We use cookies to track usage and preferences

Virgilio, Eneide: Libro 08 - DISCORSO DI EVANDRO ED IL SUO AIUTO

Virgilio, Eneide: Libro 08 - DISCORSO DI EVANDRO ED IL SUO AIUTO

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 08 - DISCORSO DI EVANDRO ED IL SUO AIUTO

Haec pater Aeoliis properat dum Lemnius oris, Evandrum ex humili tecto lux suscitat alma et matutini volucrum sub culmine cantus Mentre il padre Lemnio affretta queste cose nelle terre eolie, la grande luce dall'umile tetto sveglia Evandro e i canti mattutini di uccelli sotto la volta
Maybe you might be interested
consurgit senior tunicaque inducitur artus et Tyrrhena pedum circumdat vincula plantis L'anziano si alza e si copre le membra con la tunicae mette attorno alle piante dei piedi i lacci tirreni
Maybe you might be interested
tum lateri atque umeris Tegeaeum subligat ensem demissa ab laeva pantherae terga retorquens Poi al fianco ed alle spalle lega la spada tegea avvolgendo la pelle di pantera calata da sinistra
Maybe you might be interested
nec non et gemini custodes limine ab alto praecedunt gressumque canes comitantur erilem Inoltre anche due guardie dall'alta soglia precedono e dei cani accompagnano il passo del padrone
Maybe you might be interested
hospitis Aeneae sedem et secreta petebat sermonum memor et promissi muneris heros Si dirigeva alla sede e gli appartamenti dell'ospite Enea, memore l'eroe dei discorsi e del dono promesso
Maybe you might be interested
nec minus Aeneas se matutinus agebat; filius huic Pallas, illi comes ibat Achates Non di meno Enea si faceva mattiniero; veniva come compagno per questi il figlio, per quello Acate
Maybe you might be interested
congressi iungunt dextras mediisque residunt aedibus et licito tandem sermone fruuntur incontratisi uniscono le destre e si siedono su sedili nel mezzo e finalmente godono di libero discorso
Maybe you might be interested
rex prior haec: 'maxime Teucrorum ductor, quo sospite numquam 470res equidem Troiae victas aut regna fatebor, nobis ad belli auxilium pro nomine tanto exiguae vires; hinc Tusco claudimur amni, hinc Rutulus premit et murum circumsonat armis Il re per preimo così: Grandissima guida dei Teucri, salvo il quale mai dichiarerò veramente vinte le potenze ed i regni di Troia, per noi all'aiuto di guerra a confronto di nome sì grande esigue (sono) le forze; di qui siam chiusi dal fiume tosco, di là il Rutulo ci incalza e strepitano di armi attorno al muro
Maybe you might be interested
sed tibi ego ingentis populos opulentaque regnis iungere castra paro, quam fors inopina salutem ostentat: fatis huc te poscentibus adfers Ma io a te voglio unire ingenti popoli e accampamenti ricchi di poteri, e questa salvezza la offre un caso impensato: ti rechi qui, chiedendolo i fati
haud procul hinc saxo incolitur fundata vetusto urbis Agyllinae sedes, ubi Lydia quondam gens, bello praeclara, iugis insedit Etruscis Non lontano di qui, fondata su antica roccia, si trova la sede della città agillina, dove un tempo il popolo di Lidia, famosissima in guerra, s'insediò nei gioghi etruschi
Maybe you might be interested
Following pages
Virgilio, Eneide: Libro 06 - IL DIVINO CESARE AUGUSTO
Virgilio, Eneide: Libro 06 - IL DIVINO CESARE AUGUSTO
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 11-15
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 11-15
Livio, Ab urbe condita: Libro 10, 01-15
Livio, Ab urbe condita: Libro 10, 01-15
Livio, Ab urbe condita: Libro 07, 07-11
Livio, Ab urbe condita: Libro 07, 07-11
Livio, Ab urbe condita: Libro 42; 16 - 31
Livio, Ab urbe condita: Libro 42; 16 - 31
Catullo, Carmi: Quid dicam
Catullo, Carmi: Quid dicam
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 14, Paragrafi 61-72
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 14, Paragrafi 61-72
Svetonio, Vite dei dodici cesari: Libro 02, Par 01 - 10
Svetonio, Vite dei dodici cesari: Libro 02, Par 01 - 10
Livio, Ab urbe condita: Libro 41; 06 - 10
Livio, Ab urbe condita: Libro 41; 06 - 10