We use cookies to track usage and preferences

Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 01-05

Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 01-05

Latino: dall'autore Sallustio, opera Bellum Iugurthinum parte Parte 01-05

Falso queritur de natura sua genus humanum, quod inbecilla atque aevi brevis forte potius quam virtute regatur A torto il genere umano lamenta che la sua natura, debole e caduca, sia retta dal caso più che dalla virtù
Maybe you might be interested
Nam contra reputando neque maius aliud neque praestabilius invenias magisque naturae industriam hominum quam vim aut tempus deesse Al contrario, chi ben rifletta troverà che non vi è cosa più grande o importante, e che alla natura umana manca la volontà di agire, più che la forza o il tempo
Maybe you might be interested
Sed dux atque imperator vitae mortalium animus est Ma è lo spirito che guida e governa la vita dell'uomo
Maybe you might be interested
Qui ubi ad gloriam virtutis via grassatur, abunde pollens potensque et clarus est neque fortuna eget, quippe quae probitatem, industriam aliasque artis bonas neque dare neque eripere cuiquam potest Se questo procede verso la gloria per la via della virtù, ha in abbondanza vigore, potenza e fama e non ha bisogno della fortuna, perché non è essa che può dare o togliere ad alcuno onestà, energia e altre doti morali
Maybe you might be interested
Sin captus pravis cupidinibus ad inertiam et voluptates corporis pessum datus est, perniciosa libidine paulisper usus, ubi per socordiam vires tempus ingenium diffluxere, naturae infirmitas accusatur: suam quisque culpam auctores ad negotia transferunt Se invece, schiavo di spregevoli passioni, si è abbandonato all'ozio e ai piaceri del corpo e ha goduto per breve tempo della rovinosa lussuria, quando nell'inerzia forza, tempo e ingegno svaniscono, s'incolpa la fragilità della natura: ciascuno, purresponsabile, fa ricadere le proprie colpe sulle circostanze
Maybe you might be interested
Quod si hominibus bonarum rerum tanta cura esset, quanto studio aliena ac nihil profutura multaque etiam periculosa ac perniciosa petunt, neque regerentur magis quam regerent casus et eo magnitudinis procederent, ubi pro mortalibus gloria aeterni fierent Se gli uomini dedicassero al bene tanto impegno, quanto ne mettono nella ricerca di ciò che è inopportuno, inutile e anzi spesso pericoloso e dannoso, governerebbero loro gli eventi invece di esserne governati e s'innalzerebbero a una tale grandezza che, da mortali, diventerebbero, per gloria, immortali
Maybe you might be interested
Nam uti genus hominum compositum ex corpore et anima est, ita res cuncta studiaque omnia nostra corporis alia, alia animi naturam secuntur Infatti, poiché l'uomo è composto di corpo e di anima, tutte le nostre attività e inclinazioni si conformano alla natura dell'uno o dell'altra
Maybe you might be interested
Igitur praeclara facies, magnae divitiae, ad hoc vis corporis et alia omnia huiusce modi brevi dilabuntur; at ingeni egregia facinora sicuti anima immortalia sunt Pertanto la bellezza, la ricchezza, nonché la prestanza fisica e tutte le altre doti di questo genere in breve dileguano: ma le grandi opere dell'ingegno sono, come l'anima, immortali
Maybe you might be interested
Postremo corporis et fortunae bonorum ut initium sic finis est, omniaque orta occidunt et aucta senescunt: animus incorruptus, aeternus, rector humani generis agit atque habet cuncta neque ipse habetur Insomma le qualità fisiche e i beni della fortuna, come hanno un inizio, così hanno una fine e tutto ciò che sorge tramonta e ciò che cresce invecchia; lo spirito, invece, essendo guida incorruttibile ed eterna del genere umano, muove e domina tutto e da nulla si lascia dominare
Maybe you might be interested
Quo magis pravitas eorum admiranda est, qui, dediti corporis gaudiis, per luxum et ignaviam aetatem agunt, ceterum ingenium, quo neque melius neque amplius aliud in natura mortalium est, incultu atque socordia torpescere sinunt, cum praesertim tam multae variaeque sint artes animi, quibus summa claritudo paratur Tanto più deve suscitare meraviglia, quindi, la perversione di coloro che, dediti ai piaceri dei sensi, trascorrono la vita nel lusso e nell'indolenza, e lasciano intorpidire nell'ignoranza e nell'apatia l'intelligenza, di cui nulla vi è di meglio e di più grande nella natura umana, mentre sono così numerose e varie le attività dello spirito, con cui si può ottenere chiara fama
Maybe you might be interested
Following pages
Cicerone, Filippiche: 02; 16-20
Cicerone, Filippiche: 02; 16-20
Livio, Ab urbe condita: Livio 41; 11 - 15
Livio, Ab urbe condita: Livio 41; 11 - 15
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 17-18 Parte 02
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 17-18 Parte 02
Virgilio, Eneide: Libro 03 - POLIFEMO ED I CICLOPI
Virgilio, Eneide: Libro 03 - POLIFEMO ED I CICLOPI
Virgilio, Eneide: Libro 06 - IL TEMPIO DEL DIO APOLLO
Virgilio, Eneide: Libro 06 - IL TEMPIO DEL DIO APOLLO
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 05 - Parte 02
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 05 - Parte 02
Plauto, Aulularia: Actus III, 537-586
Plauto, Aulularia: Actus III, 537-586
Cicerone, Filippiche: 02; 11-15
Cicerone, Filippiche: 02; 11-15
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 19, Paragrafi 57-60
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 19, Paragrafi 57-60