Mirko con il suo inconfondibile ciuffo rosso