Era, moglie di Zeus, a caccia di Dioniso

Era, moglie di Zeus, a caccia di Dioniso

Dioniso è il padrone della follia, il Dio dei fiori, della vegetazione spontanea e del teatro. Offre all'umanità il dono del vino per aiutarla a dimenticare l'infelicità. Figlio di Zeus re degli dei e di Semele, madre umana, figlia di Cadmo fondatore di Tebe ed eroe che porta in Grecia la scrittura

Era, moglie di Zeus, è gelosa del nascituro e vuole vendicarsi. Consiglia a Semele di chiedere a Zeus di presentarsi in tutta la sua potenza, così da provare il vero amore con un Dio. Semele accetta il consiglio e giro la richiesta a Zeus che acconsente. Questi si presenta all'amante con tuoni e fulmini, ma la donna incinta, non può sopportare la potenza del Dio e muore folgorata dal fuoco.

Zeus raccoglie il feto dalle ceneri e lo cuce dentro la sua coscia. Un grembo segreto che lo nutre fino alla nascita nel miracolo della gestazione paterna. Dopo la nascita, Dioniso viene allevato dalle ninfee ma Era, che brama ancora vendetta, manda i titani per ucciderlo. Dioniso, palesando il dono della metamorfosi, riesce a difendersi trasformandosi in varie figure umane e animali, ma Era interviene di persona, lancia un urlo dall'Olimpo che lo storidisce e i titani lo finiscono. Zeus interviene per salvarlo, fulmina i titani, raccoglie i pezzi di Dioniso, li ricompone e restituisce un altra volta la vita al figlio.

Zeus folgora Semele incinta, uccidendola. Dipinto di Sebastiano Ricci 1695 Zeus folgora Semele incinta, uccidendola. Dipinto di Sebastiano Ricci 1695

Dopo anni vagando in giro per il mondo, Dioniso torna a Tebe dove è nato. Cadmo, suo nonno, cede il regno al nipote Penteo, figlio di Agave, sorella di Semele. Dioniso è quindi cugino del re e nipote della regina madre. Il suo ritorno a casa non è sereno perchè Agave e le sue sorelle credono che la storia della relazione con Zeus sia un invenzione.

Non potendo tollerare che venga infangata la memoria della madre, Dioniso punisce le zie con l'arma della follia  facendo perdere loro il senno. Poi allarga la vendetta a tutte le donne di Tebe che lasciano le case e svuotano la città. Il re Penteo, informato, ordina di far arrestare il cugino e metterlo a morte. Dioniso dà mostra delle sue magie e al suo posto fa arrestare un toro. In seguito fa fare a pezzi il re dalle baccanti. Fra loro c'è anche la madre del re, Agave che non riconosce il figlio e e credendo di uccidere un leone lo porta in trionfo in città, mostrando la testa mozzata del figlio. Ora Dioniso la fa rinsavire perchè possa rendersi conto di ciò che ha fatto

Maybe you might be interested
Eos e Titone: la disillusione di un amore

il principe di Troia che ottene da Zeus l'immortalità su richiesta della sua amante Eos ma ...

Maybe you might be interested
Teseo e Piritoo rapiscono Elena di Sparta

Il patto stabilito tra gli amici d'infanzia prevede di giocarsi a sorte la ragazzina ma non solo ...

Maybe you might be interested
essere piantati in asso, origine dell'espressione

Il modo di dire deriva dalla mitologia che racconta di Arianna abbandonata sull'isola di Nasso da Teseo durante il viaggio di ritorno

Maybe you might be interested
perchè Eracle affronta le 12 fatiche?

figlio di Zeus e di una della sue tante amanti, Alcmena regina di Tebe, Eracle subisce le ire di Era moglie del re degli dei

Maybe you might be interested
cosa rappresenta la fontana di piazza Repubblica a Roma

Quattro naiadi sono disposte intorno alla fontana mentre nel centro si trova Glauco, pescatore della città di Antedone, figlio di Poseidone e della n...

Maybe you might be interested
Adone diviso tra due dee: Afrodite e Persefone

la dea della bellezza, compagna di Ares ( Dio della guerra ) e la regina dei morti, moglie di Ade ( Dio delle ombre e dei morti), combatteranno per l'...

Maybe you might be interested
da una scappatella di Zeus con Meti, nasce la dea Atena

Zeus non si sposa subito con Era e la tradisce più volte con donne molto belle e da queste ha molti figli. Una di queste donne è Meti che è la divi...

Maybe you might be interested
Era, Giunone per i romani, la moglie di Zeus

aveva un carattere forte, vendicativo e subdolo ma era pur sempre la divinità del matrimonio e dell'accoglienza