Come vivevano i Romani l’amore e il sesso

Come vivevano i Romani l’amore e il sesso

reperti giunti fino ai nostri tempi ci aiutano a dare delle risposte. I Romani lo vivevano in modo più libero e lo consideravano un regalo degli Dei da assaporare fino all'ultima goccia
un affresco erotico mostra che le donne romane non si scioglievano i capelli quando facevano l’amore
19.7%
mosaico colmo di sensualità e passione
17.2%
un atmosfera diversa dominava i rapporti extraconiugali
23.1%
affresco Pompeiano mostra come i romani conoscessero innumerevoli posizioni dell’amore 1/2
23.1%
raffigurazione di Priapo dalla virilità smisurata
18.2%
cumnilingus: l’uomo soddisfa oralmente la donna
20.6%
affresco di Pompei in cui una donna soddisfa oralmente un uomo
21.0%
symplegmata (intrecci): il sesso di gruppo
24.0%
17.9%
l’omosessualità femminile era del tutto malvista
17.9%
al contrario degli uomini, le donne romane si depilavano completamente
20.7%
la ragazza sta facendo qualcosa che allarma il suo partner
26.1%
20.1%
Venus pendula, una delle posizioni più utilizzate dagli amanti
21.6%
Ovidio consigliava alle donne, posizioni diverse per piacer di più o nascondere difetti del corpo 2/2
18.2%
Ovidio consigliava alle donne, posizioni diverse per piacer di più o nascondere difetti del corpo 1/2
17.7%
affresco Pompeiano mostra come i romani conoscessero innumerevoli posizioni dell’amore, 2/2
20.1%
frammento di sarcofago mostra come avveniva il matrimonio romano
18.2%

Maybe you might be interested

Le xilografie erotiche "Shunga": immagini della Primavera
Le xilografie erotiche "Shunga": immagini della Primavera

La messa in scena dell'immaginario sessuale è il terzo dei temi formativi dell'ukiyo-e. Conosciute con il termine di shunga, che letteralmente significa immagini della Primavera, le xilografie erotic...