La danza della vita di Edvard Munch

La danza della vita di Edvard Munch

La danza della vita si ispira alle feste scandinave in occasione del solstizio d'estate, la notte più breve dell'anno

Il riflesso della Luna nell'acqua diventa un simbolo fallico per la forma identificando la tematica dominante della sessualità. Al centro compare Munch mentre danza probabilmente con sua cugina con la quale ebbe una storia d'amore che lei poi interruppe, sulla sinistra si avvicina una ragazza desiderosa di qualcosa, forse Tulla Larsen che lo corteggiò a lungo e infine sulla destra una donna matura osserva incapace e desiderosa di unirsi alla danza e partecipare ai caldi abbracci come la folla sullo sfondo.

Il motivo della coppia che si guarda negli occhi è riproposto anche in opere come occhi negli occhi e attrazione. 

Maybe you might be interested
Riassunto sull'Espressionismo nell'arte

Cambio toni di colore, più violento e innaturale, concentrazione maggiore sulla figura rispetto all'impressionismo che non aveva nessun tipo di prefe...

Maybe you might be interested
La genesi che ispira l’opera "L’Urlo" di Munch

Il personaggio ritratto non è lo stesso autore ma rappresenta l'incarnazione dell'uomo, della solitudine e dell'angoscia

Maybe you might be interested
La pubertà dipinto di Edvard Munch

Il soggetto è un adolescente seduta su un letto, nuda, con le mani che coprono la zona pubica e la cui ombra si proietta sulla parete

Maybe you might be interested
analisi dell’opera La morte di Marat di David

Domenica 13 luglio 1793 avviene l'omicidio dell'amico del pittore che vuole così ricordarlo con questo dipinto. Jean Paul Marat era un medico, politi...

Maybe you might be interested
Sera sul viale karl johan di Edvard Munch

Munch trasforma un'attività considerata piacevole come il passeggio, in un lugubre corteo spettrale i cui protagonisti, esponenti della classe Borghe...