I combattimenti tra gladiatrici contro la diffidenza del popolo

i combattimenti tra gladiatrici contro la diffidenza del popolo

i giochi avevano una loro origine motivazione nelle onoranze funebri. I primi romani aveva l'usanza di ricordare i morti, sacrificando prigionieri di guerra sulle loro tombe. La consuetudine cambia e l'uccisione viene sostituita dai combattimenti

I gladiatori erano un investimento ma anche un offerta al pubblico per divertirlo e intrattenerlo. Finito lo scontro, il destino non era sempre quello di morire per uno dei due contendenti. La morte di un gladiatore, comportava per l'organizzatore dei giochi, il risarcimento al proprietario e, poichè costavano molto, c'erano meno scontri mortali di quanto crediamo oggi.

I risarcimenti erano necessari altrimenti nessuo avrebbe investito soldi nel crescere e formare dei gladiatori. Questi combattenti erano popolarissimi, per questo difficilmente il pubblico chiedeva la loro morte. Alcune lapidi ritrovate di gladiatori ricordano la loro carriera. Una di queste riportava le statistiche del combattente:

  • 21 vittorie
  • 9 pareggi
  • 4 sconfitte

in un totale di 34 gare si poteva perdere e non morire quindi. C'erano anche gladiatrici a combattere,  avevano il petto nudo per mostrare che effettivamente il duello riguardava due donne, tuttavia non suscitavano nel pubblico lo stesso effetto dei combattimenti fra uomini. Una scultura ritrovata, mostra delle donne senza elmo combattere e sotto incisi i loro nomi: Amazzone e Achilla

bassorilievo raffigurante due gladiatrici combattere bassorilievo raffigurante due gladiatrici combattere

Maybe you might be interested

Il giuramento dei Gladiatori. L’atto di sottomissione
Il giuramento dei Gladiatori. L’atto di sottomissione

veniva pronunciato, ai tempi di Roma antica, da un uomo libero che rinunciava alla propria libertà e al proprio status sociale, spesso di altissimo rango, per diventare gladiatore

il contratto giuridico dei gladiatori
il contratto giuridico dei gladiatori

Il lanista era l'imprenditore dei gladiatori, si procurava i combattenti e quello che serviva per il loro addestramento

Il Colosseo raccontato in numeri
Il Colosseo raccontato in numeri

Conosciuto anche come Anfiteatro Flavio (prende il nome dall'era degli imperatori Flavi) è l'anfiteatro ovale più grande mai costruito

i gladiatori non pronunciavano la frase: morituri te salutant
i gladiatori non pronunciavano la frase: morituri te salutant

qualche minuto di riscaldamento e poi lo squillo di una tromba è il segnale che lo scontro ha inizio. Vengono deposte le armi di legno e impugnate le armi reali, sotto lo sguardo di appositi ufficial...

l’alimentazione dei gladiatori
l’alimentazione dei gladiatori

Il lanista che si procurava i gladiatori doveva pensare anche al loro addestramento. I gladiatori non erano carne da macello, mandati a combattere allo sbaraglio anzi. Erano atleti che sapevano comba...

Flavius Scorpus: l’auriga più famoso della storia di Roma

Agrippina tesse gli intrighi di palazzo. Nerone eletto quinto imperatore di Roma

Tre donne al potere nella dinastia dei Severi

un atmosfera diversa dominava i rapporti extraconiugali

Alberto Angela racconta un rapporto sessuale

busto di Tiberio proveniente da Philomenium