultimo bacio tra Romeo e Giulietta - Francesco Hayez ultimo bacio tra Romeo e Giulietta - Francesco Hayez