Caius Appuleius Diocles: l’auriga che guadagnò 36 milioni di sesterzi

Caius Appuleius Diocles: l’auriga che guadagnò 36 milioni di sesterzi

le corse dei carri dell'antica Roma, originarie della Grecia, sono parte dei giochi olimpici e si impongono presto nella Roma repubblicana per poi trionfare in quella imperiale, dove rappresentano lo sport per antonomasia

le corse hanno luogo nell'ippodromo, o per meglio dire al circo. Il più grande è il Circo Massimo, situato fra l'Aventino e il Palatino. Più volte ricostruito, verrà ampliato fino ad ospitare 385.000 spettatori, quasi per 2/3 seduti. Uomini e donne, giovani e vecchi, liberi e schiavi, lo frequentano in una promiscuità insolita e chiassosa. Molti spettatori scommettono sui carri o sulla scuderia. L'ippodromo ha forme ovale e le curve strette alle due estremità provocano molti incidenti. Non sono rari gli sfregamenti, i colpi bassi, gli imbrogli, le cadute, le ruote che si spezzano

Auriga del V secolo a.C., Delfi Auriga del V secolo a.C., Delfi

I carri possono essere tirati da uno, due, tre o quattro cavalli. Quest'ultima formula è la più spettacolare. A Roma è la corsa principale e si svolge su 7 giri. Con il passare del tempo le competizioni si fanno sempre più numerose:

  • 76 giorno all'anno e 12 corse al giorno all'epoca di Cesare
  • 175 giorno all'anno e fino a 34 corse al giorno, tre secoli dopo

I cocchieri diventano delle star. Gli aurighi erano letteralmente idolatrati e potevano accumulare una fortuna. Agli ex schiavi affrancati e arricchiti dal successo si dedicano talvolta monumenti. Grazie alle iscrizioni funebri, il nome di alcuni di questi campioni è giunto fino a noi, come nel caso di Caius Appuleius Diocles, originario della Lusitania che corse per 24 anni e partecipò a 4.237 corse vincendone 1.462 e guadagnando circa 36 milioni di sesterzi. A quanto pare un record assoluto

Maybe you might be interested

Statua in bronzo raffigura Il conducente di una quadriga
Statua in bronzo raffigura Il conducente di una quadriga

La statua, in bronzo, raffigura Il conducente di una quadriga e faceva parte di un gruppo statuario dedicato da Polizelo, tiranno di Gela, per una vittoria ai giochi pitici del 478 o 474 avanti Cristo

il Circo Massimo. Creazione di Traiano per creare consenso nel popolo
il Circo Massimo. Creazione di Traiano per creare consenso nel popolo

Lungo più di mezzo chilometro Largo quasi 140 metri e con una capienza di 250000 spettatori il Circo Massimo era destinato agli spettacoli più grandiosi

Flavius Scorpus: l’auriga più famoso della storia di Roma
Flavius Scorpus: l'auriga più famoso della storia di Roma

Gli auriga erano i re del circo massimo, il popolo era sempre in delirio quando andava a vederli. E' intorno al 90 d.C. che nasce la leggenda di Scorpus sotto il regno di Domiziano, terzo imperatore d...

Il giuramento degli Orazi, il più bel quadro del suo secolo

Gli epigrafi alla base dell’obelisco in piazza del popolo

Tre donne al potere nella dinastia dei Severi

la ragazza sta facendo qualcosa che allarma il suo partner

i gladiatori non pronunciavano la frase: morituri te salutant

La vita delle Vestali e il rischio di essere sepolte vive