We use cookies to track usage and preferences

Orazio, Satire: Libro 01, Satira 1, pag 3

Orazio, Satire: Libro 01, Satira 1

Latino: dall'autore Orazio, opera Satire parte Libro 01, Satira 1

 [60] at bona pars hominum decepta cupidine falso 'nil satis est', inquit, 'quia tanti quantum habeas sis': quid facias illi [60] Ma una buona parte degli uomini illusa da un desiderio ingannevole dice: Nulla è abbastanza, perché vali tanto quanto hai: che gli faresti
Maybe you might be interested
iubeas miserum esse, libenter quatenus id facit: ut quidam memoratur Athenis sordidus ac dives, populi contemnere voces [65] sic solitus: 'populus me sibilat, at mihi plaudo ipse domi, simul ac nummos contemplor in arca Lascialo essere infelice, poiché lo fa volentieri: come si ricorda quel tale di Atene, avaro e ricco, solito disprezzare così le chiacchiere del popolo: [65] il popolo mi fischia, ma io mi applaudo in casa da solo, mentre guardo le monete nel forziere
' Tantalus a labris sitiens fugientia captat flumina
quid rides Tantalo assetato cerca di prendere l'acqua che sfugge dalle labbra - che ridi
mutato nomine de te fabula narratur: congestis undique saccis[70] indormis inhians et tamquam parcere sacris cogeris aut pictis tamquam gaudere tabellis Col nome cambiato la favola parla di te: ammucchiati sacchi da ogni parte [70] dormi a bocca aperta, e ti costringi a non toccare come se fosse sacro o a goderne come se fosse un quadro dipinto
nescis, quo valeat nummus, quem praebeat usum Non sai a che serve il denaro, che uso permette
panis ematur, holus, vini sextarius, adde quis humana sibi doleat natura negatis Si compra il pane, la verdura, un sestario di vino, aggiungi le cose della cui mancanza la natura umana soffre
[75] an vigilare metu exanimem, noctesque diesque formidare malos fures, incendia, servos, ne te conpilent fugientes, hoc iuvat [75] O ti piace ciò, vigilare morto di paura, e notte e giorno temere i ladri malvagi, gli incendi, i servi affinché fuggendo non ti saccheggino
horum semper ego optarim pauperrimus esse bonorum Io di queste gioie preferirei essere sempre poverissimo
at si condoluit temptatum frigore corpus [80] aut alius casus lecto te adflixit, habes qui adsideat, fomenta paret, medicum roget, ut te suscitet ac reddat gnatis carisque propinquis Ma se il corpo soffrì assalito dal freddo [80] o un altro accidente ti ha costretto a letto, hai chi ti assista, prepari i rimedi, chiami il medico, affinché ti guarisca e ti restituisca ai cari figli e parenti
Following pages
Livio, Ab urbe condita: Libro 24; 21-30
Livio, Ab urbe condita: Libro 24; 21-30
Terenzio, Hecyra: Prologus II
Terenzio, Hecyra: Prologus II
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 31-35
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 31-35
Cicerone, In Verrem: 02; 05-26-30
Cicerone, In Verrem: 02; 05-26-30
Virgilio, Eneide: Libro 05 - LA BENEFICA PIOGGIA DI GIOVE
Virgilio, Eneide: Libro 05 - LA BENEFICA PIOGGIA DI GIOVE
Cicerone, In Verrem: 01; 16-18
Cicerone, In Verrem: 01; 16-18
Cicerone, Cicerone ad Attico: 03,01
Cicerone, Cicerone ad Attico: 03,01
Livio, Ab urbe condita: Libro 24; 31-40
Livio, Ab urbe condita: Libro 24; 31-40
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 46-50
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 46-50