Voglio del ver la mea donna laudare

Voglio del ver la mea donna laudare

Guido Guinizzelli

Voglio del ver la mea donna laudare

et assembrargli la rosa e lo geglio:

como la stella Diana splende e pare,

e ciò ch' è lassù bello a lei someglio.

Verde rivèra a lei rassembro e l' a 're,
tutti colori e fior, giallo e vermiglio,
oro ed argento e ricche gioi ' preclare;
medesmo Amor per lei raffina meglio.

Passa per via adorna e sì gentile
ch ' abassa orgoglio a cui dona salute
e fal di nostra fe' se non la crede.

E se non pò appressar omo ch' è vile;
ancor ve dico c 'ha maggior vertude:
null ' om pò mal pensar fin che la vede .